Split

/ 20166.8355 voti
Split

Kevin accoglie in sé ben 23 personalità differenti, note anche alla sua psichiatra. La ventiquattresima, forse la più pericolosa, è rimasta nascosta, in attesa di palesarsi drammaticamente, soggiogando le altre. Nel frattempo, Kevin rapisce tre adolescenti.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: Split
Attori principali: James McAvoyAnya Taylor-JoyBetty BuckleyHaley Lu RichardsonJessica SulaBrad William Henke, Sebastian Arcelus, Neal Huff, Kim Director, Lyne Renee, M. Night Shyamalan, Peter Patrikios, Roy James Wilson, Robert Bizik, Izzie Coffey, Rosemary Howard, Jon Douglas Rainey, Junnie Lopez, Steven Dennis, Matthew Nadu, Barbara Edwards, Kash Goins, James Robinson Jr., Corinne Costa, John Mitchell, Andrea Havens, Shawn Gonzalez, Kelly Werkheiser, Aleksandra Svetlichnaya, Jalina Mercado, Michael J. Kraycik, Michelle Santiago, Michaela Bockarie, Colin Campbell, Nakia Dillard, John Jillard Sr., Julie Potter, Ukee Washington, Christopher Lee Philips, Bruce Willis, Vincent Riviezzo, Gary Ayash, Jeff Buckner
Regia: M. Night Shyamalan
Sceneggiatura/Autore: M. Night Shyamalan
Colonna sonora: West Dylan Thordson
Fotografia: Mike Gioulakis
Costumi: Paco Delgado, Rita Squitiere
Produttore: M. Night Shyamalan, Jason Blum, Kevin Scott Frakes, Steven Schneider, Buddy Patrick, Ashwin Rajan, Mark Bienstock
Produzione: Usa
Genere: Drammatico, Thriller
Durata: 117 minuti

Personalità multiple / 28 Agosto 2018 in Split

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Discreto film di M. Night Shyamalan (“Il sesto senso”) con un’interessante trama vanificata da un ritmo eccessivamente lento che si accende solo un po’ nell’ultima parte.
Tre ragazze, tra cui la problematica Casey (Anya Taylor-Joy vista nell’ottimo “Morgan”, vengono rapite da un uomo sconosciuto.
Kevin (un ottimo James McAvoy), questo il nome del rapitore, è un individuo fortemente disturbato, affetto da un disturbo dissociativo. In lui albergano ben 23 personalità distinte ma quella che si rivelerà più pericolosa è una personalità rimasta nascosta anche alla psichiatra Karen Fletcher che l’ha in cura.
Uno splendido James McAvoy che dà grande prova di attore con le variazioni delle personalità di Kevin, una buona Anya Taylor-Joy tengono a galla il film che per buona parte ha un ritmo lento e non basta un po’ di mistero per renderlo più avvincente. Le personalità di Kevin potevano avere più spazio, interessante il confronto tra Karen e Kevin (o chi per lui), con quest’ultimo che cerca di nascondere la personalità che lo sta governando.
Nella scena finale comparsata di David Dunn (personaggio di Bruce Willis in “Unbreakable”) che premette un eventuale seguito in cui le strade di Kevin e di David si incroceranno.

Leggi tutto

split / 4 Febbraio 2018 in Split

MNS torna alla grande… con clamorosa chicca finale ! James McAvoy superlativo. Bel film.. di come se ne vedono pochi ultimamente.

La mente, questa sconosciuta / 29 Agosto 2017 in Split

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Il film prende spunto dalla storia vera di Billy Milligan, un criminale statunitense, affetto da disturbo dissociativo dell’identità, che negli anni settanta è stato riconosciuto colpevole di aver rapito e violentato tre studentesse, ma assolto per infermità mentale.
Analogamente a Billy Milligan, Kevin, il personaggio del film, arriva ad accogliere in se 24 personalità, alcune tranquille, altre pericolose ed altre ancora molto dominanti. Sempre al pari della storia di Billy Milligan, le varie personalità di Kevin sono sedute in ombra intorno ad una chiazza di luce e chiunque faccia un passo avanti, “entrando nella luce”, esce nel mondo reale. Le varie personalità (o almeno alcune) sono in contatto tra loro. Molto interessante la descrizione delle 24 personalità (Wikipedia).
Il regista, a mio parere, per la sua 24esima personalità prende spunto da una delle personalità di Milligan (Ragen Vadascovinich che pare avesse una forza incredibile), accentuandone (non poco :-)) le caratteristiche fisiche per la genesi del suo anti-eroe.
L’interpretazione di James McAvoy è superlativa, la scena dove le varie personalità parlano in sequenza fino alla 24esima mi ha molto colpito.
In generale il film non mi è dispiaciuto, anzi l’ho visto con piacere e dopo l’eroe di Unbreakable e l’anti-eore di Split, non ci resta che aspettare l’epilogo (o sequel :-)) con Glass.

Leggi tutto

La crisi è ufficialmente finita. Per Shyamalan. / 19 Agosto 2017 in Split

Difficile descrivere questo film senza rischiare di spoilerare troppo. Limitiamoci a riportare quanto si può senza eccedere. Un uomo, Kevin (un pazzesco James McAvoy, davvero inquietante e perfettamente calato nei ruoli, è proprio il caso di dirlo) ha al suo interno ben 23 personalità diverse. E’ seguito da una psichiatra che lo ha sempre seguito ed aiutato, e che vuole dimostrare qualcosa con il suo caso. All’inizio del film comunque l’uomo rapisce tre giovani ragazze. Sarà l’inizio di un vero e proprio incubo, con le diverse personalità dell’uomo che cominceranno a palesarsi. Una di queste ragazze però è sempre stata considerata “diversa”, e il film magari ci darà una mano a capire perché, e magari sarà anche importante questo fatto. Forse ho già detto troppo, meglio fermarsi qui, sappiate solo che, nonostante un minimo di confusione che però alla resa dei conti è gestita in modo più che ottimale, Shyamalan ci offre un thriller/horror davvero teso, diverso dal solito e decisamente ricco di sorprese, soprattutto verso la fine, c’è una cosa che mi ha lasciato di stucco. Otto pieno, la crisi di Shyamalan sembra davvero essere finita!

Leggi tutto

. / 19 Giugno 2017 in Split

Si salva giusto la/le interpretazione/i di McAvoy… Tutto il resto è un già visto…