Recensione su Street fighter - sfida finale

/ 19944.676 voti

IL FILM COMICO PIU’ BELLO DEL SECOLO. -Nathan- / 10 marzo 2013 in Street fighter - sfida finale

Ve lo state chiedendo.
Ehi Don che cosa ti sei fumato ?
Stai recensendo Street Fighter lo sai ?

Certo che lo so ragazze/i, il fatto è che ieri ero a casa di un mio carissimo amico, tal Nathan detto Josè (così perché fa figo). Il film prende più o meno la storia del famoso videogioco al quale chi prima o chi dopo abbiamo fatto una partitina. Se dite di no, nessuno vi crederà ma fate come volete.
Inizio dicendo che dopo aver fatto un film del genere, il regista deve esser stato screditato a livello planetario. Ma che dico, planetario ? Sarà stato bandito in tutta la galassia.
E se invece vi dicessi che, il tale, Steven de Souza realizzò pellicole e serie tv valevoli ? E se vi dicessi che Street Fighter incassò parecchio ? Eh, la sto vedendo la vostra faccia.
Ma basta con il cazzeggio e via con la trama(cazzeggiosa). Il portagonista è Jean Claude Van Danno che interpreta il cafonissimo colonnello Americano meglio conosciuto come Guile. Egli incarna ciò che gli USA sono o quello che vorrebbero essere:
“Bello (????), pettinato come un divo di Hollywood, forte nel combattimento, pieno di gnocca, autoritario ma giusto, oratorio (non quello della Chiesa)”
Van Danno è azzeccato nella parte e come in quasi tutti i suoi film, recita proprio di me**a.
Ma che ti aspetti Don, passi il Sabato sera a vedere Street Fighter. Se da un lato abbiamo il soldato giusto americano, dall’altro abbiamo Mr.Bison.
Ora, secondo me Bison non è cattivo ma è la società che non lo capisce.
Prendiamo le sue parole: “Io voglio creare un mondo in pace, dove tutto sia bello e rosso, tutti indossino i cappelli da generale e che si parli in una strana lingua simile allo spagnolo pur se il mio Stato utopico (a metà fra Comunismo Russo e Nazismo Teutonico) è situato in un luogo non troppo preciso dell’Asia.
La pax Bisoniana.

Oh dai, quanto è coatto Bison ? Ha vinto.
Va bè, la pellicola presenta altri personaggi di primo e secondo ordine come il mitico Zangief che essendo russo (siamo negli anni ’90, ok la guerra fredda è finita ma il cliché usato, anche in questo film, frutta sempre qualcosina) viene rappresentato come stupidissimo. Non che nel videogioco abbia studiato ad Oxford ma voglio dire non è nemmeno idiota fino allo sfinimento. Il piano comunque è quello di fermare Bison poiché i suoi modi di fare turbano gli Usa e l’ONU in generale.
Come fermare un potente dittatore ? Colpi di arti marziali, che domande.
In tutto ciò, i soldati usati da Van Damme sono i caschi blu dell’Onu chiamati in un altro modo poiché altrimenti dovevano pagare i soldi all’Onu e dovevano usarli per la buona riuscita della pellicola.
Ma una domanda me la sono fatta.
E’ mai possibile che i soldati italiani non ci siano mai ?
Stanno sempre in cucina ? O vengono sempre rapiti ?
Fateci caso.

Note del Don.
Una delle poche scene notevoli ?
Van Damme che estrae un coltello per vedersela contro un plotone… plotone che indietreggia.
Convinto tutto ciò fosse per causa sua, sorride.
Cambia l’inquadratura e bam si scopre che dietro Van Damme c’è un plotone ancora più grosso di quello di Bison. Carina e con una linea di umorismo.
Per non parlare dei Dollari Bison e del quadro Bison/Napoleone. Un pazzo !
Altra scena carina il pezzo in cui l’aiutante del dittatore esclama “Okay..” autoconvincendosi della pazzia di Bison.

DonMax

Lascia un commento

jfb_p_buttontext