Recensione su Under Paris

/ 20243.85 voti

Film inesistente / 11 Giugno 2024 in Under Paris

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Non so neanche a da dove cominciare, un disastro sotto (quasi) tutti i punti di vista.
Prima di tutto, bisognerebbe ricordare a Netflix che producono FILM , non pubblicità progresso(?) o documentari sulla salvaguardia del pianeta.
Nella fattispecie, uno SHARK movie. Peccato dello squalo in questione si (intra)vedono si e no 2-3 fotogrammi nella prima ora. Perchè si è troppo impegnati a fare retorica sullo stato degli oceani e sull’annientamento dell’uomo bianco eterossessuale (praticamente assente nel film. Sono tutti neri o mulatti…le uniche bianche sono le ragazzine. Ovviamente lesbiche, così il cerchio si chiude).
Insomma questo squalo si palesa qua e là a inizio film e irrompe prepotentemente nella – grottesca – scena nel canale delle catacombe.
Dove sono – stancamente – arrivato e dopo la quale ho interrotto perchè veramente non ne potevo più, fra noia mortale, dialoghi inutile, recitazione squallida e trama ridicola.
Trama ridicola, dicevamo : non si contano le scene no-sense , a giustificare il film …Prendiamo l’inizio, dove gli espertissimi sommozzatori vedono arrivare un mako di 7 metri e hanno l’azzeccatissima idea non solo di avvicinarsi, ma anche di fargli una bella punturazza, sorprendendosi poi che l’animali si incazzi e se li magna tutti.
Iniziamo bene.
Proseguiamo poi con l’Esercito delle 12 Ragazzine, che in un palazzone dimenticato da tutti nel centro di Parigi (!) allestiscono una specie di mini-Nasa per tenere sotto controllo (???) gli squali del pianeta(??????) .
Ma proseguiamo con la “trama” .
La sfortunata Dottoressa cerca di rintracciare il suo squalone di 7 metri con il suo tecnologissimo Game Gear gigante del 1992 e purtroppo non ci riesce causa , ennesima genialata delle solite ragazzine.
Furbissime ragazzine che poi hanno il colpo di genio definitivo quando decidono di attirare la bestiaccia in uno strettissimo canale al buio, nelle catacombe parigine , portarlo vicino a una specie di pozzo/piscina praticamente senza uscita se non l’angustio canale stesso…sul bordo della quale, convocare decine e decine di ragazzini disadattati , in circa 30 cm dal bordo acqua.
Cosa potrà mai andare storto eh?
Dopo l’inaspettatissima carneficina, ho sinceramente mollato il “””””film””””””
Io l’ho messa giù ironicamente…ma parlando seriamente, è un prodotto veramente agghiacciante.
Peccato perchè gli effetti visivi e le riprese subacque, non erano poi malaccio, anzi.
Una di queste sere mi rivedrò Lo Squalo, per riprendermi.
Forse basta anche solo Lo Squalo 3 , che sembrerebbe un capolavoro, al cospetto.

Lascia un commento