11 Recensioni su

Snatch - Lo strappo

/ 20007.6541 voti

Film ispirato / 4 Ottobre 2020 in Snatch - Lo strappo

Ho trovato Snatch un film altamente ispirato con una trama intrigante, contornato da una comicità di ottimo livello e delle trovate veramente geniali nell’intreccio della storia e dei suoi personaggi. Qui qualcuno lo definisce il Pulp Fiction inglese, e non dice una assurdità, anzi in alcuni punti supera il Pulp Fiction di Tarantino. Anche qui troverete dialoghi, scene e personaggi cult che vi rimarranno impressi, come i titoli di apertura che introducono i personaggi. Da vedere e rivedere.

Ah, la scena della rapina è esilarante.

Voto: 8.9

Leggi tutto

Pulp Fiction all’inglese / 11 Agosto 2017 in Snatch - Lo strappo

Geniale cult movie targato Guy Ritchie, piccolo affresco di una Londra (immaginaria…) meno conosciuta di inizi anni 2000. Regia incredibile, montaggio sublime, caratterizzazione ai limiti della perfezione. Cardini di “The Snatch”?L’avidità e il caso. Tutti noi siamo più o meno avidi, proprio come i personaggi del film: lo Zingaro, perchè non si accontenta di aver truffato Tommy vendendogli una roulotte “indecente”, il Turco, perchè non gli bastano i soldi che accumula mediante le slot machines, magari Testa Rossa, perché mai sazio dei suoi, già tanti, guadagni. Il fato infine è il “deus ex machina” che decide le sorti degli uomini. O sbaglio Frankie “Quattro Dita”?

Leggi tutto

Incalzante / 24 Agosto 2016 in Snatch - Lo strappo

In una serata estiva calda che procedeva a fatica ho avuto la fortuna di imbattermi in questo film che sin dall’inizio, la prima scena, quella della ricetta del cattolicesimo, ti catapulta nell’azione in una serie di eventi a dir poco assurdi. Una caratteristica tipica di ogni personaggio da a questi una propria identità, c’è il gangster locale, il ricco ebreo, lo scommettitore, il faccendiere, due criminali più imbranati che altro, e poi c’è lui… lo zingaro.
In ogni scena in cui è presente questo strano individuo, perfettamente interpretato da Brad Pitt in stato di grazia dopo Fight Club, le risate sono assicurate dal suo modo stravagante di parlare e dal suo fascino da…..zingaro.
In una trama cosi complessa, con cosi tanti personaggi e con cosi tanti avvenimenti, la regia e il montaggio permettono di tenere ben saldo il filo degli eventi e la visione risulta scorrevole e piacevole. Un complimento va proprio alla regia che rende questo film qualcosa in più rispetto a un normale film d’azione.

Leggi tutto

Assolutamente da vedere. / 19 Luglio 2016 in Snatch - Lo strappo

Film basato su storie che si intrecciano alla perfezione. Divertente, un ritmo che non si abbassa mai, sorprendente. Detto questo, la sola interpretazione di Brad Pitt basterebbe a renderlo un gran film.

Ineguale / 13 Agosto 2015 in Snatch - Lo strappo

Film ineguale, che alterna momenti di irresistibile comicità – come la scena dei tre neri che arrivano in auto al luogo della rapina – ad altri in cui la trama procede con un po’ di fatica, o peggio ancora a forza di cliché – il killer ammazzato per sbaglio dal socio che spara all’impazzata, le rivoltelle scariche che passano per cariche e quelle finte che non passano per vere, gli zingari astuti e inaffidabili. Alla fine l’impressione è quella di una serie di gag brillanti tenute assieme da un filo convenzionale. Ottimi comunque gli interpreti.

Leggi tutto

Snatch – Lo strappo / 5 Agosto 2015 in Snatch - Lo strappo

Dopo Lock & Stock – Pazzi scatenati, Guy Ritchie propose questa pellicola molto simile nei temi (il gangster movie squinternato, con ampi tratti di humour nero) e anche nello stile.
Il risultato è, a mio avviso, decisamente superiore: un film dirompente, ironico (con la riuscitissima caricatura degli zingari), brioso, mai noioso.
La regia è assolutamente dinamica e piacevole. Gli attori si comportano tutti discretamente, con un Brad Pitt a mio modo di vedere fantastico nell’insolito ruolo dello zingaro Mickey. Come fantastico è il suo doppiatore, Sandro Acerbo, impeccabile nel difficile compito di mantenere altissimo il livello dello humour della parlata storpiata di Mickey.
L’ingarbugliata storia di scommesse, boxe clandestina a mani nude e diamanti che passano di mano in un batter d’occhio, si segue senza troppe difficoltà, grazie ad una sceneggiatura (dello stesso Ritichie) studiata alla perfezione.
Per il resto, il regista usa uno stile davvero accattivante con idee degne di nota, a partire da quella, in apertura di film, di seguire la rapina di Frankie Quattrodita (che, camuffato da rabbino, spiega ai suoi scagnozzi come il cristianesimo derivi dall’errata traduzione della parola “vergine”), sulle telecamere a circuito chiuso che filmano i corridoi che conducono al caveau.
Snatch è un film che, visto una decina di anni fa, mi aveva letteralmente entusiasmato… ma che, ad una visione più matura, conserva il suo fascino pur uscendone necessariamente (ma soltanto un po’) ridimensionato.

Leggi tutto

14 Settembre 2014 in Snatch - Lo strappo

A dir poco stupendo su tutti i fronti, dai dialoghi taglienti e divertentissimi alla musica che accompagna costantemente l’azione aggiungendo sempre intensità alla scena. Migliora quanto fatto con Lock and Stock: seppur simile come struttura qui si può dire che l’intreccio narrativo raggiunga la perfezione, con colpi di scena e ribaltamenti continui. Anche i personaggi sono maggiormente carismatici e soprattutto entrano in gioco con grandissima facilità, senza bisogno di lunghe e noiose presentazioni, e si inseriscono rapidamente (e in modo spettacolare spesso) nella storia.
In poche parole impredibile!

Leggi tutto

9 Dicembre 2013 in Snatch - Lo strappo

Quando ti consigliano un film hai sempre la paura che possa essere una grande schifezza e invece questa commedia è veramente divertente, assurda completamente folle ma piacevolissima e spassosa.
Non una toppa.
Non un elemento fuori tema.
Tutto incredibilmente originale e azzeccato.
Anche le sequenze sono perfette.
Consigliatissimo per una serata divertente!!!
Ad maiora!

Leggi tutto

BABOOOM / 28 Gennaio 2013 in Snatch - Lo strappo

Più che una recensione, un parere personale.
Demenziale, sopra le righe, adrenalinico, drammatico, ottimo action movie.
Se credevate che mischiando tutto ciò, potesse uscire merda, vi sbagliavate.
The Snatch è un divertentissimo film firmato Guy Ritchie dove ogni singolo personaggio è al posto giusto al momento giusto, dove ogni entrata ed uscita ci lascia di stucco.
Più di un gangster movie,

Leggi tutto

Il voto sarebbe un 8.5 / 24 Febbraio 2012 in Snatch - Lo strappo

Bisogna assolutamente vedere questo film per capire cosa fosse Guy Ritchie prima di conoscere Madonna…
Un “gangster-movie” che non si prende molto sul serio; una miriade di personaggi (all’inizio si rischia di capire poco) che si intrecciano intorno al diamante oggetto di desiderio di molti.
Si ride molto per situazioni abbastanza comiche (Vedi la rapina alle scommesse); il cast è molto buono. C’è Brad Pitt in un ruolo particolare: uno zingaro. Guy Ritchie lo impiega per questo ruolo perchè ci sarebbe voluto troppo tempo per fargli assumere un buon accento inglese e quindi la parte dello zingaro dallo slang strano è perfetta per Brad.
Forse l’unico difetto del film è la latitanza di presenza femminile nel cast; compaiono solo due ragazze in ruoli marginali.
Assolutamente originale come si libera dei cadaveri uno dei gangster protagonisti.
Guy Ritchie aveva già dimostrato un buon talento nel suo esordio “Lock & Stock”.
Ma il personaggio migliore del film è quello interpretato da Vinnie Jones (specialista in ruoli da “bastardo”); se si pensa che questo attore è un ex calciatore, ne ha fatta di strada…
Insomma un ottimo film, pieno di azione e di intrecci ma in cui si ride molto.

Leggi tutto

28 Febbraio 2011 in Snatch - Lo strappo

Film divertente, irriverente e brillante. Inquadrature veloci e dialoghi originali tengono lo spettatore sempre impegnato. Piacevole commedia, non banale e ricca di attori strepitosi.
Brad Pitt interpreta uno zingaro irlandese, una parte minore ma lui ha saputo dare il meglio comunque, e i doppiatori italiani hanno saputo riadattare perfettamente il suo modo strano ma divertentissimo di parlare.
Consigliato a chi sono piaciuti i film di Tarantino e il precedente film del regista Guy Ritchie

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.

Non ci sono voti.