?>Recensione | L'evocazione - The Conjuring | I morsi dei morti.

Recensione su L'evocazione - The Conjuring

/ 20136.8293 voti

I morsi dei morti. / 2 aprile 2014 in L'evocazione - The Conjuring

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Sono sempre dell’idea che il terrore evocato sia ben più spaventoso di quello mostrato: infatti, alla prima comparsa del demone sopra l’armadio (ma come si fa a vederlo, se è un demone, cioè un’entità incorporea? Forse, perché, in quel preciso momento, aveva assunto le sembianze della strega da cui tutto si originò? E perché? Mistero, ma mi rendo conto di pettinare i capelli alle bambole, così) m’è scivolato via ogni entusiasmo: l’entità maligna è una maschera brutta che fa le facce cattive, sai che roba.

Ottima la tecnica (registica) e gli effetti sonori, fantastica e riuscita l’ambientazione (quanti cunicoli, quante contropareti, quanti vespai, in questa splendida casa coloniale), sufficientemente bravi gli interpreti (bentornata Lily Taylor: fantastica la battuta di Patrick Wilson che, parlando di croci e non-morti, dice: “Io non credo ai vampiri”, oh oh oh!).
Ben congegnata la scena dell’esorcismo in cantina: lì, avevo le mani serrate a pugno, lo ammetto.
Pur concedendo delle attenuanti legate alle necessità del caso, non mi è piaciuta la caratterizzazione dei coniugi Warren, è una sensazione a pelle che, qui, faticherei a spiegare: diciamo che il loro pragmatismo li rende vagamente inumani, nonostante talvolta mostrino, per fortuna, paure “normali”.

Comunque, attingendo alle tradizioni orali del paesello, mi venne detto, da bambina (e chi se lo scorda più?): “I lividi che non fanno male sono i morsi dei morti”. Eccallà.

6 commenti

  1. scimmiadigiada / 16 giugno 2017

    qui sei stata un po’ avara ma l’oscar è per la tradizione orale del paesello: ci credo che non te lo scordi più! 😀
    a me il film non è dispiaciuto e, una volta tanto, ho apprezzato il pragmatismo dei detective dell’impossibile: se non stanno coi nervi saldi loro, addio. ti dò ragione, invece, sull’apparizione sull’armadio. ormai i giappomostri hanno fatto scuola e purtroppamente danno, ci si becca una spettinatona con la faccia brutta ad ogni film. e vabbè.

    • Stefania / 17 giugno 2017

      @scimmiadigiada: hai ragione: se non “resiste” lo specialista, siamo fritti 🙂 Però, quell’impeccabilità, manco un sudore freddo… Devo ancora vedere il prequel che, comunque, mi interessa decisamente.
      Le spettinatone hanno creato un filone! (toh la rima)

      • scimmiadigiada / 18 giugno 2017

        aiuto. il prequel è Annabelle. oscenamente brutto. l’ho mollato proprio stasera a metà per noia (orrore vero, questo). non male invece il seguito, Il caso Enfield. non è proprio sullo stesso livello ma almeno si fa guardare, dai. e, per la tua gioia, qui si scompongono pure gli espertoni 😀
        (chiariamoci, è nettamente inferiore al primo, soprattutto nel finale, ma sempre meglio di annabelle e, tutto sommato, un seguito quantomeno degno)

  2. icarus / 17 giugno 2017

    E va-meh! :mrgreen:

Lascia un commento

jfb_p_buttontext