Stargate

/ 19946.8315 voti
Stargate

Giza, 1928: il team di un archeologo americano porta alla luce un misterioso sarcofago circolare di pietra, che nasconde un ancor più misterioso enorme anello fatto di un minerale sconosciuto sulla faccia della Terra. Oltre sessant'anni dopo, la figlia dell'archeologo si affida ad un giovane egittologo per interpretare le iscrizioni presenti sui due reperti. Il dottor Jackson, sbeffeggiato dalla comunità scientifica per le sue astruse teorie sugli egizi, avrà modo di riabilitarsi scoprendo che quel grosso anello è uno Stargate, una porta spazio-temporale che conduce all'altro capo dell'Universo, su un pianeta dove tutto sembra rimasto fermo ai tempi dell'antico Egitto...
hartman ha scritto questa trama

Titolo Originale: Stargate
Attori principali: Kurt RussellKurt RussellJames SpaderJames SpaderJaye DavidsonJaye DavidsonViveca LindforsViveca LindforsAlexis CruzAlexis CruzMili Avital, Leon Rippy, John Diehl, French Stewart, Carlos Lauchu, Djimon Hounsou, Erick Avari, Derek Webster, Christopher John Fields, Gianin Loffler, Frank Welker, Rae Allen, Richard Kind, Jack Moore, Steve Giannelli, David Pressman, Scott Alan Smith, Cecil Hoffman, John Storey, Lee Taylor-Allan, George Gray, Kelly Vint Castro, Erik Holland, Nick Wilder, Sayed Badreya, Michael Concepcion, Jerry Gilmore, Michel Jean-Philippe, Dialy N'Daiye, Gladys Holland, Roger Til, Kenneth Danziger, Christopher West, Robert Ackerman, Kairon John, Dax Biagas, Mostra tutti
Regia: Roland EmmerichRoland Emmerich
Sceneggiatura/Autore: Roland Emmerich, Dean Devlin
Colonna sonora: David Arnold
Fotografia: Karl Walter Lindenlaub
Costumi: Joseph A. Porro, Garet Reilly
Produttore: Mario Kassar, Joel B. Michaels, Roland Emmerich, Dean Devlin
Produzione: Francia, Usa
Genere: Azione, Fantascienza
Durata: 121 minuti

Dove vedere in streaming Stargate

Egitto & Sci-Fi / 14 Ottobre 2016 in Stargate

Daniel Jackson (James Spader) è un professore esperto in egittologia preso in giro da tutta la comunità per le sue idee che viene assoldato dal governo per aiutare a decifrare i geroglifici su una misteriosa pietra trovata sotto la piramide di Giza nel 1928 (e probabilmente posta lì nell’8000 A.C.) da un’astronave. Si scopre ben presto l’enigma e al professore viene mostrato il vero e proprio Stargate, punto di collegamento tra la terra e il pianeta alieno. Verrà organizzata una spedizione con Jackson capitanata dal colonnello Jack O’Neill (Kurt Russell) con pochi altri militari. L’arrivo nel pianeta alieno svelerà una misteriosa civiltà e degli esseri che hanno intenzioni tutt’altro che pacifiche nei confronti dell’umanità. Non è esattamente un film straordinario, almeno se parliamo di coinvolgimento – ha un po’ troppi momenti morti per me, almeno all’inizio, ma, grazie alla bellissima ambientazione e a due protagonisti estremamente azzeccati il voto diventa quindi tranquillamente positivo e anche forse qualcosa di più. Un buon film di fantascienza che ha dato poi il via ad una serie altrettanto buona.

Leggi tutto

7 Agosto 2014 in Stargate

Per quelli della mia generazione, Stargate non può che essere un film assolutamente mitico.
Quelli che, all’uscita del film sul piccolo schermo, ancora non erano teenager ma erano già entrati in età da doppia cifra.
Quelli che avevano ancora la capacità di sognare dei bambini, ma in cui si iniziava ad affacciare un minimo di razionalità e consapevolezza, tipiche degli adulti.
Quelli che non andavano al cinema, perché non vi avevano ancora interesse o perché preferivano giocare a pallone nella piazza del paese.
Quelli che, pertanto, aspettavano le prime tv di canale 5 come eventi epocali, magari col videoregistratore pronto e la mano sul telecomando per mettere in pausa durante le (molte e fastidiose) pubblicità.
Stargate non è sicuramente un film di fantascienza che meriti di essere menzionato nell’olimpo del genere, tutt’altro.
È sempliciotto e ricco di forzature.
È un pot-pourri di classici, che strizza l’occhio a Star Wars, ma anche a Indiana Jones, con l’aggiunta degli onnipresenti United States Marines.
La storia del dottor Jackson (un James Spader dalla mimica e dalla postura simpaticamente goffa), che viene pescato dal nulla per occuparsi di un progetto ultra-segreto, che risolve in poco tempo ciò che altri non erano riusciti a risolvere in anni di lavoro (magari con l’ennesima intuizione pseudo-newtoniana), che riesce a far funzionare uno strumento extraterrestre dopo averlo visto per la prima volta solo da un paio di minuti… ebbene, la storia di Stargate è carina, tutto sommato originale, coinvolgente, ma non di certo adatta a resistere negli annali della cinematografia, e nemmeno, e ci mancherebbe, ad essere accostata a capolavori del genere quali il 2001 di Kubrick o Blade Runner.
È quella fantascienza tout-court, in cui la semplicità di un Urania incontra i milioni di dollari stanziati per gli effetti speciali… una fantascienza che spiega poco o nulla, dando tutto per scontato, senza neanche ambire ad un’interpretazione filosofica.
È fantascienza da botteghino, marchio di fabbrica della premiata coppia Dean Devlin – Roland Emmerich (che proseguiranno su quella strada con Independence day).
Eppure, come dicevo, questo film ha qualcosa di magico per quelli della mia generazione.
O, per lo meno, ha qualcosa di magico per me.
È il film che, a mia memoria, mi ha iniziato al cinema, me ne ha fatto innamorare, così come Baggio mi aveva fatto innamorare del calcio nel 1994, pur tra le lacrime di una finale mondiale gettata via ai rigori.
Facendo leva sull’affascinante tema delle stelle, di altri mondi, degli Egizi, del mistero, mi rapì da (quasi) adolescente iniettandosi nella mia memoria come uno di quei film (soggettivamente) indimenticabili.
E del resto il bello del cinema è proprio questo: che ciò che è destinato all’oblio per molti, può essere mitico, magico agli occhi di altri.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.