2 Recensioni su

Sleuth - Gli insospettabili

/ 20077.086 voti

28 Novembre 2013 in Sleuth - Gli insospettabili

“I soliti stolti lo hanno sbrigato come film teatrale”. da Il Morandini, dizionario del cinema.
Gli insospettabili è un remake di un film nato da un adattamento di una pièce teatrale per il grande schermo. Non solo mi trovo in disaccordo con il critico, ma penso che “Sleuth – Gli insospettabili” sia un film profondamente teatrale. E’ teatrale nella regia, fatta di inquadrature lunghe e fisse, è teatrale nel set, scenografia sopraffina, è teatrale nei costumi, buoni ma volutamente non perfetti, travestimenti da messa in scena, è teatrale nella fotografia, lavoro artistico di alto livello di colori e luci scenografiche, è teatrale nella sceneggiatura, divisa in tre tempi, che evolve unicamente nelle interpretazioni dei due protagonisti, e infine è teatrale nel regista, attore da palcoscenico dall’adolescenza, membro del Consiglio della Royal Academy of Dramatic Arts e principale traghettatore delle opere di Shakespeare sul grande schermo. Un film sull’uomo, sull’ego e sulla dinamica comportamentale. Non perfetto, ma molto elegante.

Leggi tutto

30 Gennaio 2012 in Sleuth - Gli insospettabili

Un film che è letteralmente un passaggio di consegne (si tratta del remake di Gli Insospettabili di Mankiewicz): da Laurence Olivier a Micheal Caine, per arrivare a Jude Law (già suo erede in Alfie).

In scena, solo due attori, per un testo molto molto teatrale che non abbisognerebbe neppure di una scenografia, né paradossalmente di volti e corpi (le scene iniziali, in cui i visi dei protagonisti non sono mai pienamente visibili, sono emblematiche), tanto è incentrato sulla sola psicologia dei personaggi e sul legame via via sempre più articolato e perverso che li lega.
La storia è solo apparentemente semplice: in realtà, si tratta di un gioco di specchi, di una matrioska della psiche, di un gioco intellettuale morbosamente sottile.
Inizia come una commedia e si trasforma in un dramma, pur mantenendosi ambiguo fino all’ultima sequenza.

Bravo Branagh alla regia, impeccabile Caine, talentuoso Law (però, quei capelli… nun se possono guardà).

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.

Non ci sono voti.