The Dreamers

/ 20036.8598 voti
The Dreamers
The Dreamers

Parigi, primavera del '68. Matthew, giovane americano arrivato nella capitale per studiare il francese, incontra Isabelle e Théo, due gemelli figli di borghesi, durante l'occupazione della Cinémathèque française da parte degli studenti. I tre diventano amici e decidono di convivere insieme nell'appartamento dei fratelli, lasciato temporaneamente libero dai genitori in viaggio di lavoro. Mentre si delinea quello che di lì a poco sarà ricordato come il Maggio Francese, i ragazzi si dedicano all'estetica e alla scoperta della propria sessualità, in un torbido gioco fatto di intrecci di situazioni e protagonisti.
scimmiadigiada ha scritto questa trama

Titolo Originale: The Dreamers
Attori principali: Michael PittEva GreenLouis GarrelAnna ChancellorRobin RenucciJean-Pierre Kalfon, Jean-Pierre Léaud, Florian Cadiou, Pierre Hancisse, Valentin Merlet, Lola Peploe, Ingy Fillion
Regia: Bernardo Bertolucci
Sceneggiatura/Autore: Gilbert Adair, Gilbert Adair
Fotografia: Fabio Cianchetti
Costumi: Louise Stjernsward
Produttore: Jeremy Thomas
Produzione: Francia, Italia, Gran Bretagna
Genere: Drammatico, Romantico, Erotico
Durata: 110 minuti

The Dreamers / 2 Novembre 2017 in The Dreamers

Qualcuno scrive che l’opera non gli comunica niente…sarà forse sordo?

Ci sono il ’68 e c’è la rivolta, come sfondo. E poi i rapporti morbosi, il sesso innocente e autodistruttivo ma mai patetico, la linea sottile tra giusto e sbagliato e il cinema e la filosofia e l’amore l’amore l’amore pazzo.

Oltre l’eros / 19 Luglio 2017 in The Dreamers

Ne avevo sentito parlare così tanto solo per i suoi contenuti piccanti da averlo sempre snobbato. Mi sbagliavo, e si sbagliano coloro che lo intendono come la storiella erotica di un mènage a trois! Quanto dolore nelle scene di sesso, quanta sofferenza dietro quei giochi; quell’appartamento parigino è un microcosmo affacciato sulla strada dove monta la rivolta, è una barriera fragile come un imene.
Questo film è una stupenda collezione di citazioni cinematografiche e uno sguardo intelligente sulle “rivoluzioni da salotto” di tanti giovani sessantottini. Michael Pitt è veramente un angelo dannato, come è stato Malcolm McDowell, un corpo recitante, il film è attorno a lui. Bravi la Green e Garrel che a questo punto sarei curioso di vedere nel recente biopic su Godard.

Leggi tutto

30 Dicembre 2014 in The Dreamers

Io l’ho trovato stupendo, non è un film per tutti, va capito in ogni sua scena, il film poi è ambientato durante l’occupazione Cinémathèque française nel 1968, nel suo archivio ha più di 40.000 film e migliaia di documenti e oggetti legati al cinema, ancora oggi viene considerato il più grande archivio del mondo dedicato alla cinematografia. Fa vedere la passione di questi tre ragazzi per il cinema, Bertolucci infatti nel film nomina alcune delle migliori pellicole mai fatte, facendo rifare le scene migliori di questi film agli attori protagonisti!! Ed Eva Green (la mia attrice preferita) che io trovo sublime in ogni suo film tranne in Arsenio Lupin (a mio avviso orribile)!!!

Leggi tutto

13 Luglio 2013 in The Dreamers

Sono sicuro che il film volesse far trapelare altro da ciò che ha fatto trapelare per me, e cioè discorsi su discorsi che vanno dalla politica alla filosofia, alla religione al cinema, che poi è una sorta di unione tra tutte le altre cose.
Ai miei occhi ne è uscito solo come una “scusa” per far vedere un po’ di nudo integrale, grazie all’attrice protagonista non ho di che lamentarmi, certo, però se tutto il “bello” del film, tutta la sua forza di smuovere gli animi sta solo nella bocca dei personaggi e non anche nelle loro azioni, allora io m’annoio.
E sarà di certo un giudizio solo mio personale, ma per comunicare certe cose, lo si può fare in altri mille modi che non mettendo tre di loro coi genitali al vento.

Leggi tutto

16 Luglio 2012 in The Dreamers

Probabilmente ciò che aveva intenzione di comunicare il film è molto di più di ciò che ufficialmente è riuscito a comunicare.
Non conosco il periodo storico con precisione quindi non mi voglio perdere a discorrere di qualcosa che purtroppo non mi è del tutto noto, ma chi come me è abbastanza all’oscuro di questo…di certo non ne capirà di più attraverso il film.
A mio vedere le due vicende ovvero : la rivolta a Parigi e la reclusione dei tre ragazzi, potevano essere divise.
Se la storia, perchè alla fine è quella principale, doveva riguardare unicamente una storia perversa tra i due gemelli e l’americano bè poteva essere ambientata in qualsiasi periodo storico.
L’aspetto che mi è piaciuto di più del film è la presenza qua e là di scene di film storici, ed anche molto significative soprattutto verso il termine del film.
Infatti la passione che fa cominciare questa avventura erotica è proprio quella per il cinema.
Cosa non ho ancora compreso? La reazione dei genitori, che da ciò che si lascia trasparire è come se conoscessero già tutto mantenendo però una sorta di maschera.
La reazione da genitori sessantottini, che concedono qualsiasi libertà senza voltarsi a ripensarci.
Anche questo, nel film, non è chiaro.
Nel complesso non posso sbilanciarmi oltre il 5, non mi ha trasmesso grandi sensazioni.

Leggi tutto