2015

Suffragette

/ 20157.3170 voti
Suffragette
Suffragette

Inghilterra, inizi del Novecento. Le vite di alcune donne si intrecciano nell'ambito del movimento di rivendicazione dei diritti della donna. Tra di esse, c'è anche Emmeline Pankhurst, leader delle Suffragette.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: Suffragette
Attori principali: Carey MulliganHelena Bonham CarterBrendan GleesonAnne-Marie DuffMeryl StreepBen Whishaw, Romola Garai, Samuel West, Geoff Bell, Natalie Press, Adrian Schiller, Amanda Lawrence, Adam Michael Dodd, Grace Stottor, Lorraine Stanley, Morgan Watkins, Finbar Lynch, Nick Hendrix, Shelley Longworth, Sarah Finigan, Drew Edwards, Adam Nagaitis, Lee Nicholas Harris, Joyce Henderson
Regia: Sarah Gavron
Sceneggiatura/Autore: Abi Morgan
Colonna sonora: Alexandre Desplat
Fotografia: Eduard Grau
Costumi: Jane Petrie, Beth Gillman
Produttore: Alison Owen, Faye Ward
Produzione: Gran Bretagna
Genere: Drammatico, Storia
Durata: 106 minuti

Bellissimo / 28 Novembre 2017 in Suffragette

Film interessante e molto profondo. Per capire il vero femminismo

una importante battaglia / 11 Gennaio 2017 in Suffragette

Bel film, che lascia emergere soprattutto l’ottima interpretazione della protagonista e che racconta quelle che sono state le lotte e le controversie delle donna in Inghilterra per ottenere il voto. Film brillante, che porta lo spettatore ad aprire gli occhi verso il tema dell’emancipazione e che sottolinea una della più importanti forme di comunicazione, quale è il voto, perciò film che connette la donna a questo diritto. Unica pecca: il film non racconta al meglio gli avvenimenti, semplificando un po’ troppo, ma evidenzia l’importanza della donna, rendendola il perno della società.

Leggi tutto

Film dignitoso e convincente / 13 Agosto 2016 in Suffragette

Non un capolavoro, ma comunque un film dignitoso e convincente. Eccellente la scelta di concentrare l’attenzione su una donna del popolo e non sulle leader del movimento suffragista (purtroppo nel doppiaggio italiano si perde inevitabilmente la parlata tipica della ragazza proletaria, appiattendo il personaggio sugli altri). Degno di nota è come il film metta bene in evidenza che la radicalizzazione della protagonista è l’effetto anche del trattamente repressivo delle autorità.
Carey Mulligan è perfettamente a suo agio in un ruolo che sembra finalmente tagliato su misura per lei.

Leggi tutto

Suffragette, ovvero: più o meno andò così (altro che Mary Poppins) / 6 Maggio 2016 in Suffragette

Anche se era abbastanza evidente che il movimento delle suffragette nell’Inghilterra ante prima guerra mondiale fosse ben diverso da quello dipinto dalla Disney in Mary Poppins (quasi uno spensierato, trasgressivo passatempo di borghesi annoiate), un film come questo era comunque necessario per dipingere con verosimiglianza quello che fu realmente la lotta per il diritto al voto delle donne nella ancorché progredita patria della Rivoluzione industriale (che in effetti fu poi tra le prime Nazioni a concederlo).
È una storia di sassi contro le vetrine, di cassette della posta incendiate, di bombe e di scioperi della fame.
Di madri allontanate dai loro figli, perché messe in prigione o ripudiate dai mariti.

Non che non vi siano film che parlano di questo tema in modo verosimile prima di questo. I primi si registrano addirittura già negli anni Dieci del Novecento, ossia oltre un secolo prima di questa pellicola. Tra di essi, il più importante è sicuramente il Die Suffragette di Urban Gad (1913), con protagonista la prima vamp della storia del cinema Asta Nielsen.
Ma stiamo parlando di film dimenticati e introvabili.

La pellicola gestisce il resoconto storico in maniera impeccabile, concentrandosi sulle storie di donne ordinarie (le suffragette che stavano in prima linea alle manifestazioni), più che di quelle straordinarie (la leader del movimento Emmeline Pankhurst – interpretata dall’onnipresente Meryl Streep – che fa soltanto una breve, ma intensa, apparizione).
Il risultato è un film più che discreto, con un’interpretazione onorevole delle attrici del cast ed una regia che non invade mai il campo alla Storia, che in progetti come questi non può che essere la vera protagonista.
Quello che più è interessante di questa pellicola, non è tuttavia – banalmente – la storia del movimento suffragista femminile, bensì la rappresentazione della condizione della donna nell’Inghilterra post-vittoriana. Forse non sorprenderà i paesi anglosassoni vedere quelle immagini di interi reparti femminili al lavoro, in un’epoca, l’inizio del Novecento, in cui nel nostro Paese qualcosa del genere era invece assolutamente impensabile.
L’Inghilterra di inizio Novecento, del resto, era decenni avanti rispetto a Nazioni come la nostra, ed infatti non per nulla il suffragio femminile arrivò da noi soltanto dopo la seconda guerra mondiale (anche se c’è da dire che Paesi come la Svizzera attesero addirittura fino al 1971).

Leggi tutto

Da vedere. / 29 Aprile 2016 in Suffragette

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Un film molto bello…..la storia di donne, madri, mogli, lavoratrici di tutte le età che hanno lottato sacrificando anche la vita affinché le donne potessero votare e avere gli stessi diritti degli uomini con i figli, il lavoro, il voto.
La parte più toccante per me è stata quando alla protagonista il marito toglie il figlio e lo fa adottare e lei non ha alcun diritto….una cosa terribile. E’ davvero doloroso pensare che ancora oggi dopo cento anni da quelle lotte, ci siano ancora posti in cui le donne non hanno diritti e valgono niente in quanto donne.

Un film toccante e sicuramente da vedere.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.