Recensione su I ponti di Madison County

/ 19957.6298 voti

29 Settembre 2013

Sono un’amante dei film di Clint Eastwood ma questo non sono proprio riuscita ad apprezzarlo, troppo lento e troppo romantico! Sicuramente il peggiore tra tutti i film di Clint che ho visto

10 commenti

  1. signormario / 29 Settembre 2013

    Ma nooooooo! Per me è tra i suoi film più belli! La scena dello scambio di sguardi dall’interno degli abitacoli delle auto, con la pioggia battente, è pura poesia! Un romanticismo per nulla banale e di altissimo livello! 🙂

    • valecro / 29 Settembre 2013

      Io sono amante del filone più “tragico”, i miei preferiti sono infatti Million Dollar Baby e Gran Torino 😀

      • Bisturi / 29 Settembre 2013

        Beh Gran Torino e Mystic River sono due film straordinari, MIllion Dollar Baby, seppur eccellente, lo metto per terzo. Ma questa variante di “I ponti di Madison County” è davvero sbalorditiva. Non sono un amante dei film sentimentali o del melò, ma qui Eastwood dimostra una sensibilità che lascia di stucco, una storia d’amore consumata in un incontro di quattro giorni che però dureranno tutta una vita. Straordinario, e poi la Streep è sempre la grande interprete che sappiamo. Il vecchio Clint qui ha dato il via alla sua “maturazione” artistica, forse senza questo non sarebbero arrivati i tre citati sopra. Un mio punto di vista.
        Certo che però “Dirty Harry”, La trilogia del dollaro e il cazzutissimo Fuga da Alcatraz non si dimenticano 🙂

        • Stefania / 29 Settembre 2013

          Tra i pregi di Clint, secondo me, c’è una grande sensibilità (e l’attenzione che mostra nei confronti dei bambini e degli adolescenti non è da sottovalutare) e quel che stupisce è che, negli anni, ha saputo metterla in scena in maniera, come dire, versatile e, vista la sua apparente rudezza, inaspettata.

          • Bisturi / 29 Settembre 2013

            perchè è un grande, uno degli ultimi mostri sacri di Hollywood che porta con sè l’insegnamento dei grandi maestri che l’hanno fatto crescere. Mi sembra impossibile che sia Repubblicano dalle storie che tratta e soprattutto come le tratta da regista. Secondo me è Democratico ma non sa di esserlo!!!

          • kallen / 29 Settembre 2013

            @rodriguez86 dopo lo scandaloso discorso con la sedia temo proprio di no, che roba indecente fu.
            Un altro film di grande sensibilità di Clint è Un mondo perfetto, lo ricordo con moltissimo piacere.

  2. signormario / 29 Settembre 2013

    Che ne pensate, invece, di ”Invictus”? Io trovo sia il più clamoroso scivolone della brillantissima carriera di Eastwood. E anche ”J. Edgar” mi ha deluso moltissimo…

    • valecro / 29 Settembre 2013

      J.Edgar non è certamente tra i migliori però mi è piaciuto, complice l’interpretazione di Di Caprio che è, tra i giovani attori, uno dei miei preferiti. Su Invictus mi trovo d’accorto…niente di che.

      • Stefania / 30 Settembre 2013

        Invictus non mi è dispiaciuto, nonostante la sua retorica: è, come posso dire, un film rassicurante (perlomeno, su di me ha avuto quell’effetto).
        Mi ha lasciata molto più perplessa Hereafter, per esempio.
        J. Edgar ancora non l’ho visto, ma non mi attira granché.

  3. Bisturi / 29 Settembre 2013

    @kallen me ne ero dimenticato di quel discorso, in effetti si li ha dato piena dimostrazione del suo essere repubblicano, ma sai, essendo una convetion repubblicana forse si sarà lasciato prendere la mano. E poi il vecchio Clint non è un gran comico, li ha spinto molto sull’ironia.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext