Recensione su Gli uccelli

/ 19637.8416 voti

23 settembre 2014

Autentico capolavoro e raffinato racconto horror in cui l’orrore non nasce da effetti speciali sanguinolenti, ma da quello che ci circonda e che l’uomo molto spesso, a causa della sua ignoranza e presunzione, tende a ignorare.
Una sceneggiatura che sembra iniziare come una commedia rosa come tante e che si trasforma poi in un thriller angosciante che raggiunge il suo apice nel finale.
In oltre due ore di film nessuna spiegazione viene data per il terrificante fenomeno degli uccelli assalitori, viene invece rappresentato questo fenomeno dal grande regista in modo piu’ che verosimile, tanto che il gran dispiegamento di mezzi per effetti sonori e trucchi ottici richiesero piu’ di un anno di lavorazione.
Insieme a Psycho il miglior film di Hitchcock, un film inquietante e di fortissimo impatto emotivo.
Molto brava Tippi Hedren, la mamma di Melanie Griffith(si dice che Hitchcock perse letteralmente la testa per lei).

1 commento

  1. Bisturi / 23 settembre 2014

    Zio Hitch si prendeva i suoi tempi, era un vero maestro nel dosare la suspense e nel non spiattelare subito ai quattro venti dove voleva andare a parare. Come in “Psycho”, per l’appunto, d’improvviso ci ritroviamo un folle complessato omicida in quella che fino a poco prima sembrava tutta un’altra storia con un’altra protagonista. Genio registico e narrativo, cineasta pregevole di genere, amava rcconrare storie senza far troppe morali. Era (è) cinema.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext