Recensione su Spider-Man: Un nuovo universo

/ 20187.9110 voti

Ritmo, adrenalina e un fantastico apparato scenico / 17 Settembre 2019 in Spider-Man: Un nuovo universo

Peccato non aver visto questo film al cinema, perché, sul divano di casa, sono rimasta a bocca aperta per gran parte della visione di Spider-Man: Un nuovo universo. Estetica, grafica, animazione, qui, raggiungono livelli che, finora, non avevo mai visto in un prodotto di animazione occidentale. La ricchezza e la resa tecnica di un allestimento così dinamico (e, a tratti, benché entusiasmante, ipertrofico) mi hanno ricordato tanto il cinema di animazione giapponese e, non a caso, nel film ho apprezzato molto la presenza della nipponica Peni Parker (di cui ignoravo l’esistenza nel mondo cartaceo della Marvel!).

Spider-Man: Un nuovo universo è un film divertente, forse un po’ troppo reiterato nel finale (ammé gli inseguimenti con scazzottamenti infiniti annoiano un po’), ma pieno di adrenalina, ritmo e trovate narrative e formali. Perfino i titoli di coda sono pura potenza visiva.
I vari Spider-Ham e Spider-Man Noir sono molto accattivanti: bisognerebbe dedicare uno spin off cinematografico a ciascuno degli Spider-Man alternativi.
Intanto, la tradizionale pillola extra dopo i titoli di coda lascia intuire che lo Spider-verse al cinema potrebbe riaprirsi.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext