Star Wars: L'ascesa di Skywalker

/ 20196.1106 voti
Star Wars: L'ascesa di Skywalker

Il nono episodio è il capitolo conclusivo della terza trilogia della monumentale saga di Guerre Stellari.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: Star Wars: The Rise of Skywalker
Attori principali: Carrie FisherCarrie FisherMark HamillMark HamillAdam DriverAdam DriverDaisy RidleyDaisy RidleyJohn BoyegaJohn BoyegaOscar Isaac, Anthony Daniels, Naomi Ackie, Domhnall Gleeson, Richard E. Grant, Lupita Nyong'o, Keri Russell, Joonas Suotamo, Kelly Marie Tran, Ian McDiarmid, Billy Dee Williams, Greg Grunberg, Shirley Henderson, Billie Lourd, Dominic Monaghan, Hassan Taj, Lee Towersey, Brian Herring, Dave Chapman, Richard Guiver, Lynn Robertson Bruce, J.J. Abrams, Claire Roi Harvey, Richard Coombs, Matt Denton, Nick Kellington, Mandeep Dhillon, Alison Rose, Amanda Lawrence, Tanya Moodie, Simon Paisley Day, Geff Francis, Amanda Hale, Amir El-Masry, Aidan Cook, Patrick Williams, Martin Wilde, Anton Simpson-Tidy, Lukaz Leong, Tom Rodgers, Joe Kennard, Ashley Beck, Bryony Miller, Cyril Nri, Angela Christian, Indra Ové, Richard Bremmer, Mark Richard Durden Smith, Andrew Havill, Nasser Memarzia, Patrick Kennedy, Aaron Neil, Joe Hewetson, Raghad Chaar, Mimi Ndiweni, Tom Wilton, Chris Terrio, Kiran Shah, Debra Wilson, Josef Altin, Vinette Robinson, Mike Quinn, Bill Kipsang Rotich, Ann Firbank, Warwick Davis, Harrison Davis, Elliot Hawkes, Philicia Saunders, John Williams, Nigel Godrich, Dhani Harrison, J.D. Dillard, Dave Hearn, Rochenda Sandall, Jacob Fortune-Lloyd, Andreea Diac, Liam Cook, Denis Lawson, Carolyn Hennesy, Paul Kasey, Matthew Wood, James Earl Jones, Andy Serkis, Josefine Irrera Jackson, Cailey Fleming, Jodie Comer, Billy Howle, Hayden Christensen, Olivia d'Abo, Ashley Eckstein, Jennifer Hale, Samuel L. Jackson, Ewan McGregor, Alec Guinness, Frank Oz, Angelique Perrin, Freddie Prinze Jr., Liam Neeson, Harrison Ford, Lin-Manuel Miranda, David Acord, Dan Adler, Dee Bradley Baker, Verona Blue, Steve Blum, David Boat, David W. Collins, Jonathan Dixon, Terri Douglas, Robin Atkin Downes, Amanda Foreman, Janina Gavankar, Grey DeLisle, Stefan Grube, Mike Holland, Karen Huie, Tom Kane, Lex Lang, Vanessa Lengies, Logic, Yuri Lowenthal, Vanessa Marshall, Donald Mustard, Nicole Nasca Supercinski, Michelle Rejwan, Julian Stone, Tara Strong, Fred Tatasciore, James Arnold Taylor, Jessica Tuck, Karl Urban, Reggie Watts, Samuel Witwer, Ed Sheeran, Matt Smith, Diana Kent
Regia: J.J. AbramsJ.J. Abrams
Sceneggiatura/Autore: J.J. Abrams, Chris Terrio
Colonna sonora: John Williams
Fotografia: Dan Mindel
Costumi: Michael Kaplan
Produttore: Kathleen Kennedy, J.J. Abrams, Callum Greene, Jason McGatlin, Michelle Rejwan, Tommy Gormley
Produzione: Usa
Genere: Azione, Fantascienza, Fantasy
Durata: 142 minuti

At the end your rule is, and not short enough it was / 30 Dicembre 2019 in Star Wars: L'ascesa di Skywalker

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Finalmente siamo giunti all’ultimo (ci crediamo tantissimo, oeh!) capitolo di questo scempio cinematografico in tre atti, l’agonia di SW è stata lenta e indecorosa nelle mani di WD che ostinatamente e ignorantemente ha voluto mettere il proprio sigillo su una storia già conclusa, smentendone arrogantemente il finale consolidato da oltre trent’anni (come se poi il finale di ROTJ non fosse già da “e vissero felici e contenti”) e partorendo un prodotto già morto. Un po’ come la creatura di Frankenstein (quella dei film in bianco e nero anni ’30, non quella del romanzo di Mary Shelley), un pezzo da Ep4, un pezzo da Ep5, un pezzo da Ep6, quell’altro da chissà dove ma mettiamocelo lo stesso, tutto cucito insieme alla meno peggio. E crepi pure la coerenza, non tanto con i 6 originali (chissene, dopotutto, si saranno detti in WD) ma addirittura con quanto hanno tirato fuori loro stessi sceneggiatori, soggettisti e registi (e sì, sappiamo tutte le vicissitudini che ha subito il progetto, ma il lavoro è il loro mica il nostro).
Personalmente come dal primissimo momento continuerò sempre a considerare apocrifa tutta questa roba, quindi come starwarsiano campo tranquillo.
Ma qualcosa di più circostanziato devo pur dirlo. Per farla alla Jep Gambardella, in ordine sparso:
-Palpatine burattinaio di Snoke e mastermind dietro tutto con lo scopo di tornare in pieno possesso dei suoi poteri, è un’idea rubata ai fan che risale all’uscita di The Force awakens, con la differenza che la versione fan-theory era molto più sensata e dettagliata di quella raffazzonata qui da J.J.A. e compari.
-In ogni caso Rey nipote di Palpatine resta una boiata epocale, sebbene prevista perfino da qualche fan su youtube in tempi non sospetti (si parlava di figlia ma vale lo stesso). Una roba da telenovela. Certo, per dare il colpo di scena in un film chiamato “Ascesa di Skywalker” (e moltissimi hanno immaginato che i trattasse di Rey la Skywalker in ascesa) qualcosa dovevano pur inventarsi, quel che non è perdonabile però è la pigrizia e il pressapochismo di questa trovata a cui non viene nemmeno data la benché minima spiegazione. Nessun rispetto verso il pubblico, as usual.
-Spiegoni a non finire, dai titoli di testa che praticamente sostituiscono un intero film di collegamento per giungere subito all’avvio di questo, passando per Poe Dameron che ripete la lezioncina imparata dall’informatore a beneficio del pubblico, e via via così, tutti pronti all’occasione a fare infodump. A questo punto avrebbero anche potuto mettere in bocca a Palpatine la storia della genesi di Rey, giusto per completezza; ah, già, ma nemmeno loro di WD hanno idea di quale sia.
-Gli effetti speciali in SW sono sempre stati subordinati alla trama, sono sempre stati usati per “dare atmosfera” e come un modo per sostenere la narrazione quando necessario non un modo per sostituirsi ad essa. Qui, come nei precedenti due capitoli, gli effetti speciali si sostituiscono alla trama.
-Insopportabilmente frequenti e inutili i battibecchi tra Poe e Finn, dovrebbero far intendere il rapporto stretto tra i due personaggi ma invece risultano irritanti e fuori contesto; due vecchie zie zitelle che vivono assieme da troppi decenni. Un’altra roba da cinecomic innestata da WD in SW.
-Ecco, i dialoghi. Scialbi, scontati, prevedibili, inutili, piatti. Poco realistici, sanno tantissimo di utilitarismo (i personaggi dicono solo quello che serve alla trama, le parole giuste al momento giusto dette dalla persona giusta) e di retorica. Più che un valore aggiunto sono l’ennesima palla al piede dello spettatore che cerca di arrivare spossatamente alla fine.
-Io la Death Star II me la ricordo esplodere completamente quando Lando&Co hanno fatto saltare in aria il reattore di alimentazione, quindi ‘sti famigerati rottami da dove verrebbero? E come hanno fatto a finire lì a Kef Bir dall’orbita della luna boscosa di Endor (presumibilmente, quindi, due sistemi stellari diversi)?
[to be continued appena il sistema mi permetterà di pubblicare tutto]

Leggi tutto

Una Fine soddisfacente / 27 Dicembre 2019 in Star Wars: L'ascesa di Skywalker

Entro al cinema poco convinto, ancora vivo il ricordo del mortifero capitolo precedente ma dopo oltre due ore esco soddisfatto. Sembra proprio abbiano voluto scrivere la parole fine a questa saga. Vengono finalmente date delle risposte alle molte, troppe domande, e se anche non completamente chiare e precise sono accettabili.
Mi è piaciuta molto l’alternanza di momenti veloci, corse duelli e battaglie con momenti lenti per mostrare le difficoltà e i dubbi di Rey e il suo rapporto con la forza, stavolta il suo personaggio aveva più spessore. Anche Kylo ha ottenuto maggiore spazio e un cert approfondimento.
Piccola nota negativa: il “reduce” Lando rivela che l’altra volta i ribelli avevano vinto perché si era formato un gruppo ma questa nuova compagnia non mi sembra abbia veramente creato la stessa unione.

Leggi tutto

fine, amen. / 25 Dicembre 2019 in Star Wars: L'ascesa di Skywalker

speriamo sia realmente la fine di un colosso editoriale che si è inventato una trilogia “finale” scopiazzando i film originali giusto per raccattare due soldi.

Il voto sarebbe un 7.5 / 24 Dicembre 2019 in Star Wars: L'ascesa di Skywalker

Nel buio della sala, aspettando il solito motivo che dà inizio a Star Wars.
Rey (Daisy Ridley) sta completando il suo addestramento da Jedi agli ordini di Leia (Carrie Fisher, qua sono state riciclate vecchie immagini girate nei film precedenti); Kylo Ren (Adam Driver) trova un dispositivo che lo porterà sul pianeta Exegol dove troverà l’imperatore Palpatine; Poe (Oscar Isaac) e Finn (John Boyega) sono impegnati in un’importante missione.
Buono questo film che conclude la terza trilogia di Star Wars; azione, dramma e tracce di ironia. Qualche volta si rischiano un po’ di scene quasi da soap opera ma si può soprassedere.
Al solito bellissime le sequenze nei vari pianeti (anche se manca la didascalia di presentazione); interessanti e spettacolari le scene su Kijimi dove Poe incontra Zorii Bliss (Keri Russell anche se il volto è quasi sempre coperto da una maschera), una sua vecchia conoscenza.
Non è l’unica vecchia conoscenza che i nostri “eroi” troveranno sulla loro strada.
Sempre fantastici Chewbacca e i vari “robottini”.
Se sono piaciuti i due film precedenti di questa trilogia, questa ne è una degna conclusione; chi invece è ancora nostalgico della prima trilogia allora storcerà un po’ il naso. A me è piaciuta, anche se ammetto qualche “forzatura” (scusate il termine ma non trovo di meglio).

Leggi tutto

Star Wars: dove?! / 22 Dicembre 2019 in Star Wars: L'ascesa di Skywalker

Di epico in questa trilogia è rimasta solo la musica. Ma non mi aspettavo ormai più nulla di decente.

inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.