4 Recensioni su

La Torre Nera

/ 20175.0110 voti

Non c’entra niente con la saga del Re / 28 Maggio 2018 in La Torre Nera

Come da titolo, non c’entra niente con la saga di Stephen King. Addirittura mancano i personaggi principali. Deludente!

Ma proprio no / 28 Febbraio 2018 in La Torre Nera

L ho guardato tutto nella speranza si salvasse almeno qualcosa sul finale e invece niente. Non è un adattamento, è una liberissima interpretazione mal riuscita. Per prima cosa perché diavolo Roland è di colore. Seconda cosa (e mi fermo così sennò vado per le lunghe) non si può avere la presunzione di infilare spezzoni di un’opera così vasta in 90 minuti, in un patetico copia e incolla senza alcun fine. Non c’è niente della Torre Nera, nemmeno un vago sentore delle atmosfere. La cosa che mi fa incaLzare è che vedendo questo orrore nessuno potrebbe essere invogliato a leggere i libri. Quindi io mi chiedo perché questa pellicola esiste. Potrei dire tante cose ma mi limito a sconsigliare vivamente questo film, perché non propone nemmeno una storia alternativa a quell originale, non propone niente se non elementi sconnessi buttati a casaccio.

Leggi tutto

Il voto sarebbe un 3.5 / 14 Agosto 2017 in La Torre Nera

Ero un pò scettico ma curioso di capire come avessero cercato di adattare la saga della Torre Nera di Stephen King di 7 libri (e mezzo) in un filmetto di 90 minuti. E’ un pò come cercare di fare entrare 7
elefanti in una 500 oppure il piede di Ian Thorpe in una scarpa di un bambino. Impossibile e infatti il film è una grandissima cavolata in cui sono state tagliate non solo parti importanti ma addirittura
un paio di personaggi fondamentali come Eddie e Susannah.
Siamo a New York dove il giovane Jake è tormentato da strani sogni di una torre; la madre e il patrigno vorrebbero affidarlo a cure psichiatriche. Lui scappa e grazie a un misterioso dispositivo si ritroverà in un mondo parallelo, il medio-mondo, dove conoscerà Roland (Idris Elba), l’uomo dei suoi sogni (detto così può suonare un pò ambiguo), l’ultimo pistolero rimasto a difendere la Torre Nera dall’attacco di uno stregone (Matthew McConaughey).
Se inizio a scrivere delle differenze o delle mancanze rispetto alla serie di libri, finisco tra un mese; quindi mi limito a citare quelle principali.
Come già detto mancano Eddie e Susannah che insieme a Jake formano la cricca di Roland; nessun riferimento al ka-tet (il gruppo di Roland) e al ka (destino). C’è solo una piccola parte nel Medio Mondo, mentre il grosso del film è a New York.
Idris Elba se la cava nei panni di Roland anche se avrei visto meglio un Viggo Mortensen (oltre che per il colore della pelle), discreto Matthew McConaughey nei panni dell’Uomo in nero e bravo anche il ragazzo che interpreta Jake.
Infine quasi un paradosso: chi non ha letto i libri di King non può apprezzare i riferimenti che compaiono all’interno del film (come il Re Rosso ma anche i frangitori e altro), ma chi ha letto King non può sicuramente apprezzare questo film.

Leggi tutto

Pigro, piatto, puttanata. / 13 Agosto 2017 in La Torre Nera

“Una storia che fa affidamento sulla pura magia e i buoni/cattivi sentimenti, tratta invece da un romanzo fantasy che si prende l’impegno ostinato e paradossale di nasconderla, questa magia, e centellinarla per quattromila pagine, rimandando ogni spiegone sul bene e male all’ultimo romanzo; una storia che rinuncia a ogni tentativo di umorismo (a parte una sola sequenza: l’ultima rimasta da una scrematura di battute tristi, o l’unica inserita a forza per arginare la noia?); una storia per una produzione che non può permettersi grossi effetti speciali eppure si accontenta di campare di quelli; una storia che dovrebbe introdurre a un universo narrativo cosí vasto da poter ospitare serie di film e serie televisive e che invece si para le pudenda con un plateale “tarallucci e vino” finale da far rimpiangere le recite all’oratorio: una storia cosí si caratterizza di pura arroganza e merita un’umiliazione sonora al botteghino.”

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.

Non ci sono voti.