Recensione su Sulla mia pelle

/ 20187.6298 voti

21 Aprile 2021

Un ottimo film, il migliore che si poteva ricavare da questo tragico episodio, che suscita una rabbia e un dolore indicibili. E invece nel film non c’è retorica, non c’è dolore insopportabile, non ci sono eroi, non ci sono mostri, non ci sono pianti greci. è un racconto disincantato e ben recitato (perfetta e mimetica anche Jasmine Trinca, che in genere non mi piace) che consente di farsi un’idea di un fatto di cronaca terribile e inspiegabile. Sintomo della grande sobrietà che è alla base del film la scelta di non mostra e non far sentire il pestaggio: Stefano Cucchi entra in una stanza e ne esce dolorante, coperto di lividi, con due vertebre rotte. Non sappiamo esattamente cos’è successo lì dentro. Cucchi non è in alcun modo un eroe, non si gioca nemmeno a renderlo simpatico. è un uomo con le sue debolezze, che come nessun uomo meritava di morire ricoperto di lividi e con le ossa rotte. Bella prova per il regista.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext