The Boys in the Band

/ 20206.516 voti
The Boys in the Band

New York, 1968. Durante una festa a sorpresa, un ospite a sorpresa porta la compagnia a rivelare una serie di segreti celati a lungo.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: The Boys in the Band
Attori principali: Jim ParsonsJim ParsonsZachary QuintoZachary QuintoMatt BomerMatt BomerAndrew RannellsAndrew RannellsMichael Benjamin WashingtonMichael Benjamin WashingtonRobin de Jesús, Tuc Watkins, Charlie Carver, Brian Hutchison, Brian Dole, Marc Basil, Jack O'Connell, Walter Cox, Tina Fabrique, Tyler Miles, John DeLuca, Julia Parker, Paul Chirico, Derrick Simmons, Mostra tutti

Regia: Joe MantelloJoe Mantello
Sceneggiatura/Autore: Mart Crowley, Ned Martel
Fotografia: Bill Pope
Produttore: Ryan Murphy, David Stone, Ned Martel
Produzione: Usa
Genere: Drammatico
Durata: 121 minuti

Dove vedere in streaming The Boys in the Band

Datato dramma da camera / 10 Ottobre 2020 in The Boys in the Band

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Nel 1968, la pièce teatrale The Boys in the Band di Mart Crowley (1935-2020) segnò la storia della cultura omosessuale newyorkese: prima di allora, il tema dell’omosessualità maschile non era mai stato affrontato in maniera così esplicita. In particolare, l’opera di Crowley mostrava apertamente come essere omosessuale negli USA, in quel periodo e nella pur cosmopolita e avanguardista New York, corrispondesse a una ghettizzazione: gli omosessuali venivano arrestati in virtù delle loro abitudini sociali e sessuali, erano soggetti a continui controlli del reparto buoncostume della polizia e, in sostanza, erano costretti non solo alla dissimulazione ma anche alla solitudine.

Non che, nel 2020, le cose siano cambiate davvero molto, nonostante le molte conquiste civili fatte nel frattempo, le continue campagne di sensibilizzazione e un apparente sdoganamento dell’argomento, perché il problema dei pregiudizi nei confronti delle persone gay permane e, purtroppo, ne abbiamo notizia ogni giorno.

Quindi, l’adattamento per la tv di The Boys in the Band, prodotto da Netflix con il cast artistico che ha riportato l’opera a Broadway nel 2018, meritandosi un Tony Award per il miglior revival, ha una sua certa utilità: ricorda che niente cambia, mentre tutto cambia.

Eppure, è un prodotto irrimediabilmente datato e ho l’impressione che, probabilmente, al di fuori della scena newyorkese e, per estensione statunitense, rischi di avere un impatto sociale e artistico decisamente minore che in patria. I personaggi sono tipici di un contesto, incarnano stereotipi che appartengono a un luogo e a un’epoca precisi e, come tali, si esprimono e agiscono in maniera circoscritta, azzardo a dire estremamente georeferenziata.

In sostanza, è un datato dramma da camera, con tutti i pregi e i difetti del genere.

Leggi tutto

Bello e stereotipato! / 2 Ottobre 2020 in The Boys in the Band

Belle recitazioni, bei personaggi e ottima ambientazione alla “Fate Ignoranti”. Jim Parsons regge il film quasi da solo, sorretto da buone spalle ma… il lavoro lo fa tutto lui, le sue espressioni, i suoi gesti, la mimica del corpo… grandioso!
Ma il film…. non è un po’ troppo stereotipato?
Troppi luoghi comuni vengono evidenziati e rimarcati più volte, per fortuna non si esagera con la musica, ma anche li….
Cioè noi gay siamo davvero sempre pu**ane, frustrati, esagerati, sull’orlo della crisi di nervi, traditori, appariscenti, egocentrici?? NOOOO!!!
Ce ne sono di gay, certo, ma come anche di etero o di altre sessualità!
Ho conosciuto persone molto peggiori di Michael ma anche dolci e ingenue come il cowboy.
Tutto è variopinto nel mondo, senza etichettare nulla.
E Michael, che l’ha fatta davvero grossa e da cattivo (come la volpe che non arrivava all’uva) dice una cosa sensata alla fine, sull’odio.
Quello è il messaggio giusto: perché dobbiamo sempre odiarci tutti?
Bel film. Con qualche domanda rimasta in sospesa, ma ci sta!
7.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.