Come pietra paziente

/ 20127.448 voti
Come pietra paziente

Sullo sfondo di una cittadina dell'Afghanistan, distrutta dalla guerra in corso, una donna accudisce il marito in coma a causa di una pallottola. L'immobilità dell'uomo - simbolica pietra paziente - spinge la donna a sentirsi via via sempre più libera di esprimere i propri pensieri, il proprio sentire, fino a confessare i segreti più intimi e sorprendenti, in un percorso di riconquista della propria identità e dignità di persona e di donna. Tratto dal romanzo Pietra di pazienza scritto dallo stesso regista e vincitore del Premio Goncourt 2008.
wigelinda ha scritto questa trama

Titolo Originale: Syngué sabour, pierre de patience
Attori principali: Golshifteh FarahaniGolshifteh FarahanimaschioHamid DjavadanfemminaHassina BurganmaschioMassi MrowatmaschioMohamed Al MaghraouiMalak Djaham Khazal, Faiz Fazil, Hatim Seddiki, Mouhcine Malzi, Amine Ennaji, Hiba Lharrak, Aya Abida, Fatima Mastouri, Sabah Benseddik, Ahmed Ait Mahrabi, Mostra tutti

Regia: Atiq RahimiAtiq Rahimi
Sceneggiatura/Autore: Jean-Claude Carrière, Atiq Rahimi
Colonna sonora: Max Richter
Fotografia: Thierry Arbogast
Costumi: Malek Jahan Khazai
Produttore: Hani Farsi, Michael Gentile, Bénédicte Bellocq
Produzione: Francia
Genere: Drammatico
Durata: 102 minuti

Dove vedere in streaming Come pietra paziente

8 Aprile 2013 in Come pietra paziente

Una donna costretta dalla guerra a vigilare il marito colpito da una pallottola e in stato vegetativo si rende conto che lui potrà finalmente “ascoltarla” e riesce a confidarsi con lui, rivelandogli tanti segreti.
Forse il messaggio del film è molto più importante del film stesso che nonostante sia tratto da un romanzo sembra un testo teatrale.
Nel secondo tempo infatti lo spettatore potrebbe anche stancarsi di continuare a sentire le confidenze e preferirebbe magari una ricostruzione tipo flash back.

Leggi tutto

6 Aprile 2013 in Come pietra paziente

costumi bellissimi

4 Aprile 2013 in Come pietra paziente

Bello, poetico e molto intenso.

P.S. Tragicamente vero sulla condizione della donna….agghiacciante.

2 Aprile 2013 in Come pietra paziente

“Chi non sa fare l’amore, fa la guerra”
Una giovane donna accudisce il marito colpito da una pallottola al collo e, vista la sua totale immobilità si confesserà fino a raccontare tutte le sue paure ma anche tutti i suoi più profondi segreti.
Molto intimo e profondo.
Ancora lascia senza parole il ruolo che la donna in quei paesi ha. E’ veramente scandaloso e ancor di più viene messo in luce la totale pochezza degli uomini, i loro unici pensieri che a volte sono imbarazzanti (vedansi la Quaglia…).
Ma veramente molto bello. La fotografia e poi lei, Golshifteh Farahani, merita sia per bellezza che per interpretazione.
Ad maiora!

Leggi tutto

Interessante, però… / 31 Marzo 2013 in Come pietra paziente

Fin dalle prime battute ho avuto la sensazione che la sceneggiatura non avesse risolto bene il materiale offerto dal libro, in termini proprio di “escamotage” e soluzioni narrative che chiedono elaborazioni ad hoc tra testo scritto e testo filmico. Quanto ho letto riguardo al romanzo (che spero di procurarmi presto) e le affermazioni di Rahimi stesso sembrano purtroppo confermare tale sensazione.

Tuttavia, il film nel complesso mi è piaciuto, pur non essendo eccezionale. La fotografia è spesso molto ben risolta, bello anche l’uso dei colori e il contrasto eleganza/fatiscenza; la (non) trama ha un suo “perché”, sebbene l’impressione generale sia più quella di una “pièce” teatrale che di un “mov(i)e”… alias, ben poco movimento, ma molti riusciti quadri di messa in scena. La regia mi ha convinto, e l’ho trovata adatta a sostenere il tipo di narrazione. Il tema è fondamentale anche se non emerge dal film un particolare intento critico rispetto ai valori e costumi della cultura islamica sopratutto nei confronti delle donne. Sospetto qualche sbavatura da “stereotipo” in un paio di passaggi, ma come dicevo, penso sia dovuta alla resa non ottimale della sceneggiatura.

Golshifteh Farahani è entusiasmantemente bella e regge benissimo la parte, anche grazie alle “coccole” che la macchina da presa le riserva, ma meritevolmente, sia sul piano attoriale che rispetto allo scopo del film, notevoli le bambine (intendo, l’uso registico e la resa di questo “elemento” nell’economia generale della narrazione e del parco personaggi) più stucchevoli le parti dedicate alla “zia”, ma, vedi sopra le perplessità di sceneggiatura, che rimane la parte più “manchevole”.

Avrei voluto vederlo in lingua originale, perché sono convinta che la sonorità del persiano avrebbe contribuito positivamente alla godibilità sensoriale del film, tuttavia va detto che il romanzo da cui è tratto è stato scritto da Rahimi direttamente in francese, quindi…

Nell’insieme, non male, vale vederlo, sopratutto per chi ama esplorare cinematografie non occidentali e meno diffuse.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.