Recensione su Le idi di Marzo

/ 20116.7355 voti

sarebbe sei e mezzo / 19 dicembre 2011 in Le idi di Marzo

Seguire il comprimario, se sono più di uno è anche meglio. E questo film è un trionfo di comprimari superbi che recitano un copione oliatissimo.
Come perdere l’innocenza è un tema frequentissimo nelle produzioni Usa, forse perché credono comunque all’innocenza. Per questo un film del genere secondo me ci lascia freddi noi europei che siamo molto avezzi a cinismi più profondi. Quindi ammirata la prova attoriale, apprezzato il mestiere generale non resta poi molto. Clooney regista è bravo, competente, forse qui così misurato che certi simboli e certe scelte in quanto, appunto, misurate risultano forse retoriche e poco potenti dal punto di vista simbolico (per esempio i due spin doctor che parlottano dietro l’enorme bandiera americana). Se il protagonista deve credere alla causa e “sposa” gli ideali strepitosi del suo candidato (tutti i discorsi del governatore sono così meravigliosi, così progressisti, così straordinariamente utopici che sembra un sogno), certamente alla fine dovrà arrendersi al piccolo gioco della politica professionale che è puro mestiere, è avere un lavoro. Che in fondo il candidato non sia così adamantino è quasi ovvio, la sua colpa non è neppure così grave in fondo (noi abbiamo politici invischiati con la camorra, la mafia, appaltatori e speculatori sulla pelle della gente, insomma il puritanesimo tipico Usa del film ci solletica molto poco), è grave nel gioco dell’elezione e della campagna elettorale, è grave solo se contestualizzata lì in terra Americana.
Fra le pieghe si aggira il tema della realizzazione di quegli ideali, a qualsiasi costo, ossia se il fine possa giustificare i mezzi usati, se gli obiettivi che sono oggettivamente imbattibili (pace, ecologia, giustizia sociale) valgano il prezzo di debolezze, di piccoli tradimenti, di fiducie che scricchiolano e in fondo di un grande ricatto.
La politica è un gioco di scacchi, ossia un percorso verso il potere, lascia sul terreno pedine, deve scendere a compromessi. Ed è un gioco maschile.
Ci sono solo 3 donne nel film, la moglie con filo di perle che è madre, la stagista giovanissima, avvenente e ultima ruota del carro, la giornalista votata alla carriera che venderebbe l’anima per uno scoop e che si fa anche lei pedina. Tre donne aggirate, usate, mezzi nelle mani di un manipolo di uomini che non hanno nessuna relazione con loro (la scena più bella è infatti quella del sesso fra il protagonista e la stagista in cui lui è totalmente preso, in tutti i sensi, dal discorso sparato ad alto volume del suo candidato, quello sì sommamente eccitante).

Un filo di delusione quindi, un prodotto buono sì, ma che non ha nessun picco reale.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext