?>Recensione | Sicario | Opposti che non si incontrano

Recensione su Sicario

/ 20157.0153 voti

Opposti che non si incontrano / 28 maggio 2017 in Sicario

In mano a qualche altro regista e sceneggiatore avremmo avuto probabilmente un film dalla violenza compiaciuta, con un’eroina ancora più muscolare di Kate Macer; avremmo avuto due visioni della giustizia che alla fine, dopo la riluttanza iniziale, trovano un punto comune e collaborano. Nel film di Villeneuve e Sheridan non c’è nulla di tutto questo. Di violenza ce n’è, beninteso, ma è sempre funzionale alla trama e alle volte semplicemente suggerita (come la tortura di Guillermo); la protagonista, per quanto tosta, ha le sue debolezze. Ma soprattutto non c’è sintesi degli opposti: dall’inizio alla fine l’ostilità reciproca tra i due modi di intendere la lotta al crimine non viene mai meno, e anche la simpatia iniziale tra Kate e Alejandro non può evitare alla fine un terribile confronto.
Il film procede lentamente, quasi metodicamente, con logica stringente e con un racconto quasi sempre facilmente leggibile, mai confuso. Ottimi tutti gli interpreti, felicissimo il commento musicale. Con appena un po’ più di invenzione visiva e qualche guizzo in più della trama avremmo avuto un capolavoro da passare agli annali.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext