Recensione su Stato di grazia

/ 19907.027 voti

17 Aprile 2012

Film elegante e ben condotto, che per certi versi dimostra di avere i suoi anni e per certi altri invece no. Siamo dalle parti di “The Departed” di Scorsese e, anche in questo caso, ad essere protagonisti sono i discendenti di quei gruppi di immigrati che hanno letteralmente fatto l’America. Irlandesi dai capelli unti e vestiti con giacche di pelle che si spostano tra chiese e pub tracannando Heineken ed italiani impomatati e chiusi nei loro abiti stirati da quattro soldi che si abbuffano di spaghetti e riscuotono il pizzo.
Il contesto è questo. Infiltrati e regolamenti di conti, vecchi amori, legami di amicizia e sparatorie cesellano la sceneggiatura.
Cast di prima scelta ed interpretazioni molto buone, da Ed Harris, che nelle vesti del cattivo non sta per niente male, ad un giovane Sean Penn fino ad un grande Gary Oldman, più vicino al Rosencrantz di “Rosencrantz e Guildestern sono morti” che allo Smiley di “La talpa”.
C’è anche una giovanissima Robin Wright ed il mitico John Turturro.
Le musiche sono di Morricone.

4 commenti

  1. Stefania / 17 Aprile 2012

    Se non sbaglio, Robin Wright e Penn si conobbero ed innamorarono proprio sul set di questo film.
    Lo vidi anni e anni fa, ma ne conservo un ottimo ricordo. Da rivedere, senza dubbio.

  2. henricho / 17 Aprile 2012

    Non lo sapevo! cioè, il periodo poteva essere quello ma non immaginavo che nello specifico il film fosse stato questo..come si dice, galeotto fu il film! 😉
    Ad ogni modo mi è piaciuto davvero molto!

  3. Stefania / 17 Aprile 2012

    Magari mi sbaglio, eh, ma mi pare fosse così 😉
    Da quel che ricordo, poi, bravi tutti, da Turturro a Oldman e anche Penn che stava iniziando a “prendere le misure”, a diventare davvero bravo, insomma.

  4. henricho / 17 Aprile 2012

    Si, poi a me è piaciuto un sacco Oldman..sarà che sono un suo grande fan ma il ruolo dell’irlandese irritabile gli calzava ben 😉

Lascia un commento

jfb_p_buttontext