The Amityville Horror

/ 19796.635 voti
The Amityville Horror

Long Island, 1974. George e Kathleen Lutz sono in procinto di realizzare il sogno di una vita serena insieme ai loro figli: l'acquisto di una elegante e convenientissima casa coloniale nella contea di Amityville sembra sancire il preludio della felicità e dell'appagamento famigliare. L'affare, però, nasconde inquietanti e drammatici risvolti: i precedenti inquilini, la famiglia De Feo, sono stati massacrati nel sonno con un fucile dal figlio maggiore Ronny. Quest'ultimo ha sempre asserito di aver sentito nella casa delle voci intimargli di sterminare i suoi cari. Si tratta di pazzia o davvero qualcosa di malvagio è in grado di influenzare negativamente gli abitanti della casa? I Lutz lo scopriranno fin troppo presto... Tratto dalla (presunta) storia vera di George e Kathleen Lutz, che fuggirono terrorizzati, dopo solo 28 giorni, dalla casa maledetta. Complice il successo all'uscita, il film ha avuto infiniti seguiti in America, un prequel (Amityville possession, diretto da Damiano Damiani, che narra la drammatica vicenda della famiglia De Feo) e un remake nel 2005.
scimmiadigiada ha scritto questa trama

Titolo Originale: The Amityville Horror
Attori principali: James BrolinJames BrolinMargot KidderMargot KidderRod SteigerRod SteigerDon StroudDon StroudMurray HamiltonMurray HamiltonJohn Larch, Natasha Ryan, K.C. Martel, Meeno Peluce, Michael Sacks, Irene Dailey, Helen Shaver, Amy Wright, Marc Vahanian, Elsa Raven, Eddie Barth, Hank Garrett, James Tolkan, J.R. Miller, Val Avery, Mostra tutti

Regia: maschioStuart Rosenberg
Sceneggiatura/Autore: Sandor Stern
Colonna sonora: Lalo Schifrin
Fotografia: Fred J. Koenekamp
Produttore: Samuel Z. Arkoff, Elliot Geisinger, Ronald Saland
Produzione: Usa
Genere: Drammatico, Thriller, Horror
Durata: 117 minuti

Dove vedere in streaming The Amityville Horror

Un classico del genere horror. / 16 Agosto 2020 in The Amityville Horror

Un classico del genere che nonostante il segno del tempo che passa inesorabile mostra ancora le sue indubbie qualità, una regia essenziale e senza fronzoli, un’atmosfera inquietante e una tensione che è quasi impossibile trovare negli horror moderni. Ottima la performance di crescente follia e raccapriccio dei due attori protagonisti.
Certo oggi ha perso molto della sua carica orrorifica (nonostante abbia molte sequenze d’impatto ma ormai superate secondo me) ma resta ugualmente un classico da vedere per chi è appassionato del genere.

Leggi tutto

13 Febbraio 2013 in The Amityville Horror

Prima e più fedele trasposizione cinematografica dei fatti raccontati dalla famiglia Lutz (descritti nel dettaglio nel libro omonimo di Jay Anson) e riguardanti la loro breve permanenza nella casa teatro degli omicidi della famiglia DeFeo, avvenuti nel 1974.
Alcune modiche fatte per necessità di comprensione, alcune scene sexy (passano gli anni, ma queste sembra debbano essere sempre presenti), certi personaggi aggiunti e altri tolti ma, nel complesso, il tutto è abbastanza fedele.
Che poi la storia sia vera o una grossa bufala è secondario, dopotutto si sta discutendo ancora adesso, ma rispetto ai film seguenti e all’ultimo remake, di certo questo rende giustizia al racconto dei protagonisti.

Il film in sé, ma questo è colpa dei resoconti, è un accozzaglia di cliché legati alle possessioni diaboliche e alle case infestate, con qualche dettaglio colorito che non compare i nessun documento ufficiale e storico della città.
Gli effetti speciali, per quanto ce ne siano pochissimi, accusano il passaggio del tempo. Nel ’79 non c’erano le possibilità di adesso ma la musica e gli effetti sonori da soli riescono a tenere alta la tensione.
Gli attori sembrano in parte, anche se qualche richiamo ad altri personaggi horrorifici del periodo sembra inevitabile.

Di certo, rispetto al remake del 2005 e alle varie altre pellicole sullo stesso soggetto, sono molti più i punti a favore di questa… fosse anche solo per la fedeltà con i fatti (quelli legati agli omicidi reali) rispetto a quanto rimaggiato negli anni successivi.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.