Recensione su Southpaw

/ 20156.5116 voti

Film fastidioso, ma ottimo Gyllenhaal / 14 Dicembre 2015 in Southpaw

L’indefesso Jake Gyllenhaal con la sua interpretazione fisica sul ring e fuori costruisce un personaggio memorabile. Questa interpretazione regge l’intero film, che nella prima metà infastidisce col racconto dell’opulenza arrogante della celebrità e nella seconda precipita nel sentimentalismo e nel ricatto emotivo, per poi redimersi tornando sul finale all’essenza della parabola sportiva che s’era scordato di raccontare. Quest’ultima parte è il motivo per cui ho guardato questo film subito dopo tre film di Rocky, e infatti nella seconda parte il debito nei confronti della saga di Stallone è evidente, e è ciò che salva il film dandogli una dignità che altrimenti, da blockbuster estivo, non si sarebbe meritato.
Ultima colonna sonora di James Horner; il film è dedicato alla sua memoria, e anche questo mio piccolo commento.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext