?>Recensione | The Hurt Locker | Senza titolo

Recensione su The Hurt Locker

/ 20087.1258 voti

24 dicembre 2012

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Da dire che la Bigelow sta in una teca da idola per Strange Days, oltre a essere una delle rarissimissime registe in circolazione – sì, no, brave intendo (ahah, l’unica regista donna che fa film da uomini, si trova scritto:D).
C’è questa squadra antiesplosivi in Iraq che affronta quotidianamente blu le mille bombe blu. Gli salta l’artificiere, ne arriva un altro, apparentemente pazzo come un cavallo ma a cui tutto riesce sempre alla perfezione. Non si capisce bene perché questi 3 debbano quasi sempre esser soli a fare quel che fanno, danno un po’ l’idea dei cavalieri solitari nel deserto contro i cattivi, mentre invece immagino che a far la guerra serva un po’ più di organizzazione.
Comunque, tener alta la tensione con delle bombe che non sai se scoppiano nemmeno è così difficile, lo diceva anche Hitchcock a Truffaut, non capisco neanche perché nei film americani quando ci sono degli arabi sono sempre urlanti e sembra sempre che dicano allah allah allah in continuazione.
Il sottotesto parla della guerra e del male di vivere che ne consegue, e che resta dentro anche quando si torna a casa.
Il protagonista, che nel suo scafandro fa un figurone, nel finale è di nuovo al fronte perché quella è ormai la sua quotidianità, in cui si ritrova, e non la è più vivere in una villetta a schiera di una cittadina yankee (del cazzo, qua ci stava un del cazzo) con moglie che non lo capisce, figlio e caminetto. Pure il caminetto che non lo capisce. Perché, lo dice pure la locandina, la guerra è una droga ecc.
Piuttosto perplime che alla fine il protagonista sia ancora il più vivo di tutti, tenuto conto dei rischi al limite dello stupido che si prende, e anche gli arabi sembrano un po’ babbazzi, e falle esplodere prima queste bombe, cosa aspetti che te le disinneschi a fare? Ciò detto, a me il film è ben piaciuto, giustamente teso come una corda di violino e no risparmi nello scavare un po’ nei tre soldati spersi tra sabbia e allahallah. Per esempio prima lo sapevate come prende la mira un cecchino? Ok, non serve a una mazza, però…
Poi perché lo abbiano voluto tempestare con una grandine di oscar non lo so. Cioè, I mean, lo so, i nostri ragazzi al fronte, la guerra è brutta ecc, però non son d’accordo.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext