2004

The day after tomorrow - L'alba del giorno dopo

/ 20045.9548 voti
The day after tomorrow - L'alba del giorno dopo
The day after tomorrow - L'alba del giorno dopo

Il climatologo Jack Hall (Dennis Quaid) da anni sostiene che il clima terrestre è gravemente compromesso dall'inquinamento, al punto che, se non si corre ai ripari, nel giro di cento anni il pianeta dovrà affrontare una nuova glaciazione. Le sue previsione però sono fin troppo ottimistiche e una serie di catastrofi climatiche inizia a verificarsi in ogni parte del mondo. Una delle città più colpite è New York, proprio dove si trova il figlio di Hall, Sam (Jake Gyllenhaal), impegnato in una competizione scolastica...
Lily_Chan ha scritto questa trama

Titolo Originale: The Day After Tomorrow
Attori principali: Dennis QuaidJake GyllenhaalEmmy RossumDash MihokJay O. SandersSela Ward, Austin Nichols, Arjay Smith, Tamlyn Tomita, Sasha Roiz, Ian Holm, Richard McMillan, Nassim Sharara, Carl Alacchi, Kenneth Welsh, Michel 'Gish' Abou-Samah, Kenneth Moskow, Glenn Plummer, Adrian Lester, Nestor Serrano, John Maclaren, Richard Zeman, Perry King, Mimi Kuzyk, Vitali Makarov, Russell Yuen, Christopher Britton, Christian Tessier, Rick Hoffman, Alan Fawcett, Sheila McCarthy, Amy Sloan, Karen Glave, Joe Cobden, Caroline Keenan
Regia: Roland Emmerich
Sceneggiatura/Autore: Roland Emmerich, Jeffrey Nachmanoff
Colonna sonora: Harald Kloser, Thomas Wanker
Fotografia: Ueli Steiger
Costumi: Renée April, Robert Q. Mathews, Kenn Smiley
Produttore: Roland Emmerich, Mark Gordon, Ute Emmerich, Stephanie Germain, Kelly Van Horn
Produzione: Usa
Genere: Azione, Drammatico, Disaster
Genere:
Durata: 124 minuti

Popcorn e politica / 14 Settembre 2016 in The day after tomorrow - L'alba del giorno dopo

Quando si sente parlare di disaster movie scatta automatica la visione relax, mediante la quale ci lasciamo avvolgere dalle spire della trama senza stare troppo a controllare gli elementi critici del film. Un po’ è vero, ed Emmerich lo sa bene; tutto regge sulla forza visiva e sonora degli eventi apocalittici e sulla capacità del gruppetto di sopravvissuti di superare gli ostacoli mantenendo una foglia di fico di verosimiglianza. C’è da aggiungere però che l’elemento politico in questo specialista del blockbuster ha una sua connotazione precisa (si veda l’ondata di immigrazione clandestina al contrario, da USA a Messico), e c’è una certa cattiveria visionaria sottotraccia (i tornado spazzano la scritta Hollywood, la Capitol Records, simboli dell’enterteinment ad alto budget). Alcune aggiunte sono suggestive ma artificiose (i lupi in CG, fintissimi, con movimenti quasi da cartoon), il ricongiungimento famigliare è l’ossatura immancabile di queste storie ovviamente già viste in un infinità di piccolissime varianti.

Leggi tutto

Roland Emmerich non si smentisce mai / 18 Novembre 2015 in The day after tomorrow - L'alba del giorno dopo

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Dopo i vari “Indipendence Day”, “Godzilla”, “ il Patriota” ecco che Roland Emmerich, a mio modesto parere uno dei registi più sopravvalutati di Hollywood, ci riprova tirando fuori, perdonatemi il francesismo, l’ennesima puttanata del suo repertorio.
Rifacendosi al tanto amato filone catastrofico degli anni ’70-’80, il film trasuda banalità e luoghi comuni da tutte le parti.
La forza del film(se così la si può chiamare) risiede soltanto negli incredibili effetti speciali(davvero notevole la Statua della Libertà sommersa dal ghiaccio) e nell’ottima interpretazione di Jake Gyllenhall, che è riuscito nell’impresa di recitare più che bene anche in un film di serie B(non è cosa da tutti).
Il resto è completamente da dimenticare, l’ennesima americanata(ma d’altronde il regista è un esperto in questo, come ho scritto sopra basti ricordare “Indipendence Day” e “Il patriota”) senza arte né parte.
Stendiamo poi un velo pietoso sul finale con Dennis Quaid in versione Ice-Man.

Leggi tutto

Uno stupendo disaster-movie! / 21 Marzo 2013 in The day after tomorrow - L'alba del giorno dopo

Il disaster-movie più bello mai fatto finora…. oltre agli stupendi effetti speciali (New York allagata, i lupi nella neve, l’arrivo dell’era glaciale), anche la sceneggiatura regge abbastanza e non è scontata come solito… poi in Blu-Ray è qualcosa di fantastico! <3

13 Gennaio 2012 in The day after tomorrow - L'alba del giorno dopo

Il film non si discosta molto dalle altre pellicole del genere catastrofico.
Però stavolta le premesse non sono fantascientifiche (asteroidi, extraterrestri o Godzilla) ma abbastanza reali.
Sembra infatti che esista un rapporto del Pentagono sulle possibili conseguenze di un surriscaldamento del globo e il film ha preso spunto da questo. Ma torniamo al film.
C’è il solito scienziato che aveva previsto tutto (per poi dire “Ve l’avevo detto”), che diventa poi eroe cercando di salvare il figlio intrappolato a Manhattan; interpretato abbastanza bene da Dennis Quaid.
Ci sono i politici che non ascoltano ma in questo caso si assisterà alla vera fantascienza del film: alla fine il presidente chiede scusa (clamoroso!!).
C’è il figlio che si innamora….
Comunque il film fa il suo dovere: intrattiene con ottimi effetti speciali e fa pensare.
C’è anche la scena paradossale in cui in questo caso sono gli americani a cercare di entrare clandestinamente in Messico (che aveva chiuso le frontiere x paura del flusso di gente).

Leggi tutto

24 Agosto 2011 in The day after tomorrow - L'alba del giorno dopo

l’unico film sul tema dei disastri naturali e cataclismi vari che abbia trovato vagamente godibile, solitamente un genere che propone solo seghe pazzesche. questo si lascia guardare.

inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.