48 Recensioni su

Hunger Games

/ 20127.0986 voti
Hunger Games
Regia:

boh / 21 Settembre 2017 in Hunger Games

ho cliccato ”vorrei vederlo” ma non so dove andare a guardarlo!

Piacevole ma elementare / 12 Agosto 2016 in Hunger Games

Film indubbiamente piacevole, ma elementare, adatto soprattutto a un pubblico di adolescenti. Gran cast, ma la trama è prevedibile: puoi indovinare la sorte di quasi ciascun personaggio fin dal primo momento in cui entra in scena.

Bello, ma… / 12 Agosto 2015 in Hunger Games

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

La prima volta che ho visto questo film devo ammettere che mi è piaciuto.
tecnicamente perfetto, cast, fotografia, scenografie, effetti speciali, tutto perfetto. L’espressività di Jennifer Lawrence è stata ampiamente valorizzata, le è stato dato il giusto spazio. Così ho letto anche il libro.
C’è da dire che il personaggio di Katniss è reso meglio nel film, anche se rimane comunque privo di spessore e realismo. Essendo un eroina doveva avere un arma e un simbolo che la rappresenti la rivoluzione, ma non è credibile. Anzi, a lungo andare risulta piuttosto antipatico come personaggio.
Insomma, il film subisce l’incompletezza del libro. Il libro infatti, nonostante abbondi di buoni spunti e fantasia, risulta scarno dal punto di vista del linguaggio. Inoltre è imbottito di riferimenti alla cultura classica, mi si passi l’espressione, inserita a ca**o.
Ci sono molti nomi provenienti dall’antichità (Castore, Polluce, Plutarco, Seneca…) assegnati a personaggi senza alcun criterio.
Da notare la lungimiranza nel film che prevede l’esecuzione di Seneca come un forzato suicidio, cosa che nel libro è assente.
Il nome di questo governo totalitario “Panem” riferendosi al famoso Panem et Circenses, rivelando solo nel terzo libro il collegamento tra i due, che poi del tutto incongruente.
Questo film è stato venduto come un capolavoro, come un film di denuncia contro le dittature e i reality show. Ma io riesco a vedere solo un prodotto commerciale, un assemblamento di situazioni già viste.
Come non pensare a the Truman Show? Come non pensare a George Orwell al Grande Fratello di 1984? E questa violenza tra giovani, che costituisce gli Hunger Games, non ricorda forse un certo Alex di un certo film chiamato Arancia Meccanica? E poi ovviamente è presente anche un immancabile triangolo amoroso, giusto per le fan più romantiche, che ricorda un certo film sui vampiri. E quella spilla, con la ghiandaia imitatrice, è una trovata per dare un simbolo alla saga, e per me è la parte più irritante.
Hunger Games è un bel film, ma è stato imbruttito da tutte queste imperfezioni. Basta pensare che la tensione è data dal dubbio sulla sopravvivenza di Katniss, ma è chiaro che sopravvive se ci hanno fatto due sequel. Due sequel che il mercato richiede.
Peccato.

Leggi tutto

15 Maggio 2015 in Hunger Games

Bellissimo come il libro. Nessuna delusione per fortuna. Mentre di solito con i film tratti dai libri purtroppo accade che siano delle delusioni.

stupendo / 22 Marzo 2015 in Hunger Games

sono senza parole!!!

Spoglio / 16 Dicembre 2014 in Hunger Games

Uno dei film, a mio avviso, peggiori del 2012. Parlo da lettrice della saga. Il film è lento, carente nei particolari, pieno di tagli (anche molto importanti), noioso – la classica storiella tra due ragazzini, con la sola aggiunta di stare in un’arena a combattere (originale, ma il centro è la solita love story) dalla quale, guarda caso!, si salvano entrambi – e banale.
Questo per quanto riguarda il film, nel quale hanno banalizzato molto la storia tra Katniss e Peeta e hanno tagliato nove decimi del libro. Per fortuna si sono poi ripresi con Cathing Fire (La Ragazza di Fuoco).

Leggi tutto

6 perché non me la sento di essere cattivo. / 17 Giugno 2014 in Hunger Games

Ok, scrivo la mia prima recensione. Più che altro è il mio punto di vista personale da ignorante (non sono esperto di cinema e non conosco l’opera letteraria).
Il film si fa guardare, annoiando di tanto in tanto ed emozionando quasi mai. L’idea mi piace, ma secondo me nel film è sviluppata malissimo, puntando esplicitamente allo stesso pubblico di Twilight (e non faccio parte di tale pubblico). La sceneggiatura non è di certo delle migliori e le oltre due ore di film non sono state in grado di caratterizzare in modo adeguato i personaggi (direi neppure la protagonista!).
Le riprese alla Dogma 95 non penso si addicano ad un film del genere e mi hanno irritato più volte durante la visione.
Non penso di guardare il sequel.
Il mio voto è un 6, anche se probabilmente sarei stato più per un’insufficienza.

Leggi tutto

“Sai come chiamano gli Hunger Games in Giappone? Battle Royale con formaggio…” / 15 Dicembre 2013 in Hunger Games

Faccio la mia solita doverosa premessa del caso: non ho letto i romanzi di Suzane Collins, quindi, oltre al fatto che questo è il mio primo approccio a quest’opera, il mio giudizio è da intendere strettamente legato alla pellicola.
Conosco l’opera Battle Royale (precisamente ho letto quei quindici volumetti che compongono il fumetto) ed è stato inevitabile, una volta venuto a conoscenza della trama di questo film, di notare delle similitudini con l’opera di Koushun Takami. Similitudini che non sono state notate soltanto da me e che hanno suscitato un certo trambusto mediatico da parte dei fan dell’opera giapponese, con alcune critiche di plagio mosse nei confronti della Collins.
L’ironico titolo della mia recensione è tratto appunto da un simpatico photoshop trovato in giro per il web e generato proprio da quel trambusto mediatico già citato.
Dopo aver visto questo film posso dire, da estimatore del Battle Royale cartaceo, che le critiche mosse sono piuttosto esagerate. Certo, viene quasi naturale fare il confronto tra le due opere in questione (io stesso lo sto facendo adesso) ma, tolta la base, Hunger Games si discosta molto dal suo rivale nipponico.
Mentre l’opera di Koushun Takami sfrutta la violenza surreale per criticare una società marcia e a tratti malata nei confronti dei suoi cittadini, Hunger Games si concentra più su uno schema preciso, dove tutto è basato sullo spettacolo e sull’apparenza per il fine ultimo della sopravvivenza. Sin da subito infatti, viene fatto capire allo spettatore come il vero procedimento dei giochi, oltre a quello di uccidere barbaramente i partecipanti, sia proprio quello di attirare l’attenzione del pubblico, mettendo magari in secondo piano le caratteristiche più meritevoli. Non a caso i partecipanti sfrutteranno continuamente questa caratteristica quasi quanto le loro abilità in forza ed intelligenza per garantirsi una via d’uscita.
La struttura del regime totalitario che orchestra crudeli pratiche per tenere a bada il popolo ribelle non è sicuramente originale ma risulta comunque ben inserito e strutturato. Sull’aspetto del ritmo narrativo, vi è una sostanziale divisione. La prima parte del film, di doverosa introduzione allo spettatore è molto lenta, mentre la seconda, più incentrata sull’azione, scorre via facilmente.
Le caratterizzazioni dei personaggi sono invece poco soddisfacenti, fatta eccezione per i due protagonisti. Una menzione va però a Woody Harrelson, che nel suo piccolo ha regalato un discreto ruolo, riuscendo ad imporsi come componente comica della pellicola e distribuendo simpatici momenti di sdrammatizzazione.
In sintesi, Hunger Games non è sicuramente da buttar via. A suo modo è una pellicola valida, con le sue pecche. Ma se vogliamo andare oltre è tutto un altro discorso.

Leggi tutto

14 Dicembre 2013 in Hunger Games

pensavo peggio, tipo una di quelle robe che fanno impazzire i ragazzini.
Il film si lascia guardare, ma la storia… io non l’ho capita.
La trama mi è sembrata abbastanza fine a se stessa, insomma, si poteva evitare.

11 Dicembre 2013 in Hunger Games

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Il blockbuster è un modo rischioso di fare cinema: se il successo al botteghino è quasi sempre scontato, con la stessa facilità un regista, produttore o sceneggiatore può perdere di credibilità professionale. Hunger Games è un film compatto, risultato di un solido lavoro di rimaneggiamento di un libro di successo attuale. La sorpresa non è poca quando, sin dalla prima mezz’ora, ci si accorge che il film possiede una ferma struttura sottostante: il gioco degli sponsor, la credibilità mediatica, l’apparenza come condizione necessaria alla sopravvivenza sono tutti temi caldi e mai , in genere, bene affrontati, men che meno in una pellicola fantasy. Invece qui abbiamo simbolismi presenti e ben mostrati, la povertà del distretto 12 fa da contrappasso ad una Capitol City che è puro apparire; molto forte è infatti l’impatto con i tanto colorati quanto truccati e mascherati abitanti della città, riuniti ad un evento di cui pensano di essere spettatori ma che, grazie all’occhio del regista, risultano principali protagonisti. Vi è una buona caratterizzazione dei personaggi, che non appaiono subito per come sono; presente una umanità di cui non pensavamo di aver speranza (dal target cui sembra appartenere il film), e le dinamiche sociali appaiono chiare e giustificate. Sceneggiatura quindi compatta, dalle forti decisioni di rottura rispetto al libro (prima tra tutte la decisione di usare una narrazione in terza persona piuttosto che in prima), e, aimè, con qualche compromesso di troppo: è proprio il finale che fa acqua, risultando scontato, pilotato e non all’altezza della prima ora e mezza. Un peccato che poteva essere scongiurato, cercando maggior aderenza al libro avrebbero scoperto che la soluzione “dell’ultimo capitolo, in cui durante il viaggio di ritorno verso il Distretto 12, Peeta scopre che per tutta la durata dei giochi Katniss ha solo finto di provare qualcosa per lui e ciò provoca la rottura tra i due personaggi. Nel film la scena è stata omessa” ma avrebbe avuto un significato molto più denso e incisivo. Vale lo stesso per le svariate scene di cruda realtà che nel libro sembrano essere più potenti. Bella la fotografia, sporca e concreta. Buone quasi tutte le performance di un cast che vede nelle proprie file alcuni nomi d’eccellenza (Woody Harrelson e Stanley Tucci su tutti), e buono anche il livello empatico generale. Un tentativo discreto su un terreno che sembra in questi tempi quantomai arido: il fantasy.

Leggi tutto

Futuristico e spietato, 7,5 / 2 Dicembre 2013 in Hunger Games

Originale, che colpisce al cuore… già dall’inizio pochi dialoghi, ansia, stupore…poi eccellenti scenografie e una preoccupazione crescente istante dopo istante… Una sorta di “Survivors” in stile e colore tipo “Arancia Meccanica”: Crudo e realistico, un film meritevole di tanto in tanto … rivisto in attesa del 2o, domani!

UN PLAGIO MALRIUSCITO / 27 Novembre 2013 in Hunger Games

Partendo da un’idea ripresa – io direi plagiata – dal romanzo di Koushun Takami “BATTLE ROYALE”, da cui è stato già tratto l’omonimo film di Kinji Fukasaku, mischiando Orwell, qualcosa dell’ultimo “TRON”, e finanche Harry Potter (il torneo Tremaghi), “HUNGER GAMES”, trasposizione dell’omonimo libro di Suzanne Collins, è il tipico esempio di un bel soggetto sfruttato male, per non dire malissimo. Peccato, perché l’avvio non si offre sgradevole, e la narrazione procede abbastanza decentemente, per circa metà proiezione, malgrado un po’ di lentezza ed un velo patinato. Poi, però, proprio con l’inizio dei giochi, arriva il disastro: la tensione non regge, si scivola nel comico involontario, nel patetismo, nel buonismo. L’intero castello di disfa inesorabilmente. Tematiche che avrebbero richiesto uno sviluppo più accurato – quali la rivolta, il controllo tramite i media, l’illusione dell’arbitrio, il camuffamento di una vera e propria esecuzione capitale – sono giusto accennate senza la minima profondità, ricorrendo ai soliti ridicoli cliché (i neri che reagiscono solo in difesa di altri neri, ad esempio). E poi la violenza quasi censurata, che rende il tutto simile ad un prodotto Disney, quando invece, con una maggiore crudezza, si sarebbe ottenuto un buon impatto sullo spettatore.
La conclusione, prevedibilissima, sembra per un attimo risollevarsi, in vista di un sacrificio shakespeariano che possa fare da miccia per le sommosse nei distretti, ma sceglie invece di placarsi, subito dopo, in una totale mediocrità. Pertanto, buona la scenografia; piatta la fotografia (migliore nell’ambientazione iniziale del Distretto 12); fin troppo abusate le riprese a spalla; abbastanza inespressiva (frigida?) la protagonista; simpaticissimo il grugno ammaccato di Woody Harrelson; Donald Sutherland clamorosamente sprecato; Stanley Tucci inedito, anche nel look, e parecchio accattivante.

Leggi tutto

Katniss ha la faccia da pesce lesso, esattamente come l’avevo immaginata nel libro. / 1 Ottobre 2013 in Hunger Games

Ero partita un po’ prevenuta, sinceramente, con tutti che mi dicevano che era una brutta copia di Battle Royale, o che comunque non era un granché. Per questo motivo prima di guardarlo, ho deciso di leggere appunto Battle Royale (libro), pur avendo ben presente la trama, e anche l’opera d’origine del film in questione.
Alla fine sono rimasta sorpresa dal fatto che l’unica uguaglianza che hanno è il “sacrificio” di ragazzini, la “sorpresa” finale e, forse, la motivazione. Per il resto anche per quanto riguarda le procedure di questi giochi sono ben differenti. Questo la dice lunga sul fatto che la gente dovrebbe pensare due volte prima di aprire bocca. Ma per quanto riguarda la mediocrità di questo titolo non ci si sbaglia. Almeno dal mio punto di vista. Libro e film si eguagliano, non c’è un migliore o un peggio alla fin fine, ma devo ammettere che seppur rientri nella media non mi è dispiaciuto.
Il voto è più un sei e mezzo, ma arrotondo a sette, perché sì. Ho dato sei a cose che mi sono piaciute molto meno quindi, in fondo, sette se lo merita.

Leggi tutto

3 Settembre 2013 in Hunger Games

Il libro era mediocre, il film pure.

Pace e bene.

25 Agosto 2013 in Hunger Games

Ammetto che pensavo che il film in questione fosse molto peggio di così: insomma, avevo paura che si trattasse di un’ulteriore deriva cinematografica à la Twilight, ma il pericolo è stato scampato per un pelo, giusto perché la protagonista non è una sciapa ragazzina senza arte né parte come nel caso citato. Per il resto, la trama (soprav)vive di cliché e psicologie vacue.
Prevedibile in ogni suo minimo sviluppo e privo di un vero scopo narrativo, miracolosamente si lascia guardare (l’avventura è l’avventura), peccando, tra le altre cose, di una lunghezza eccessiva.
Quasi tremo dianzi gli inviluppi tramistici che presagisco (non ho letto i romanzi da cui sono tratte questa pellicola e le prossime due), sottraendo l’azione al racconto in favore di intrighi di “potere”, già nel secondo capitolo.

Leggi tutto

Benvenuti alla 74° edizione degli Hunger Games! / 16 Agosto 2013 in Hunger Games

Diretto da Gary Ross e tratto dal primo libro della trilogia di Suzanne Collins (che ho letto e ho apprezzato molto), appartenente al genere fantascienza post-apocalittica young adult. Almeno credo.
Film ben congegnato. Molto fedele al libro, coinvolgente, a volte prevedibile, ma anche commovente. Duro, ma non mi sorprende; il libro non è da meno.
Ho trovato convincenti gli attori scelti per interpretare Katniss, Gale e Peeta. Lei, poi.. è assolutamente come me la immaginavo mentre leggevo il romanzo: antipatica, spesso da prendere a schiaffi, ma anche coraggiosa, forte, intraprendente, ammirevole.
Ho gradito molto meno la scena in cui viene consegnata a Katniss la famosa spilla a forma di ghiandaia imitatrice, che diventerà il simbolo della ragazza di fuoco; avrei preferito di gran lunga che il regista restasse, anche in questo caso, fedele al libro, mantenendo quindi un personaggio, Madge Undersee, che pur essendo secondario, aveva una sua importanza.
Lo rivedrei volentieri, in ogni caso.

Leggi tutto

7 Luglio 2013 in Hunger Games

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

non ho letto i libri, ma il film mi è piaciuto tanto!!! certo ci sono state uno o due scelte registiche che non mi sono piaciute per niente, ma altre idee che mi sono piaciute molto!! mi sono commossa sia alla morte della bambina che alla morte dell’ultimo concorrente!! bella la storiellina d’amore (anche se si capisce bene si da ora chi dei due vincerà il cuore della bella ragazza) e devo dire che gli effetti speciali non sono niente male… un unica domanda diretta a chi ha letto il libro… c’era realmente bisogno di dividere in due film l’ultimo libro??

Leggi tutto

Ma che avrà di bello questo film ? / 5 Luglio 2013 in Hunger Games

Molto mediocre nella regia e sopratutto nella sceneggiatura …

21 Giugno 2013 in Hunger Games

Premetto che non ho letto il libro.

No, sì, l’ho fatto. Prendevo solo in giro. E mi ha fatto schifo. Meglio il film, almeno ci sono bei colori, belle musiche, bei costumi e soprattutto una Katniss a cui non volevo spaccare i denti. Sarebbe un 6.5 ma arrotondo per eccesso dato il bel visino di Bentley (l’unico motivo per cui lessi il libro – anche se subito dopo rinunciai di andare al cinema perché l’avevo odiato) e il fatto che mi ha intrattenuta. Un po’ insulso, sì, ma se ho dato 7 a Looper perché smettere proprio ora di mettere voti assolutamente casuali?

Leggi tutto

In realta’ sarebbe un 10 (dieci). / 15 Giugno 2013 in Hunger Games

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Avevo proprio voglia questa sera di vedere un film che mi ammorbasse e mi annoiasse per la sua intera durata, e devo dire che l’ho trovato. Certo, il rischio che ci fosse un colpo di scena dietro l’angolo o che accadesse “qualsiasi cosa” era vivido in ogni attimo, ma per fortuna e’ stato superato egregiamente lasciando semplicemente scorrere 140 minuti di nulla.
Ah, c’e’ la natura, c’e’ la violenza, ci sono cani fatti al computer che possono colpire te mentre tu non puoi colpire loro…cosa manca?
Ah, un vero must del genere BOOOOOOOOOORING.

Leggi tutto

14 Giugno 2013 in Hunger Games

Premetto che non ho letto i libri.
Dura troppo e dopo un po’ si possono prevedere le scene finali. Il finale me lo aspettavo meglio. Mi aspettavo il “colpo di scena” in cui uno dei due veniva ucciso dall’altro e invece si salvano entrambi .-.
Bah, poteva uscire fuori un film migliore.

31 Maggio 2013 in Hunger Games

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Premetto che non ho letto il libro.
A me gli young adult non piacciono ed i film che ne traggono neppure quindi ho guardato questo film per pura curiosità aspettandomi una delusione simile a quella di Twilight. Sono partita prevenuta, ecco. Invece devo dire che ne sono rimasta sorpresa e che mi è piaciuto! O almeno, mi è piaciuta l’idea di base.
Ci sono delle cose che proprio non ho digerito, perché purtroppo questo tipo di storie per adolescenti ed adulti non troppo cresciuti hanno quelle che a me sembrano quasi delle regole basilari dal quale non si schiodano, prima fra tutte: vorrei essere violento ma non troppo, vorrei essere esplicito ma non troppo. Sì ecco, nella brutalità degli Hunger Games ci stavano delle scene molto più cruente. Io non ho la passione per il sangue, sia chiaro, ma se devi essere violento facendo vedere ragazzini che si scannano senza alcuna pietà sotto gli occhi di spettatori sadici quanto quelli dei romani ai tempi delle arene coi gladiatori, non aver paura di mostrare altrimenti è inutile! Queste cose fatte a metà ‘la violenza te la dico ma non te la mostro’ non le reggo.

Katniss inizialmente tira talmente tanto antipatia che quasi speravo crepasse nei primi dieci minuti di giochi. Per fortuna una volta in gioco ci hanno messo un attimo a farle abbassare la cresta e man mano che il film andava avanti l’antipatia spariva, menomale.

Un’altra cosa che i young adult non riescono proprio a scollarsi di dosso è il cacchio di triangolo. Oh, ma che palle!
A differenza di come letto in alcune recensioni, mi sembra si capisca abbastanza bene che le mosse di Katniss sono mirate e non spontanee ma sapere che negli altri capitoli della saga ci sarà nuovamente il dilemma due uomini innamorati della stessa donna mi fa perdere la voglia di vedere il seguito.

L’ultima parte, dall’uscita delle bestie in poi, è di un ridicolo… Quello che fino a quel momento era stato un film tutto sommato piacevole, diventa una scemenza banale e prevedibile. Ho sperato tantissimo nel suicidio, davvero, se avessero scelto di non far vincere nessuno dei due sarebbe stato meraviglioso ed anche un ottimo modo di proseguire la saga con una rivolta dei distretti e magari la sete di vendetta della sorellina di Katniss. Sicuramente meglio della fine reale che ti aspetti fin dall’inizio.

Quindi ricapitolando: tutta la parte prima degli Hunger Games è interessante per quanto riguarda la vita nei distretti (questa sorta di schiavitù “gentile”), il perché dei giochi ed i collegamenti che ne derivano.
Da quando pescano i tributi e durante tutta la presentazione l’interesse cala, almeno per me, per riaccendersi all’inizio dei giochi. Ho seguito tutti gli Hunger Games con vero interesse ed anche un po’ di suspance in alcune scene ma come ho scritto prima, peccato per la fine che ha rovinato tutto e la paura nell’osare.
Insomma, per essere un film tratto da un romanzo young adult mi ha stupita positivamente ma non abbastanza da farmi dire “cavolo, che bel film!”
A mio parere, una storia del genere sarebbe stata ottima se descritta per un pubblico adulto e non di adolescenti. Togliendo la storia d’amore (vera o finta che sia, rompe tutta l’atmosfera vedere ‘sti due che litigano poi si sbaciucchiano poi si aiutano poi si amano ma forse no davanti allo sfigato geloso che guarda tutto), togliendo tutta l’ultima parte e con scene un po’ più mature secondo me sarebbe stato un gran bel distopico perché la storia di fondo non è affatto male.

Una cosa: ma siamo proprio sicuri che quella ghiandaia imitatrice protegga? XD quando Katniss la regala alla sorellina quest’ultima viene sorteggiata per gli Hunger Games anche se le probabilità di sorteggio erano scarsissime. Quando la spilla torna a Katniss prima dei giochi, viene ferita praticamente immediatamente ed anche quando lei e Rue scelgono come segnale per dirsi che è tutto apposto il verso della ghiandaia, poco dopo Rue muore. Più che proteggere mi pare che sta ghiandaia porti seriamente sfiga!

Leggi tutto

2 Maggio 2013 in Hunger Games

Fedele al libro, attori giusti…non ho nulla da ridire

appena sufficiente! / 21 Aprile 2013 in Hunger Games

Il film raggiunge appena la sufficienza, grazie alla storia! Regia non dei migliori… col passare dei minuti diventa sempre più prevedibile, lungo e noioso!! La durata del film è veramente troppa (quasi 2 ore e mezzo) dove succede tutto e niente….. nessun colpo di scena, nessun “cambio di rotta” ……. finisce con un finale prevedibilissimo, già nei primi 20 minuti si capisce come andrà a finire …. per quanto mi riguarda, deludente ….

Leggi tutto

15 Marzo 2013 in Hunger Games

Ero partito con buoni propositi e la trama sembrava essere interessante ma poi con il passare dei minuti (tanti… veramente tanti… direi decisamente troppi!!!) rimani con un pugno di mosche.
Noioso e prevedibile in tutte le sue scene.
Per poi finire nel nulla.
Bocciato…
Ad maiora!

28 Gennaio 2013 in Hunger Games

Sapevo ben poco della trama dei libri da cui è tratto il primo capitolo di questa nuova saga, ma la curiosità era tanta e le mie aspettative non sono state deluse. Il film mi è piaciuto.
Non mi metto a gridare al capolavoro però, per quel che è, regge bene per due ore e venti, e senza mai scadere nel patetico. Molto del merito va alla regia, che si distingue ed è fortemente dinamica e vivace. La telecamera è appiccicata ai protagonisti e sobbalza insieme a loro; siamo lontani in questo caso dai monotoni movimenti di camera di altre saghe, qui la regia si adatta alla storia, che mantiene il giusto equilibrio tra tensione e romanticismo, quest’ultimo per fortuna mai gridato, ma espresso in maniera funzionale allo svolgersi della storia. Diciamo che parlare di distopia rifacendosi al padri del genere, tipo Orwell o Bradbury, beh, non è il caso. Qui c’è poca introspezione, un messaggio politico molto blando e poca indagine sulle cause. Però c’è la resa degli effetti negativi, delle conseguenze di una dittatura, è quella parte piace, perchè comunque l’idea di base è originale e in video fa una bella figura.
Gli attori sono tutti molto bravi, in primis Jennifer Lawrence con la sua Katniss. La sua è una recitazione anche molto fisica, in cui riesce bene. Gli attori più navigati, tipo Stanley Tucci o Donald Sutherland hanno ruolo più discreti, ma importanti, e i personaggi acquisiscono molto proprio grazie alle loro interpretazioni.
Infine, gli scenari e la fotografia sono un gradino sopra le produzioni “young adult” a cui siamo abituati e anche la colonna sonora, nella sua varietà, è piuttosto carina.
Una saga partita bene, da proseguire.

Leggi tutto

Hunger Games / 13 Gennaio 2013 in Hunger Games

Bella trasposizione cinematografica del primo libro della Collins che rende bene l’immaginaria nazione di Panem e le crudeltà delle sue tradizioni. Di certo non una pietra miliare del cinema, ma sicuramente un buon risultato nel genere.

naturavventura / 15 Ottobre 2012 in Hunger Games

adattamento del primo capitolo della saga di Katniss Everdeen, scritta da Suzanne Collins. fantascienza distopica con sfondo naturalista con protagonista una giovane amazzone coraggiosa e intraprendente, pronta a sacrificarsi per la propria famiglia. sicuramente non un pilastro del genere, film piacevole, a tratti lento ma ben recitato, trampolino di lancio per la bella Jennifer Lawrence e prova di recitazione superata egregiamente. un film come tanti

Leggi tutto

Ho visto un altro libro / 12 Ottobre 2012 in Hunger Games

Hunger Games è il primo film tratto da una saga di tre libri, prima cosa. Questa trilogia è la più interessante dai tempi dell’irriducibile Harry Potter, nonostante cambi un po’ il target; HP “cresce” con il lettore, o per lo meno io l’ho vissuto così, Hunger Games è per quella fetta di pubblico che oltremanica viene definita come “young adult” che comprende più o meno “giovani adulti” tra i 16 e i 25. Questo per quanto riguarda il libro, il film è la versione edulcorata. Nonostante l’autrice, Suzanne Collins, sia presente tra gli autori dello screenplay e gli executive producers, il film perde di incisività.
La trama è molto fedele al libro, in questo caso però trama coincide con la pura e semplice successione degli eventi; è interessante come hanno trasposto il lavoro degli strateghi, che nel libro è raccontato dalle parole di Katniss. E’ notevole l’interpretazione della Lawrence, anche se non mi è piaciuto il doppiaggio, e anche quelle di Woody Harrelson e di Josh Hutcherson; fiore all’occhiello Donald Sutherland e Stanley Tucci.
Nonostante questi punti a favore, il film manca delle componenti principali del libro. Prima di tutto i giochi sono meno cruenti di come vengono descritti nel libro; poi, non si capisce bene la meccanica dietro agli sponsor, tutto quello che Katniss fa, ad esempio baciare Peeta nella grotta, è un modo per prendere più sponsor e avere una possibilità di salvarsi. Oppure, alla fine del film Haymitch costruisce la storia degli innamorati per evitare che il presidente Snow possa insospettirsi. Fondamentalmente mancano di importanza i gesti di Katniss, non vengono sottolineati come gesti sovversivi, come azioni per mettere in scacco il governo di Snow.
Secondo me, l’errore è stato puntare sulla trama e sui giochi per poi dimenticarsi quello che è dietro al libro vero e proprio (la distopia, la fantapolitica, la crudeltà degli Hunger Games); i gesti di Katniss hanno significato perché poi verranno utilizzati come strumenti di rivolta e non vedo l’ora di vedere come riusciranno a farli passare per quello che realmente sono nel prossimo film.

Leggi tutto

5 Ottobre 2012 in Hunger Games

Non avevo particolari aspettative per Hunger Games, forse è per questo che non l’ho trovato male. La prima parte, prima della battaglia, l’ho trovata molto buona, in particolare Capitol City ed i suoi stravaganti abitanti (il tutto mi ha ricordato molto Brazil di Gilliam, un caposaldo della fantascienza). L’Hunger Game vero e proprio, invece, l’ho trovato terribile e d’una prevedibilità a dir poco irritante. Finale così così, ma considerato che è il primo d’una trilogia ci può anche stare. Buono il cast, soprattutto la protagonista ed i vari personaggi secondari (Harrelson, Sutherland..). Di sicuro non è un capolavoro, ma non è completamente da buttare, attendiamo i successivi film.

Leggi tutto

5 Ottobre 2012 in Hunger Games

La versione edulcorata di Battle Royale: un fanta-thriller ambientato in un futuro post apocalittico dove gruppi di giovani si sfidano in una battaglia mortale che decreterà il campione dei fantomatici Hunger Games. Se la prima parte si rivela convincente per via della bella atmosfera futuristica, è nella seconda che il film crolla miseramente. Quando il gioco si fa duro infatti la tensione si sgonfia tra scene d’azione talmente prosciugate da qualsiasi accenno di violenza da apparire più simili ad una brutta serie tv che ad un film vero e proprio. La brava Jennifer Lawrence non basta a tenere in piedi un teen-movie tanto mediocre.

Leggi tutto

Da vedere / 30 Settembre 2012 in Hunger Games

Fedelissimo al libro, mi ha fatto scoprire la trilogia che mi ha appassionato per tutto lo scorso mese. Come non appassionarsi alla storia degli innamorati sventurati del Distretto 12?

25 Settembre 2012 in Hunger Games

Volevo leggere il libro. E stavo per comprarlo, giuro. Ero perfino arrivata quasi alla cassa, tutta contenta, ma quando ho aperto il libro per darci una sniffata(si, lo ammetto sono una sniffatrice di libri anomimi lol) non ho potuto fare a meno di notare l’orrore. Narrazione in prima persona. Al presente. NO! Mi rifiuto! Non mi importa di quanto possa essermi stato consigliato questo libro, quanto me ne abbiano parlato bene: trama fantastica, personaggi stupendi, prende un sacco blablabla. è scritto come una fanfiction e io ho un odio profondo per le fanfiction.
Nonostante tutto ero sinceramente incuriosita da questo film e siccome i miei amici fan dicevano che era fatto bene e fedele al libro ho deciso di dargli una possibilità.
il Verdetto. Niente di speciale. Un film per ragazzini con personaggi anche un po’ insulsi(Katniss è una Bella Swan che sa tirar con l’arco, una cosa che sia una da sola non riesce a combinare) scontato fino alla morte con un finale che potendo sarei entrata nello schermo a schiaffeggiare i due protagonisti. Peccato, mi aspettavo molto meglio

Leggi tutto

3 Agosto 2012 in Hunger Games

sorpresa positiva: dopo l’esperienza con i vampiri (ho riso tutto il tempo per quanto era ridicolo se non peggio) ero partito prevenuto.
Nonostante tutto si tratta di un’opera se non verosimile quanto meno credibile. Purtroppo chi non ha letto il libro non coglie molte cose, magari piccoli particolari, ma la storia funziona e i personaggi anche secondari sono di tutto rispetto.
Non posso certo definirlo un capolavoro ma si vede volentieri.

Leggi tutto

24 Giugno 2012 in Hunger Games

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Dopo aver letto il libro, l’unica cosa che posso criticare è non aver chiarito abbastanza il fatto che per Katniss la storia d’amore con Peeta è solo una messa in gioco per ottenere aiuti dagli sponsor, sia pure con buoni intenti e legata comunque a Peeta da un sentimento di amicizia. Per il resto davvero un fantasy (finalmente) ben fatto e molto curato, ottime interpretazioni -la Lawrence è una Katniss fantastica-, trucchi e costumi perfetti e stravaganti proprio come vengono descritti nel romanzo.
Speriamo che i seguiti che faranno saranno all’altezza di questo.

Leggi tutto

Non più di 6. / 23 Giugno 2012 in Hunger Games

Film fatto abbastanza male per essere la trasposizione di un bel libro che, personalmente, ho divorato in meno di un giorno.

