2011
15 Recensioni su

Super 8

/ 20116.5420 voti
Super 8

Mi piace / 27 Aprile 2019 in Super 8

trovo assurdo criticare questo film.. un bel mix di cose che adoro.. Spielberg, gli anni 80, i Goonies, la prima era tecnologica… per me un grande film !

Quando spielberghiano non è un complimento / 17 Marzo 2016 in Super 8

Parte molto bene, con una storia che ammicca a E.T., Incontri ravvicinati e Stand by me, poi sprofonda miseramente a mezza strada portandosi dietro tutti ma proprio tutti i canoni della “produzione spielberghiana”. Specifico: Spielberg come regista è uno dei più grandi viventi, ma quando deve battere cassa è capace di confezionare le peggiori merendine. E J. J. Abrams mi appare ora molto meno geniale di quanto pensassi alle prime puntate di Lost. Secondo me qui ha sprecato un’occasione; valeva quasi la pena incentrare la storia solo sul filmino amatoriale dei ragazzi, sarebbe stato un capolavoro.

Leggi tutto

non male / 11 Gennaio 2015 in Super 8

Il film mi é piaciuto, mi dava un idea di retró.. buone le recitazioni e lo spessore che JJ prova ad assegnare ai personaggi. Troppi flare anche quando non servono, ma daltronde il regista ne é assuefatto.

Quando un film profuma di Spielberg / 18 Maggio 2013 in Super 8

Super 8 è un bel film. È la storia di un gruppo di ragazzini che, impegnati a girare uno zombie movie amatoriale, riprendono per sbaglio un terrificante incidente ferriovario. Ma il treno merci è di proprietà dell’esercito americano, e dentro c’è qualcosa. Qualcosa di cui nessuno dovrebbe sapere nulla.

Comincia così il grande omaggio di J.J. Abrams a Steven Spielberg, questa volta produttore. L’alieno precipitato sul nostro pianeta, l’esercito che tenta di insabbiare ogni cosa, il gruppo di giovani amici che si danno da fare per svelare il mistero, la cittadina americana di provincia dal sapore kinghiano sconvolta da eventi sovrannaturali. I riferimenti a E.T. non sono chiari, sono ostentati.

E, se confrontiamo le date, Super 8 è ambientato nel 1979, cioè quando Abrams aveva tredici anni, la stessa età dei protagonisti del film. Si potrebbe parlare di un’operazione nostalgia in piena regola, e in effetti lo è, tanto che qua e là può emergere una sensazione di “artefatto”, che però non appesantisce né rende scontata la visione.

Il primo atto, in particolare, appare di una semplicità e leggerezza magnifiche. Abrams non ha alcuna fretta nel presentarci i giovani protagonisti (intepretati, tra gli altri, dai bravissimi Joel Courtney, Elle Fanning e Riley Griffiths), anzi, il ritratto che ne emerge è tenero, appassionato, quasi commosso. Se il resto del film si mantenesse sugli stessi livelli, si sfiorerebbe il capolavoro, ma così non è. Quando la poesia cede il posto all’azione, non si torna più indietro, e l’amalgama che riusciva al maestro Spielberg non riesce al creatore di Lost.

Rimane però un film godibile: i tempi sono perfetti, la colonna sonora di Michael Giacchino, pur senza spiccare, accompagna senza sbavature ogni scena. E chi ha amato film come I Goonies, Stand by me, lo stesso E.T., proverà ancora, magari con un filo di malinconia, le stesse sensazioni.

Per finire, non scappate dalla sala quando cominciano i titoli di coda. Vi perdereste lo zombie movie di Charles, Joe e Alice: oltre ad essere uno dei momenti più belli, è la chiave di lettura del film e ne racchiude i significati più intimi.

Leggi tutto

22 Gennaio 2013 in Super 8

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Super 8 è un film che Abrams, che non sto a spiegarti chi sia, ha fatto in collaborazione con Spielberg, che non sto nemmeno a spiegarti che ti spiego il fatto che non sto a spiegarti chi sia. E si vede.
In una cittadina di provincia, americana e con le colline di campi verdi intorno, nell’America di, ehm, un po’ d’anni fa. Un gruppetto di amici pischelli seguono l’amico ciccio, c’è sempre un amico ciccio in ogni compagnia, che fa il regista e vuole girare un corto in super 8 di ambientazione zombiereccia. Il protagonista, del film, non del filmino, è Joe, che si occupa dei trucchi e della scenografia e pronti… via! BAM, inizia il film e ha perso la mamma. Quindi ha i suoi motivi per essere triste. Mentre girano di notte accanto alla ferrovia un treno deraglia, esplosioni, (sussurri e) grida, esplode tutto. Si salvano, ma da quel momento la città è invasa dai militari, che non si capisce bene cerchino cosa, mentre strani fatti avvengono e persone scompaiono. Tocca ovviamente ai pischelli mettere tutto a posto, cioè fare in modo che si scopra che l’alieno non era poi così cattivo come si credeva ma voleva solo spaccare il culo ai marines che l’avevano maltrattato e tornarsene a casa. Sul che si innesta pure la storia d’amore tenerello di Joe con la ragazzina bionda da CBCR, e l’elaborazione del lutto.
Tutto è un palese omaggio, è metacinema che omaggia il cinema, ricordando la fase in cui tutti i fissati si facevano i filmini, è Spielberg tantissimo, quello di ET, nel focalizzare tutto su ragazzini e sul loro punto di vista (il migliore resta comunque il biondino che vuole in continuazione far esplodere/dar fuoco a tutto XD), così diverso è “giusto” rispetto a quello degli adulti che, per -n volte, di rivela decisamente “sbagliato”. E poi è avventura, è quei cari film anni ’80, che ne so, i Goonies e mille altri, insieme al tocco di attualità catastrofica, con la città trasformata in un campo di guerra dalla furia militare e stupida. E com’erano quei cari film anni ’80? Eran divertenti cazzo!
Ecco.

Leggi tutto

13 Gennaio 2013 in Super 8

Film di fantascienza dal sapore retrò, incanta tra vicende preadolescienziali e alieni quasi mai mostrati in camera, grazie a belle immagini e una storia ben costruita. Bravissima Elle Fanning, ancora una volta.

J.J Abrams non fai per me / 20 Luglio 2012 in Super 8

Qualsiasi cosa io veda di questo signore mi lascia interdetta. Vabbè, non penso che se ne farà un cruccio sapere che io non apprezzo ciò che fa con tutti i fans che ha. Super 8 ha una trama così inconsistente che quando è finito il dvd , ho guardato nella confezione per vedere se mi fossi persa qualche pezzo, ero convinta di aver perso il dvd con tutta la trama centrale!

Leggi tutto

Buono, dai / 3 Dicembre 2011 in Super 8

Condivido chi ha citato i Goonies (e sono molti a quanto vedo) perché non appena ho visto il gruppo di ragazzini correre ho avuto proprio la sensazione che mi evocò quel film. Da un film da cui non mi aspettavo granché ho ricevuto al contrario discreta soddisfazione. Nulla di nuovo sotto il sole, si dice, ma meglio un prodotto così che certi altri abomini cinematografici.

Leggi tutto

Niente di che ! / 14 Ottobre 2011 in Super 8

Un film mediocre che non ti prende mai veramente, sufficienza appena

Un storia. / 9 Ottobre 2011 in Super 8

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Mi è piaciuto perché racconta una storia (inevitabili i paragoni con film come E.T. l’extraterrestre) punto.
C’è sempre una morale alla fine (ormai trita e ritrita). Mi è piaciuto proprio perché non chiede un grosso contributo (mentale) allo spettatore ed è una storia che, tutto sommato, fila via liscia.

25 Settembre 2011 in Super 8

D’accordo, JJ Abrams non ha inventato niente di nuovo: ha scopiazzato un po’ dei Goonies, un po’ da Stand by me, un po’ da Lost (ça va sans dire). Eppure a me questo film è piaciuto un sacco, forse proprio perché in ogni momento sapevo dove sarebbe andato a parare e alla fine come si sarebbe risolta la situazione. In più la colonna sonora è troppo azzeccata per ogni scena. Se ci aggiungiamo che Elle Fanning è strepitosa, anche più della sorella, il film è riusciuto. E poi sarà anche che sono totalmente addicted a qualsiasi cosa faccia JJ, elenco del telefono compreso.

Leggi tutto

20 Settembre 2011 in Super 8

Bel film con un gruppo di ragazzini protagonisti (infatti citati non a caso i Goonies e Stand By me come fonti di ispirazione a cui io aggiungo It di Stephen King). Un gruppo di ragazzini sta girando un film sugli zombie x portarlo a un concorso cinematografico giovanile; abbiamo Joe che ha perso recentemente la madre, Charles aspirante regista, Martin l’attore (non troppo sveglio), Cury appassionato di esplosivi e Preston. A loro si unisce Alice (ancora una volta la bravissima Elle Fanning, talento come la sorella ma molto più bellina) che con la sua bellezza rischia di minare l’armonia del gruppo. Assistono a un misterioso incidente ferroviario che li trascinerà in un’avventura piena di mistero in cui i militari cercano di oscurare le indagini. Buon mix tra tensione e mistero; il film è interessante e molto carino. Splendida la prima scena in cui recita Alice che fa imbambolare i ragazzi e spettacolare (anche se un pò esagerato) il successivo incidente ferroviario.
Non alzatevi ai titoli di coda perchè compaiono delle scene aggiuntive

Leggi tutto

bello, semplicemente spielberg si sente…anche se è solo produttore / 17 Settembre 2011 in Super 8

ho visto il film al cinema giovedì sera e sono rimasto stupito dalla semplicità della storia…che nonostante tutto non perde mai il ritmo e non eccede mai in fantascienza.
bello il fatto di non far capire sino a 3/4 del film chi c’era in quel vagone…
riuscire a fare un film così “bello” avendo come attori principali bambini su bambini non è facile…
il regista rende il film un omaggio allo stile spielberg…si rivedono metodi, soggetti etc del grande regista…
lo consiglio.

Leggi tutto

14 Settembre 2011 in Super 8

La prima parte è davvero bella, con quell’aria di mistero in stile 80s; qualcuno ha fatto paragoni con E.T. e Close encounters, ma a me ha ricordato molto anche I Gunnies, almeno nel tema del gruppo di ragazzini che vive un’avventura. Purtroppo la seconda parte scade nella banalità, non rendendo giustizia alla porzione di film precedente e non mantenendo le aspettative; molti dettagli vengono accantonati, e la trama si perde in scene di scarso valore. Inoltre presenta alcuni elementi inflazionati nelle pellicole di genere (come il poliziotto eroico e integerrimo contro i militari brutti, cattivi e cospiratori).
Comunque raggiunge lo stesso la sufficienza, anche se avrebbe potuto essere qualcosa di più se lo stile e lo spirito 80s non fosse stato contaminato dall’eccessiva ricerca del gusto moderno e da un finale superficiale e affrettato. Peccato.

Leggi tutto

Tutto fumo e niente arrosto / 11 Settembre 2011 in Super 8

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Sono perplessa. E lo sono da ieri sera, da quando sono uscita dal cinema.
Forse perchè mi ero illusa di vedere un bel film, e invece che delusione…
È un vero peccato perchè l’idea era buonissima: un gruppo di ragazzini sta girando un cortometraggio ma una sera diventano testimoni di un incredibile incidente ferroviario. Dopodichè, cominicano ad accadere cose strane nella cittadina: tutti i cani spariscono misteriosamente, alcune persone pure. La corrente elettrica che va e viene, strani movimenti nella notte inquietano i giovani protagonisti.
Joe (un ragazzino sfortunato che ha perso la madre da poco in un incidente sul lavoro e che si sente smarrito, non si era già visto da qualche parte?) e Alice (figlia di un uomo pieno di problemi, alcolizzato e incolpato dal padre di Joe della morte della moglie) cominciano a indagare assieme al gruppo di ragazzini scoprendo che in verità la creatura responsabile di tutto quel casino è buona, solamente ce l’ha a morte con gli umani perchè l’hanno imprigionato per farne degli esperimenti e gli hanno impedito di costruirsi l’astronave per tornare a casa.
La prima parte del film è pervasa da un’atmosfera di pura suspense, che ti tiene col fiato sospeso fino a quando (purtroppo) succede qualcosa di strano nello sviluppo.

il problema si presenta quando il film (da metà in poi) comincia a scorrere inevitabilmente verso il mare dell’incomprensione e dell’assurdo.
Praticamente, si arriva alla fine che non si è capito niente. Ma non perchè uno sia bacato o non particolarmente intelligente; il fatto è che non spiegano NULLA. Tutti gli input (peraltro molto buoni a mio parere) che sono stati dati all’inizio (ad esempio, i bambini con la passione per il cinema, i cani che scompaiono, la luce che va e viene, i cubi mutaforma [??]), vengono irrimediabilmente o abbandonati, o sfruttati male dallo sceneggiatore-regista (che io credo abbia abbandonato la scrittura a metà, dato che c’è un tale casino..) per creare stupidi cliché o scenette degne di una commedia fatta male.

Joe e Alice che nel bel mezzo di un “inseguimento”, con l’alieno alle calcagna che li vuole squartare, si abbracciano e si dicono parole dolci, come se il tempo si fosse fermato (peraltro la scena voleve essere, penso, commovente ma non lo è!); e i cani?? Non sapremo mai perchè sono scomparsi. Cosa li attirava fuori città? Hanno qualche legame con l’alieno? Boh.
Come fa il professore che si schianta col pick-up contro il treno a sopravvivere? È umanamente impossibile.
I cubi mutaforma, che ruolo hanno? Perchè vengono attirati verso quell’acquedotto magnetico??
Ma poi, quando il bambino parla con l’alieno si tocca il fondo…Sorgono altri interrogativi: come fa l’alieno a capire il bambino? Perchè Joe non è spaventato affatto? Si conoscevano già “inconsciamente”?

La fine del film è tutta da interpretare: perchè gli oggetti cominciano a volare attaccandosi al famoso acquedotto? Perchè non è successo prima allora? Cosa spinge l’alieno a darsi una mossa e scappare? Boh.

Penso che non ci voglia un genio per capire che se arrivi a un punto in cui ti devi praticamente immaginare l’intero film, vuol dire che c’è qualcosa decisamente che non va.
Lo sceneggiatore se n’è andato in vacanza a metà del lavoro? Secondo me sì.
Effetti speciali buoni, inferiori però alle aspettative.
Diciamo che come film sugli alieni ho di gran lunga preferito “La guerra dei mondi”, quello del 2005 con Tom Cruise.

Conclusione: sarà pure il film più atteso dell’anno, peccato che l’attesa non sia stata ripagata (questa è sempre un’opinione mia personale ovviamente, magari a molte persone è piaciuto).
Elle Fanning è davvero molto brava, purtroppo però ciò non basta a rendere sufficiente il voto di questo film.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.

Non ci sono voti.