Recensione su The Bank Robbery

/ 19086.01 voti

24 ottobre 2014

Dei meriti di “The Bank Robbery” parlerò tra un attimo, prima devo fare delle precisazioni. Questa pellicola d’annata non è particolarmente degna di nota per la sua qualità. Dal punto di vista della storia, non ha elementi che la facciano brillare sopra altre. Dal punto di vista tecnico, credo che necessiterebbe di un buon restauro, non essendosi conservata troppo bene. Tuttavia penso che meriti una visione per ciò che rappresenta. Guardiamo al cast. Se il nome del regista non vi dice niente, probabilmente siete digiuni di Storia del West. Tuttavia, Bill Tilghman fu uno dei più celebri tiratori della frontiera. Frank Canton era un noto fuorilegge, Heck Thomas un famoso sceriffo e Quanah Parker un rinomato leader indiano. Per non parlare di Al Jennings, forse il più celebre dei personaggi della frontiera che si sono reinventati entrando nel mondo del cinema (l’unico, tra questi, che si sia dedicato a tale attività sistematicamente). Più che come storia, va visto come documento prezioso di un’epoca. Ed è un peccato che i volti siano così sgranati, perché vedere in azione personaggi di questo calibro, per un appassionato di West come me, è davvero qualcosa di eccezionale.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext