Recensione su Steins;Gate: Fuka Ryouiki no Déjà vu

/ 20137.911 voti

Perchè devo dimenticarti? / 25 Novembre 2013 in Steins;Gate: Fuka Ryouiki no Déjà vu

Un graditissimo ritorno. A chi si era affezionato ai personaggi e alle vicende del quartiere di Akihabara, questo film apparirà proprio in questo modo.
La trama si svolge un anno dopo gli eventi della serie originale, con la comparsa di un problema che potrebbe stravolgere la vita di Rintaro e del suo variegato gruppetto, che richiede un nuovo intervento sulle varie linee temporali. Questa volta però, non sarà l’autoproclamato scienziato pazzo il protagonista delle vicenda, bensì la bella e intelligente “assistente” Kurisu.
Steins;Gate The Movie mantiene degnamente le atmosfere commoventi e drammatiche, senza mancare di voler strappare anche qualche risata, della sua controparte a episodi. Non a caso, proprio come nella storia originale, la trama all’inizio non decolla o, più precisamente, non si presenta affatto. Come accaduto nei primi episodi della serie, anche qui gli autori si ostinano a non far capire allo spettatore che cosa dovrà aspettarsi nei prossimi 90 minuti.
Il film non viene però penalizzato per questo nella parte iniziale, che ha più che altro la funzione di reintrodurre nuovamente i personaggi, un po’ per dovere di cronaca e un po’ per colmare quel senso nostalgico che si era creato con la fine della storia.
Anche il resto della struttura del film mantiene fede allo spirito della serie. La storia infatti è presentata in maniera complessa e, anziché andare avanti, si svolge a ritroso, grazie al classico escamotage del salto temporale.
Sull’aspetto tecnico si può dire che la grafica ha delle piccole migliorie rispetto alla serie regolare. Migliorie in parte scontate, visto che si parla di un film pensato principalmente per il grande schermo. Le musiche fanno sempre il loro buon lavoro, la sigla iniziale e finale sono in particolare degne di menzione.
Superfluo dire che lo consiglio a chi ha apprezzato la serie regolare. Anche perché la visione di quest’ultima è il requisito principale per godersi questa pellicola.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext