Scream

/ 19966.8383 voti
Scream

La madre della giovane Sidney è stata uccisa da uno spietato serial killer. Anni dopo l'incubo torna a bussare alle porte dei cittadini di Woodsboro: uno psicopatico che indossa una maschera ispirata al celebre urlo di Munch, e che ha una particolare passione per i film dell'orrore, terrorizza telefonicamente le sue vittime predestinate e poi le uccide a colpi di lama.
Anonimo ha scritto questa trama

Titolo Originale: Scream
Attori principali: David ArquetteDavid ArquetteNeve CampbellNeve CampbellCourteney CoxCourteney CoxMatthew LillardMatthew LillardRose McGowanRose McGowanSkeet Ulrich, Jamie Kennedy, W. Earl Brown, Liev Schreiber, Joseph Whipp, Drew Barrymore, Roger L. Jackson, Kevin Patrick Walls, David Booth, Carla Hatley, Lawrence Hecht, Lois Saunders, Lisa Beach, Tony Kilbert, C.W. Morgan, Frances Lee McCain, Troy Bishop, Ryan Kennedy, Leonora Scelfo, Nancy Anne Ridder, Lisa Canning, Bonnie Wood, Aurora Draper, Kenny Kwong, Justin Sullivan, Kurtis Bedford, Angela Miller, Henry Winkler, Linda Blair, Andrew Christiansen, Wes Craven, Matt McDonald, Lynn McRee, Carter Raff, Freddy W. Smith, Mostra tutti

Regia: Wes CravenWes Craven
Sceneggiatura/Autore: Kevin Williamson
Colonna sonora: Marco Beltrami
Fotografia: Mark Irwin
Costumi: Cynthia Bergstrom, Mathew Hooey, Gary J. Saldutti
Produttore: Cathy Konrad, Bob Weinstein, Harvey Weinstein, Cary Woods, Marianne Maddalena
Produzione: Usa
Genere: Commedia, Horror, Poliziesco, Thriller
Durata: 112 minuti

Dove vedere in streaming Scream

Bello ma…non fa paura / 20 Luglio 2022 in Scream

Adoro il genere horror/splatter…adoro Wes Craven (Nightmare su tutti) ma…questo film, seppur godibile, non fa paura (forse anche per colpa della parodia che ne fece Scary Movie)

da un maestro del genere 2 ore di grande cinema / 21 Gennaio 2022 in Scream

il film che ha un po ridisegnato il genere, scritto magistralmente e diretto del re dell’Horror. Il bello è che ha generato 3 sequel quasi di pari livello. Adoro

Il voto sarebbe un 7.5 / 11 Agosto 2021 in Scream

Rivisto dopo un po’ di tempo questo bell’horror di Wes Craven.
Dopo il prologo in cui un misterioso killer uccide la giovane Casey (Drew Barrymore) e il suo fidanzato, ci si sposta nella scuola dei due ragazzi dove giunge la notizia della macabra uccisione. Particolarmente colpita è Sidney Prescott (Neve Campbell) che l’anno prima ha perso la madre uccisa e stuprata da Cotton Weary (liev Schreiber) che lei ha spedito in prigione con la sua testimonianza.
Wes Craven alterna horror puro con i classici elementi (su tutti Nightmare e Halloween) a momenti citazionisti e satirici. Non manca la parte di giornalismo aggressivo qui nei panni della giornalista Gale Weathers (Courteney Cox) più interessata alla notizia che a salvare vite umane. Anche la polizia non ci fa una gran figura, rappresentata da Linus (David Arquette) fratello di Tatum (Rose McGowan), la migliore amica di Sidney.
Questo è il primo che ha dato vita alla saga.
Nel resto del cast da citare Skeet Ulrich, Billy il ragazzo di Sydney, Stu (Matthew Lillard) amico della compagnia, Randy (Jamie Kennedy) il fan di Jamie Lee Curtis e commesso in una videoteca, Fonzie ovvero Henry Winkler è il preside della scuola.

Leggi tutto

7 / 22 Maggio 2019 in Scream

Il film cult degli anni 90.un buon horror deve avere tutte le regole descritte in questo film. Senza dubbio il mio horror preferito

Le regole sono fatte per essere infrante. / 25 Novembre 2013 in Scream

Giocare con il genere, somontarlo, rimontarlo e reinventarlo con il fare di chi sà cosa sta trattando. Con “Scream” il regista Wes Craven si riperende l’horror, genere che ha contribuito a stilizzare nel corso della sua filmografia, ma soprattutto si riprende una certa credibilità artistica e registica, realizzando, probabilmente, il suo miglior lungometraggio, insieme al miracoloso e altrettanto sperimentale “Nightmare – Nuovo Incubo”, degli scialbi anni ’90. Craven costruisce la storia sul classico canovaccio del killer feroce ed imprendibile che terrorizza un’intera cittadina americana, con particolare attenzione ai teenagers festaioli e tipicamente “yankee”, ma intorno a tutto questo enorme clichè imbastisce un elegante saggio sulla funzione, più o meno valida, delle regole tipiche del genere horror.
Un film dunque decisamente atipico per gli standaridizzati e ormai saturi canoni degli anni ’90, difficile da catalogare e da inserire in un solo genere, poichè, come appena detto, lo si potrebbe leggere senza alcun problema come saggio, ben definito, del genere al quale vorrebbe appartenere, ma da cui probabilmente si eleva a qualcosa di più personale ed autoriale, spezzando, in un certo qual modo, tutte le certezze costruite in ben trenta e più anni di horror, per poi ricomporle e nuovamente portarcele via.
Craven si diverte a girare e ciò si evince da come il film scorre e procede con grazia, nonostante i continui e brutali squartamenti, fino ad arrivare all’immensa orgia di sangue finale, deliziosa, violenta ed estremamente divertente, dove i nodi vengono al pettine e le regole del genere, seppur violentate o modificate, tentano di tornare al loro posto. Si, perchè nonostante il regista tenda a rinnovare l’horror, riuscendoci anche abilmente, si nota come egli in realtà possieda una certa reazionarietà per quelle stesse regole, come a volerci comunicare che si, possono essere smontante, stropicciate o addirittura cambiate, come accade durante tutto “Scream”, ma mai del tutto accantonate, non se ne può fare a meno se si vuole imbastire un degno film horror di un certo tipo. Mai fare sesso, ubriacarsi o drogarsi (regole se ci si fa caso alquanto figlie di un certo puritanesimo) e mai dire “Torno subito”, quasi dei dogmi del genere, eppure durante “Scream” tutti, o quasi, vengono infranti ma, si torna a ripetere, mai accantonati. Evidenti, inoltre, i continui omaggi e rimandi cinefili che impreziosiscono la pellicola di una notevole maestria e cultura cinematografica alquanto dettagliata e fatta propria.
Dunque, un’opera brillante e brutale che ha dato vita ad un franchise di successo con ben tre sequel, mai, ovviamente all’altezza dell’originale e nuova linfa alla carriera frastagliata di Wes Craven, regista dai notevoli colpi di genio (non scordiamoci “Nightmare” ) ma anche dagli incredibili flop.
Ovviamente qui l’assasino non è il maggiordomo…

Leggi tutto