2014

Tutto può accadere a Broadway

/ 20146.767 voti
Tutto può accadere a Broadway
Tutto può accadere a Broadway

Izzy è un'aspirante attrice, ma, non essendo ancora riuscita a sfondare nel mondo dello spettacolo, fa la escort per un'agenzia di ragazze-squillo. Durante un appuntamento, ha per cliente il regista Arnold Arbertson che la convince a lasciare il mondo del sesso a pagamento, regalandole un'ingente somma di denaro. Poco tempo dopo, Izzy viene scritturata per il suo primo ruolo importante, a teatro: per un caso fortuito, il regista dello spettacolo è proprio Albertson.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: She's Funny That Way
Attori principali: Owen WilsonJennifer AnistonRhys IfansImogen PootsKathryn HahnWill Forte, Lucy Punch, Austin Pendleton, Tovah Feldshuh, George Morfogen, Cybill Shepherd, Richard Lewis, Jake Lucas, Sydney Lucas, Joanna Lumley, Quentin Tarantino, Debi Mazar, Illeana Douglas, Ahna O'Reilly, Colleen Camp, Jennifer Esposito, Nora Jobling, Ren Croney, Tatum O'Neal, Michael Shannon, Poppy Delevingne, Scott Campbell, Erin Heatherton, Graydon Carter
Regia: Peter Bogdanovich
Sceneggiatura/Autore: Peter Bogdanovich, Louise Stratten
Fotografia: Yaron Orbach
Produttore: Wes Anderson, Noah Baumbach, George Drakoulias, Holly Wiersma, Logan Levy
Produzione: Usa
Genere: Commedia
Durata: 93 minuti

Alleniano / 18 Settembre 2016 in Tutto può accadere a Broadway

Da super fan del mitico Woody sono rimasto piacevolmente sorpreso da questo lavoro di Bogdanovich che per stile e tematiche (musica jazz, dialoghi ironici e spediti, ricerca di amore e/o sesso) si avvicina al regista newyorkese. Certo, forse se lo avesse girato woody il film avrebbe virato più su un tipo di umorismo più “colto” rispetto a questo tipo di commedia sexy anni 70 confezionata con gusto e con attori capaci. Ottimi Owen Wilson e la Aniston che ha dato quello sprint in più nonostante non fosse lei la protagonista. Brava anche Imogene Poots che ricorda un po’ Emma stone.

Leggi tutto

Squirrel to the nuts / 7 Dicembre 2015 in Tutto può accadere a Broadway

Quando un grande vecchio del cinema torna a far risplendere ancora una volta la stella del suo genio, un romanticone come me non può resistere. Bogdanovich, uomo di cinema a tutto tondo, autore di almeno due capolavori (Paper moon e L’ultimo spettacolo), sorride alla più classica Broadway con una commedia di amori, nevrosi e tradimenti tra le suite di un albergo e il palcoscenico. Splendente Imogen Poots attorniata da un cast di peso, di quelli radunati per omaggiare con gratitudine un mito vivente.

Leggi tutto

Omaggio alla commedia brillante classica / 27 Ottobre 2015 in Tutto può accadere a Broadway

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Peter Bogdanovich è un tizio che, sulle assi dei teatri di Broadway, è praticamente nato: newyorkese classe 1939, ha iniziato a calcare i palcoscenici più ambiti del mondo appena adolescente, allievo di Stella Adler, occupandosi poi di critica cinematografica prima ancora di diventare uno dei nomi più noti di Hollywood.
Bogdanovich ha lavorato con chiunque (dite un nome, lui ce l’ha) e ha incontrato ed è entrato in intimità con artisti che fanno, letteralmente, emozionare qualsiasi amante del grande cinema.
Porta la sua firma il volume Io, Orson Welles, una delle interviste più celebri (oltre che lunghe e torrenziali, visti i tempi di produzione e per via della quantità di pagine pubblicate) rilasciate dal grande cineasta di cui, da tempo, sta tentando di portare a termine e mostrare al pubblico il film incompiuto The Other Side of the Wind, in cui, nel 1975, egli stesso ha recitato al fianco di John Huston, uno dei suoi miti personali.
Non potete perdervi, poi, il volume Chi c’è in quel film?, dove racconta un fiume di aneddoti su star come Humphrey Bogart e Charlie Chaplin.

Insomma, tutto questo per dire che il buon Bogdanovich, oltre ad essere tra i registi brillanti più noti del mainstream degli ultimi 40 anni, è un grande conoscitore dell’ambiente dello spettacolo teatrale e cinematografico e che, come accade con Woody Allen, gli attori fanno praticamente a gara per essere presenti in un suo film.
Lontano da ben tredici anni (Hollywood Homicide è del 2001) dai lungometraggi espressamente destinati al cinema, Bogdanovich è tornato nel 2014 con questa divertente commedia che omaggia proprio il mondo da lui ben conosciuto, in cui -da sempre- si muove con disinvoltura e per cui prova evidente e viscerale amore.

Presentato l’anno scorso a Venezia, Tutto può accadere a Broadway (prodotto da due suoi ideali figliocci, Wes Anderson e Noah Baumbach) è un plauso ininterrotto alla magia dell’arte recitativa, sia essa teatrale che cinematografica, in grado di astrarre completamente attori e pubblico dalla quotidianità.
Nonostante, il film sfrutti meccanismi un po’ forzati (vedi, la convergenza di tutti i personaggi a teatro), il ritmo sia molto altalenante e alcune situazioni non vengano sfruttate al massimo del loro potenziale (l’amante ossessionato e l’anziano investigatore sono eccellenti macchiette comiche troppo poco approfondite), mentre altre rischiano di appesantire un po’ il racconto (vedi, la scena del taxi), la pellicola di Bogdanovich è leggera come una carezza.
Gran parte del merito è legata ad un cast composto da bravi protagonisti decisamente a proprio agio in una commedia degli equivoci che, anche per via dell’ambientazione, non può non portare alla mente il bell’adattamento ad opera di Bogdanovich della piéce Rumori fuori scena (1992).

Jennifer Aniston, per esempio, è esilarante nella parte di una terapista nevrotica, Austin Pendleton è un ottimo giudice dall’aria svampita, George Morfogen fa ridere di gusto con i suoi ingenui travestimenti e Imogen Poots è un’adorabile squillo aspirante attrice che ammicca come una gattina dal grande schermo.
Tutto concorre a richiamare alla memoria le migliori screwball comedies d’epoca (con particolare riferimento a quelle di Lubitsch) e non è un caso che Bogdanovich usi a più riprese espliciti e dichiarati riferimenti ad esse, compresa la genesi della battuta-tormentone “scoiattoli alle noci” proveniente da Fra le tue braccia (1946), con Jennifer Jones.

La lista di “amici” (di questo, si tratta, alla fine) che compare nel film, è lunghissima: da Owen Wilson a Rhys Ifans, da Illeana Douglas a Richard Lewis, fino a Michael Shannon, Cybill Shepherd (che, oltre ad essere stata per diverso tempo sua fidanzata, è stata lanciata da Bogdanovich ne L’ultimo spettacolo) e a Tatum O’Neal, l’attrice che, con Paper Moon (1973) del vecchio Peter, a soli dieci anni vinse l’Oscar come Miglior Attrice Non Protagonista. A sorpresa, c’è perfino un inaspettato Quentin Tarantino praticamente nella parte di sé stesso, fan del cinema classico e regista di film con le arti marziali.

Vivace, ma imperfetto, affatto epifanico, eppure gradevole, è un film da vedere per trascorrere 90 minuti in allegra serenità.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.