Un sogno chiamato Florida

/ 20177.561 voti
Un sogno chiamato Florida

Florida. Moonee, 6 anni, vive non troppo lontana da Disney World, ma la sua vita è tutt'altro che fiabesca. Eppure, lei si diverte, vivendo insieme alla giovane mamma e dedicandosi ad avventure pericolose con i suoi amici.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: The Florida Project
Attori principali: Brooklynn PrinceBria VinaiteWillem DafoeValeria CottoChristopher RiveraMela Murder, Caleb Landry Jones, Aiden Malik, Macon Blair, Sabina Friedman-Seitz, Karren Karagulian, Sandy Kane, Carl Bradfield, Gary B. Gross, Sonya McCarter, Josie Olivo, Rosa Medina Perez, Jasineia Ramos, Kit Sullivan, Patti Wiley, Jason Blackwater, Jim R. Coleman, Kelly Fitzgerald, Krystal Gordon, Betty Jeune, Joanne Moreno, Lauren O'Quinn, Edward Pagan, Samantha Parisi, Cecilia Quinan, Shail Kamini Ramcharan, Giovanni Rodriguez, Adina Sutton, Bronwyn Valley
Regia: Sean Baker
Sceneggiatura/Autore: Sean Baker, Chris Bergoch
Colonna sonora: Lorne Balfe
Costumi: Fernando Rodriguez, Julie S. Siegmund
Produttore: Sean Baker, Shih-Ching Tsou, Kevin Chinoy, Francesca Silvestri, Chris Bergoch, Alex Saks, Andrew Duncan, Elayne Schneiderman Schmidt
Produzione: Usa
Genere: Drammatico
Durata: 111 minuti

Il morbo di Disneyland / 5 Maggio 2019 in Un sogno chiamato Florida

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Mi sono avvicinata alla filmografia di Sean Baker, partendo dalla… fine (per ora), benché da tempo fosse mia intenzione recuperare almeno Tangerine (2015), che mi risulta sia disponibile su Netflix.

Un sogno chiamato Florida, presentato in Quinzaine a Cannes 2017, è un dramma suburbano che ho apprezzato molto per due motivi in particolare.
In primis, la scelta del casting e la caratterizzazione dei personaggi. Sorvolo su Willem Dafoe (Bobby), plurinominato per questa (bella) interpretazione. Brooklynn Prince (Moonee) è credibilissima, intensa, simpatica e fastidiosa in maniera apparentemente molto naturale, la riuscita del film dipende molto dalla sua prestazione e dall’alchimia con Bria Vinaite (Halley… aspé, Moonie, cioè lunare, e Halley, come la cometa, quindi, se vogliamo, stellare: ci faccio caso solo ora!).
Tutti incarnano degli stereotipi, ma ciascuno di questi attori sembra trovarsi estremamente a suo (dis)agio nei panni del personaggio affidatogli e lo rende quasi tangibile. Nel corso del film, mi sono arrabbiata spesso con Moonie e Halley, ho provato pena per loro, mi sono chiesta perché la vita di Halley abbia preso questa piega, cosa abbia portato questa ragazza a essere così insolente, testarda e sola e perché non sembra accorgersi di stare crescendo una sua copia esattamente ingestibile. Insomma, da spettatrice, mi sono sentita un po’ Bobby.

Il secondo motivo che mi ha fatto piacere molto il film di Baker è la messinscena di svariate teorie dell’architettura e dell’urbanistica. Non parlo solo del concetto di non-luogo di Augé. Ma, soprattutto, degli argomenti trattati da Robert Venturi nel saggio Learning from Las Vegas (1972), con particolare riferimento ai temi della strip e delle definizioni postmoderniste di denotativo e connotativo. La periferia di Orlando, Florida, in cui si svolge il film si trova poco distante da Disneyland, il Paese delle Meraviglie in Terra, secondo le intenzioni di Walt Disney (vedi: https://www.nientepopcorn.it/notizie-approfondimenti-cinema/tematici/il-paese-delle-meraviglie-riflessioni-sul-mondo-di-walt-disney/). Nella pratica, l’esperienza nel parco è capace di rivelarsi ben poco meravigliosa, come suggerisce l’inquietante film Escape from Tomorrow (2013) di Randy Moore.
Moonee & C. gravitano intorno a questo non-luogo senza riuscire ad avvicinarvisi, come se il parco fosse realmente incantato e, perciò, irraggiungibile, ma ne rimanengono influenzati a livello psicologico, formale ed estetico, poiché vivono all’interno di una pacchiana riproposizione dell’illusione del parco diffusa ed esplosa sulle sponde di una superstrada trafficata.
Per esempio, il motel in cui vive la bambina ha le sommità merlate come un castello ed è dipinto di viola, il mondo di Moonee e Halley è perennemente fluorescente (come quello di Spring Breakers di Harmony Korine, 2012, non a caso ambientato ancora in Florida), pieno di glitter e unicorni, la strada che lambisce il motel porta a un’arteria che si chiama (più o meno) “via dei Sette Nani”. Però, la vita, qui, non è una favola. La “malattia” di Disneyland ammorba i dintorni, inzuccherando tutto, ma lasciando che ogni cosa marcisca sotto la glassa.

La sequenza finale non è liberatoria: per me, ha il sentore di un incubo. Moonee e la sua amica Jancey entrano di corsa nel parco, dirette verso l’iconico castello della Bella Addormentata. Cercano di entrare nella magia, una volta per tutte. Pare che la scena sia stata girata di nascosto, proprio come il citato film di Moore. La realtà entra di prepotenza nella finzione del parco e in quella del film. E, in quanto realtà, è più inquietante di qualsiasi finzione.

Nota a latere (ma non troppo): il titolo italiano è fasullo, inutilmente didascalico. Quello originale, The Florida Project, rende molto bene l’idea di un “piano” sociale legato a questa zona degli Stati Uniti. Non so se esista davvero una pianificazione a monte, ma, fin dalla prima metà del XX secolo, la Florida è stata dipinta come la terra delle arance divinamente succose in cui gli americani, dal gangster di New York in trasferta al pensionato che vuole morire al caldo vicino ai Caraibi, avrebbero potuto esaudire i loro desideri: sole, frutta e divertimento per tutto l’anno. Parlando in termini pindarici, se vogliamo, The Florida Project sembra suggerire una pianificazione di tipo governativo, militare, scientifica. Ma temo che il piano, se mai è esistito, è fallito.

Leggi tutto

Le noveau “les 400 coups” / 24 Aprile 2019 in Un sogno chiamato Florida

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Jean-Luc Godard definiva il capolavoro di Truffaut come “il film più libero del mondo”; nessuno come il regista parigino era mai riuscito a descrivere la poesia e l’incanto dei primi anni dell’esistenza con tale sensibilità e delicatezza; il newyorchese Sean Baker molti decenni dopo riesce (o quantomeno si avvicina) nella chimerica impresa di emulare quel Truffaut presumibilmente preso a modello, ponendo letteralmente la macchina da presa all’altezza dei suoi piccoli protagonisti, seguendoli nelle scorribande delle loro ultime giornate estive, in un degradato quanto coloratissimo sobborgo di Orlando, a due passi dal sogno materializzato per antonomasia, quel Disney World così vicino eppure così lontano.
The Florida project è un film di contrasti, di facciate fluo e castelli-motel che nascondono al loro interno storie di profondo disagio e squallore, di sofferenza e umiliazione quotidiana filtrata dalla lente incantata dell’occhio di una bambina che ignora ancora la brutalità del mondo che la circonda; un inno all’infanzia intriso di una vibrante e anarchica carica vitale, ma anche l’ennesima storia sulle contraddizioni dell’American Dream.
Come nella tradizione del miglior cinema neorealista la denuncia sociale è presente ma velata, la vicenda è trattata con toni iperrealistici ma con piccole concessioni fiabesche; con l’estate è destinato a finire il sogno della magica infanzia, e come il giovane Antoine correva verso il suo mare, alla piccola Moonee, nella splendida e onirica sequenza finale, è concessa un’ultima corsa verso il castello dei sogni, una gioiosa marcia funebre per dire addio ad un’infanzia andata via troppo presto.

Leggi tutto

The Florida project/Un sogno chiamato Florida / 8 Aprile 2018 in Un sogno chiamato Florida

Raramente si riescono ad ammirare opere cinematografiche capaci di trascinarti. E non con smielate o lacrime (eppure il soggetto si prestava molto bene). Ma semplicemente ammirando l’infanzia di chi si trova alla fine dell’ arcobaleno della società, e però non ce la fa a commiserarsi o a rattristarsi, e vive a pieno di chi e cosa si ha e guardando la disperazione con occhi felici. Perché Disneyland non è vivere nei sogni a volte ma scappare dalla realtà. Un film maturo ed adulto girato con gli occhi ad altezza di bambino. Un gioiello per gli occhi e lo spirito.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.