6 Giugno 2012 in Hunger Games

Si lascia vedere, ma non mi ha entusiasmata più di tanto. Forse avrei dovuto leggere il libro prima.

1 Giugno 2012 in Hunger Games

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Non mi ha esaltato. Di violenza se ne è vista ben poca (molto probabilmente per non incappare in un’improvvida censura con conseguente perdita di pubblico adolescenziale) e fondamentalmente l’idea di utilizzare la metafora del reality in stile deathmatch per esasperare la ricerca di spettacolarizzazione dei nostri tempi e la cinica mercificazione della vita umana è un elemento non poi così originale (tra l’altro ha non poche similitudini con un precedente romanzo/manga/film giapponese, “Battle royale”). Tanto rumore per nulla.
A questo punto non si può far altro che concordare con il Presidente (Sutherland) quando questi si chiede come mai non basti semplicemente uccidere un giovane per ogni distretto senza dover imbastire tutta questa sceneggiata.

Leggi tutto

31 Maggio 2012 in Hunger Games

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Il film non mi ha delusa, anzi, ho ritrovato lo stesso spirito, le stesse sensazioni, le stesse emozioni provate durante la lettura.
Per fortuna la sceneggiatura segue quasi perfettamente gli eventi del libro, e non nascondo di essermi emozionata a vedere sul grande schermo quei momenti che mi avevano commossa nella lettura
(morte di Rue su tutte… anche qui lacrimoni a go go!!!)
La caratterizzazione di Capitol City, che rischiava di essere sopra le righe, mi è piaciuta molto, così come gli attori. La Lawrence è quasi perfetta nel rendere la complessità del carattere di Katniss, peccato solo per il doppiaggio, non del tutto centrato; Peeta è stato una sorpresa. Dalle foto non mi convinceva, invece, pur rimanendo l’attore un po’ una faccia da pesce lesso, rende bene il personaggio e se la cava; grandi Stanley Tucci, Harrelson e la Banks nel ruolo di Effie. Solo l’attore che intepreta Gale, pur bellissimo, l’ho trovato poco espressivo.
Unica pecca del film: il finale leggermente diverso dal libro. Non ci sono grandi differenze, ma nel libro era un finale ancora più in bilico e “triste”, quando Peeta scopre che Katniss ha finto il suo amore per lui nell’arena. Nel film, invece, non hanno inserito il momento in cui Peeta prende consapevolezza della cosa,
anche se ho apprezzato che abbiano lasciato il finale aperto, certi del fatto che gireranno anche il secondo film.

Leggi tutto

Felici Hunger Games! / 15 Maggio 2012 in Hunger Games

Veramente un bel film.
Per quanto mi riguarda, gli autori sono riusciti a mantenere gli aspetti che più mi sono piaciuti del libro della Collins (che in ogni caso non mi ha entusiasmato più di tanto) – come la trama e i personaggi – e nello stesso tempo eliminare quello che invece non mi è piaciuto, come lo stile di narrazione.
un film “completo”, ben confezionato, avvincente quanto basta e ben comprensibile da parte di chi non ha letto il libro (almeno così mi è stato detto da chi ha visto HG con me).
Peccato solamente per la storia di Rue, nel film la approfondiscono poco e forse uno non fa in tempo ad affezionarcisi abbastanza.
I costumi, le scenografie e le musiche sono adattissime.
nonostante la durata, alla fine ero dispiaciuta che fosse finito e avrei voluto rivederlo una seconda volta.
Buonissima prova di tutti gli attori: persino Josh Hutcherson verso cui nutrivo qualche pregiudizio, si è mostrato abilissimo nell’interpretare Peeta Mellark; bravi anche Stanley Tucci nei panni dell’esuberante Caesar Flickerman e ovviamente Jennifer Lawrence.

Leggi tutto

14 Maggio 2012 in Hunger Games

sono finalmente riuscita a vedere il film di Hunger Games.
Commento: mi è piaciuto, a parer mio sono state rese abbastanza bene le ambientazioni e i personaggi, non granchè tutta la storia dei sentimenti e dei pensieri, ma sarebbe stato complicato visto il libro in prima persona.
Ecco… le differenze col libro non sono davvero così tante, ma credo che chi non abbia letto la storia non capirebbe davvero come stanno le cose. Il bello è che sono riusciti a rendere una storia alquanto splatter e sufficientemente amorale e tragica in qualcosa di non così violento.
Cioè, la storia è su 24 ragazzi che si devono uccidere tra loro, mica facile, eppure non si nota il macabro della cosa, nè viene mostrato in maniera morbosa. E questo è un punto a favorissimo visto che è anche uno dei punti di forza del libro

Leggi tutto

Oltre ogni previsione / 12 Maggio 2012 in Hunger Games

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Premetto che non ho letto il libro, ma che mi impegnerò a farlo.
Sono andata al cinema spinta da qualche recensione favorevole e dalla compagnia di due amiche, tuttavia ero abbastanza scettica. Mi aspettavo l’ennesimo film d’azione in cui la trama non ha nè capo nè coda, e il regista ha smania solo di farci vedere quanto siano bravi i suoi addetti agli effetti speciali e gli stuntmen. Ma non è stato così. Nonostante la durata non mi sono annoiata per niente e il fatto che sia tratto da un libro ha effettivamente fornito una trama godibile. Si mescolano mitologia greca, fantascienza e attualità: la storia di Teseo immersa in un futuro indefinito e condita con l’ipocrisia degli odierni reality show. Mi sono trovata a pensare spessissimo a “The Truman show”, forse anche troppo, ma nel complesso non mi è sembrata una mera copiatura. L’analisi del mondo televisivo mi è piaciuta moltissimo, in ogni caso. E anche i movimenti della telecamera e il montaggio.
Note dolenti: forse è un po’ troppo distaccato, non sono riuscita ad identificarmi completamente e ad avvicinarmi del tutto ai personaggi. Il finale poi sembra un po’ buttato all’aria: dopo aver sofferto per tutto il film pensando alla sopravvivenza dei protagonisti, quando questa arriva ci si aspetta almeno qualcosa di più di tre minuti di epilogo, che scivola via peggio del burro.

Leggi tutto

8 Maggio 2012 in Hunger Games

Quando ci si confronta con la trasposizione cinematografica di un libro letto, il giudizio non può essere mai obiettivo o privo di critiche. Eccetto alcuni rari casi, il film ne esce sempre sconfitto. La libertà d’immaginazione che un libro permette al lettore supera di gran lunga qualunque trasposizione cinematografia − anche quando è fatta molto bene −, ma ci sono le eccezioni che confermano la regola e Hunger games è una di queste.

Hunger Games è un lungo viaggio in un mondo diverso distopico che incolla lo spettatore allo schermo dall’inizio alla fine. Due ore di intrattenimento mescolate a riflessioni spontanee, che nascono grazie ad una regia notevole e una sceneggiatura che risulta più incisiva rispetto al libro.

continua su: http://www.diariodipensieripersi.com/2012/05/recensione-hunger-games-di-gary-ross.html

Leggi tutto

6 Maggio 2012 in Hunger Games

Non possiamo mettere in croce il film per una pecca che viene dal romanzo da cui è tratto, ovvero essere un scopiazzatura banale e indegna del libro di K. Takami pubblicato nel 1999.
Trama a parte, il film si lascia vedere ed è godibile, il ritmo serrato e coinvolgente, le ambientazioni e le riprese sono bene riuscite e l’attrice (già vista in X-Men: le origini) promette bene.
Finale ovviamente aperto alla futura trasposizine del secondo volume della saga.

Leggi tutto

5 Maggio 2012 in Hunger Games

Una parte centrale un po’ troppo lunga ed un finale troppo sbrigativo: queste le mie considerazioni appena uscita dalla sala…La protagonista è bravissima ed il resto del cast non è da meno( compreso Lanny Craviz con l’eyeliner dorato). Un applauso va poi ai truccatori ed ai costumisti che hanno fatto un lavoro eccellente, sbizzarendosi a piu non posso, con gli abitanti di Capitol City.
Nel complesso un film non male…

Leggi tutto

voto: 7,5 / 3 Maggio 2012 in Hunger Games

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Ho letto i libri della Collins ed ero curiosa di vedere anche la trasposizione cinematografica. Mi reputo soddisfatta in quanto ho trovato il film molto fedele al libro. La protagonista me la immaginavo esattamente così e anche altri vari dettagli (a parte alcune piccole eccezioni) sono stati mantenuti. Penso che le pecche siano due:
1) nel libro si sente di più la sorpresa, ad esempio, quando Peeta decide di allenarsi da solo, quando Peeta si “allea” con gli altri e quando la regola dei due vincitori viene revocata.
2) L’attore scelto per interpretare Peeta. Ma scherziamo? 😀
nel libro era di tutt’altra pasta!
E sappiatelo..io sono pro – Gale!

Leggi tutto

Il voto sarebbe un 7.5 / 2 Maggio 2012 in Hunger Games

Buonissimo primo capitolo di una trilogia basata sui romanzi di Suzanne Collins.
Inizio un pò lento, quasi noioso per introdurre il personaggio di Katniss e quelli che la circondano; i motivi per cui sono nati gli Hunger Games sono solo narrati, sarebbe stato carino se li avessero accompagnati con immagini.
Dopo la scelta dei Tributi e il viaggio di quelli del Distretto 12 (Katniss e Peeta) verso la Città, si assiste agli allenamenti e poi partiranno gli Hunger Games.
Ottimo il personaggio di Katniss, dolce e determinata, una splendida Jennifer Lawrence (candidata all’oscar per “Un gelido inverno”); quasi macchiette quelli di contorno. Il dittatore Donald Sutherland, un’irriconoscibile Elizabeth Banks nei panni dell’accompagnatrice del Distretto 12 (sembra una caricatura della Regina di Cuori di Alice), Woody Harrelson il mentore quasi sempre ubriaco, un bravissimo Lenny Kravitz come maestro d’armi di Katniss. Poi un paio di giovani interessanti come Josh Hutcherson (Peeta) e Liam Hemsworth (se il cognome vi è familiare perchè è il fratello di Chris “Thor”) nei panni dell’amico/Fidanzato? di Katniss nel Distretto.
La seconda parte guadagna in ritmo e azione con qualche momento drammatico, con la violenza che esplode per la sopravvivenza. Fantastico il modo di creare lo scenario sotto gli ordini dello stratega (un irriconoscibile Wes Bentley, visto in American Beauty).
Un sapiente mix tra L’implacabile, 1984, Contenders 7 e altri film tra Reality Show e dittatura; il Distretto 12 (e forse anche altri remoti) assomiglia quasi a un Campo di Concentramento. Non a caso, penso, è un treno a portarli verso la città dove lotteranno per la sopravvivenza (così come tristemente un treno portava gli ebrei verso le camere a gas).
Il finale è conclusivo per l’episodio ma lascia un pò di cose in sospeso, visto che dovranno esserci altri due episodi (come minimo).

Leggi tutto

la noia è in agguato / 2 Maggio 2012 in Hunger Games

troppe le 2 ore e 20 in cui è stata diluita la trama. un montaggio migliore e un minutaggio minore avrebbero dato decisamente un ritmo di questo film.

inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.

Non ci sono voti.