?>Recensione | Super 8 | Tutto fumo e niente arrosto

Recensione su Super 8

/ 20116.5411 voti

Tutto fumo e niente arrosto / 11 settembre 2011 in Super 8

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Sono perplessa. E lo sono da ieri sera, da quando sono uscita dal cinema.
Forse perchè mi ero illusa di vedere un bel film, e invece che delusione…
È un vero peccato perchè l’idea era buonissima: un gruppo di ragazzini sta girando un cortometraggio ma una sera diventano testimoni di un incredibile incidente ferroviario. Dopodichè, cominicano ad accadere cose strane nella cittadina: tutti i cani spariscono misteriosamente, alcune persone pure. La corrente elettrica che va e viene, strani movimenti nella notte inquietano i giovani protagonisti.
Joe (un ragazzino sfortunato che ha perso la madre da poco in un incidente sul lavoro e che si sente smarrito, non si era già visto da qualche parte?) e Alice (figlia di un uomo pieno di problemi, alcolizzato e incolpato dal padre di Joe della morte della moglie) cominciano a indagare assieme al gruppo di ragazzini scoprendo che in verità la creatura responsabile di tutto quel casino è buona, solamente ce l’ha a morte con gli umani perchè l’hanno imprigionato per farne degli esperimenti e gli hanno impedito di costruirsi l’astronave per tornare a casa.
La prima parte del film è pervasa da un’atmosfera di pura suspense, che ti tiene col fiato sospeso fino a quando (purtroppo) succede qualcosa di strano nello sviluppo.

il problema si presenta quando il film (da metà in poi) comincia a scorrere inevitabilmente verso il mare dell’incomprensione e dell’assurdo.
Praticamente, si arriva alla fine che non si è capito niente. Ma non perchè uno sia bacato o non particolarmente intelligente; il fatto è che non spiegano NULLA. Tutti gli input (peraltro molto buoni a mio parere) che sono stati dati all’inizio (ad esempio, i bambini con la passione per il cinema, i cani che scompaiono, la luce che va e viene, i cubi mutaforma [??]), vengono irrimediabilmente o abbandonati, o sfruttati male dallo sceneggiatore-regista (che io credo abbia abbandonato la scrittura a metà, dato che c’è un tale casino..) per creare stupidi cliché o scenette degne di una commedia fatta male.

Joe e Alice che nel bel mezzo di un “inseguimento”, con l’alieno alle calcagna che li vuole squartare, si abbracciano e si dicono parole dolci, come se il tempo si fosse fermato (peraltro la scena voleve essere, penso, commovente ma non lo è!); e i cani?? Non sapremo mai perchè sono scomparsi. Cosa li attirava fuori città? Hanno qualche legame con l’alieno? Boh.
Come fa il professore che si schianta col pick-up contro il treno a sopravvivere? È umanamente impossibile.
I cubi mutaforma, che ruolo hanno? Perchè vengono attirati verso quell’acquedotto magnetico??
Ma poi, quando il bambino parla con l’alieno si tocca il fondo…Sorgono altri interrogativi: come fa l’alieno a capire il bambino? Perchè Joe non è spaventato affatto? Si conoscevano già “inconsciamente”?

La fine del film è tutta da interpretare: perchè gli oggetti cominciano a volare attaccandosi al famoso acquedotto? Perchè non è successo prima allora? Cosa spinge l’alieno a darsi una mossa e scappare? Boh.

Penso che non ci voglia un genio per capire che se arrivi a un punto in cui ti devi praticamente immaginare l’intero film, vuol dire che c’è qualcosa decisamente che non va.
Lo sceneggiatore se n’è andato in vacanza a metà del lavoro? Secondo me sì.
Effetti speciali buoni, inferiori però alle aspettative.
Diciamo che come film sugli alieni ho di gran lunga preferito “La guerra dei mondi”, quello del 2005 con Tom Cruise.

Conclusione: sarà pure il film più atteso dell’anno, peccato che l’attesa non sia stata ripagata (questa è sempre un’opinione mia personale ovviamente, magari a molte persone è piaciuto).
Elle Fanning è davvero molto brava, purtroppo però ciò non basta a rendere sufficiente il voto di questo film.

6 commenti

  1. tappeleppe / 16 settembre 2011

    Sono d’accordissimo, un film cominciato bene e che lascia molti interrogativi, a cominciare da questo: perchè è stato fatto cosi?

    Delusione, forse il regista avrebbe potuto dare di più…

  2. oblivion / 16 settembre 2011

    Esattamente…e ti giuro che mi è costato parecchio ammetterlo, perchè all’inizio del film ero presissima, mi piaceva molto! Peccato davvero..

  3. aniya / 6 ottobre 2011

    …un’occasione buttata…

  4. cicos / 3 dicembre 2011

    I cani scappano da un pericolo, lo dicono anche quando visionano la mappa. L’alieno sta tentando di ricostruire la navicella (lo dicono quando visionano le pellicole nella scuola); la struttura attira il metallo perché sta “componendosi” attraverso campi elettromagnetici. Ovvio che ci siano blooper, ma quelli da voci citati non mi paiono così gravi o incomprensibili.

  5. oblivion / 3 dicembre 2011

    @cicos: mi fa piacere per te che le hai capite queste cose, così ti sei sicuramente goduto di più il film ;D

    • cicos / 4 dicembre 2011

      infatti…alla fine erano tutti cliché abbastanza triti ma come altri hanno detto, il senso di déjà vu e la prevedibilità di alcune scene è dichiarata, nel senso che non si pretende di innovare.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext