Recensione su Sin City

/ 20057.2813 voti

26 Gennaio 2012

Prima scena: immagini in bianconero, all’improvviso spunta una donna colorata di rosso come il suo abito; spicca il rossetto (l’unico altro colore oltre all’abito) e ad un’affermazione sugli occhi da parte dell’uomo anche gli occhi si colorano… Fantastica questa scena che bisogna vedere, più che raccontare.
Il film si articola su tre episodi principali, tutti stile noir, hard-boiled (ricorda le narrazioni di Chandler).
Tratto da una serie a fumetti di Frank Miller che collabora alla regia insieme a Rodriguez (anche Tarantino dirige una scena) e forse è proprio per questo che mantiene in pieno lo spirito e lo stile del fumetto. Le immagini su carta rivivono alla grande; sin city… mai nome più appropriato (Città del peccato) con poliziotti buoni, poliziotti corrotti, prostitute che si difendono da sè e altri personaggi alquanto strani.
Scene splendide, scene violente (il sangue scorre abbastanza a fiumi)…
Il film si avvale di un ricchissimo cast che non nomino tutto per non dilungarmi troppo; splendida Jessica Alba ma anche Alexis Bledel (in bianco nero tranne gli occhi azzurri che splendono in una maniera fantastica).

Lascia un commento

jfb_p_buttontext