Recensione su Lo Hobbit: Un viaggio inaspettato

/ 20127.3784 voti

13 ottobre 2014

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Un gruppo di amici che ama fare escursionismo organizza un gitone. Vabbé, no, ma quasi. Bilbo Baggins è lo Watson di Sherlock, il quale Sherlock per empatia compare anche in un cameo senza che gli si veda la faccia – si nota che una delle poche serie che vedo è Sherlock? Guardate troppa tv U_U – dicevo? Ah, Bilbo è una specie di hobbit nerd (per quanto in potere di uno hobbit) e borghese piccolo piccolo, che se la vive senza fare un ca**o a Hobbitlandia. Gli altri almeno due colpi di zappa per terra ogni tanto li fingono, lui proprio no. Una sera gli compare Gandalf, coi suoi capelli sporchi, e gli chiede se per cortesia può fare una doccia. No, compare e gli mette un segno sulla porta, così, tiè, un’allegra combriccola di nani comincia a raggrupparsi e a svuotargli la dispensa. Gandalf ha scelto Bilbo, per non si sa quale ragione, per completare questo squadrone di nani che, al seguito di un re nano, deve andare a riprendere una montagna che era il loro regno e usucapionata da un drago. Passa Frodo, così, giusto per farci sentire a casa. Perché mai Bilbo va con loro? A rischiare la vita migliaia di volte anziché stare a casa a cazzeggiare e guardare porno per hobbit? Non è dato sapere, ma parte. Partire è un po’ morire, ma evidentemente restare gli faceva più schifo. Un gruppo dove vige un po’ l’estetica del capello bisunto, si è detto, e che affronta enneplici ostacoli, naturali e no. Il meccanismo narrativo fondamentalmente è questo: loro rimbalzano da un guaio all’altro, sembrano spacciati finché non arriva dal niente qualche loro amico, rimasto indietro o che aveva promesso di aiutarli alla bisogna, a salvarli. Nel finale, vengono presi da delle aquile inviate da Figandriel, la elfa gnocca, che gli fanno fare più strada in 4 minuti di tutta quella che avevano percorso sti poveracci a piedi nelle tre ore precedenti. In 4 minuti! Prendetelo subito, il taxi! E poi si ricomincia. Ma sono talmente tanti i mostri e ostacoli che uno figo lo si trova per forza dato che, come immagino si sia capito, é più questione di rimpolpare e dare linfa ad un immaginario e una geografia del fantastico che a una trama. A me ha fatto impazzire la battaglia in montagna con i giganti di pietra, WHOAAA (disclaimer: non si va in montagna con quel tempo! é da idioti – o da nani), in altri istanti si scivola con la ruzzolosità di un videogame (la fuga sotterranea dai goblin). I paesaggi dietro sono strafichissimi e i nani corrono sulle montagne visti da mdp volanti e la Nuova Zelanda è tutta così per davvero e dopo un po’ che palle. Tutto detto, non si arriva mai a trascinare i piedi, c’è un pezzone con Gollum che è probabilmente l’unico sceneggiato davvero e i cattivi escono a zampilli, e sbavano e colano e perdono i pezzi. Dovevo andare a vederlo al cinema, avrei preferenza di esser pronto per il terzo.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext