7 Recensioni su

Scialla! (stai sereno)

/ 20115.9145 voti

Aria fresca / 14 Novembre 2015 in Scialla! (stai sereno)

Il titolo del film, “Scialla”, fa riferimento al linguaggio usato dagli adolescenti, soprattutto della zona di Roma. Se questo termine derivi o meno dall’arabo “Inshallah” (un termine in lingua araba che significa “se Dio [lo] vuole”) non è sicuro. Ciò che è certo, e lo dimostra il titolo per esteso del film (Scialla! Stai sereno) è che l’invito, usato spesso da Luca nei confronti di Bruno, sia l’equivalente del “Take it easy” anglosassone o del “Tranquille” francese: come dire, appunto, “stai rilassato, sereno, non prendertela”.
Devo dire che questo “Scialla!” è una ventata d’aria fresca in questo cinema italiano povero di idee e di originalità. L’esordiente Francesco Bruni confeziona un film godibile, leggero ma non superficiale che può soddisfare svariati palati e mettere tutti d’accordo. Fabrizio Bentivoglio è sempre una sicurezza e questa volta non fa eccezione, il suo personaggio che da professore fallito/scrittore di biografie di dubbio valore si evolve a “tutore” del ragazzo adolescente (un ottimo e credibilissimo Filippo Scicchitano) risulta simpatico ed efficace e non si può non affezionarsi al suo modo di essere un po’ anticonvenzionale. Come detto il ruolo del quindicenne svogliato che vuole spaccare il mondo e diventare l’idolo dei compagni di classe è affidato a un altro esordiente, Filippo Scicchitano, che andando avanti nel film riesce a capire che nella vita non è importante solamente l’esser fighi e ribelli, ma c’è anche dell’altro… uno step successivo di maturazione che non sarà di certo l’ultimo della vita, ma che prima o poi bisogna fare. Buona l’interpretazione di Barbara Bobulova, che interpreta una ex pornostar che vuole “scrivere”una sua biografia tramite Bentivoglio e che, finisce col dargli consigli su come comportarsi con l’amato/odiato ragazzo. La colonna sonora di Amir e di The Ceasars è molto giovane, tosta ed incalzante e si presta bene al contesto del film, rappresenta a mio parere i dubbi, le incertezze e la voglia di lottare ed emergere del protagonista. In conclusione mi sento di consigliare questo film senza se e senza ma. Aiutiamo il cinema italiano e premiamolo quando merita!

Leggi tutto

Che roba è?! / 23 Maggio 2015 in Scialla! (stai sereno)

Stai sereno… ovvero come rovinare un film nonostante gli ottimi presupposti.
Poteva tirare fuori davvero ogni bellezza, dalla storia, ai personaggi, un film che parte con l’idea di sorprendere, ma finisce per essere una banale e stucchevole commedia italiana, che finirà in DVD nelle ceste dei discount a 3,90. Un 4.

Da evitare / 24 Dicembre 2013 in Scialla! (stai sereno)

Salvo solo Bentivoglio il resto …lasciamo stare …in primis .il ragazzino … che recita in maniera penosa

26 Aprile 2012 in Scialla! (stai sereno)

Finalmente l’ho visto.
Pensavo peggio ma alla fine è carino. 6 e mezzo.

Stai sereno, non lascia traccia! / 17 Aprile 2012 in Scialla! (stai sereno)

Filmetto oltremodo stereotipato. Peccato, perché la storia poteva essere interessante.
(Ridicola la figura del malavitoso intellettuale, davvero orrenda la colonna sonora).

E chi se lo aspettava… / 2 Gennaio 2012 in Scialla! (stai sereno)

Dal titolo mai avrei creduto di vedere un film divertente e piacevole come questo Scialla.
Bravissimi tutti i partecipanti e la storia è oltre che originale anche simpatica con un bel finale.
Da vedere.

Stare appresso alle pischelle è un po’ da froci / 15 Dicembre 2011 in Scialla! (stai sereno)

Un film gradevole e scanzonato che affronta con leggerezza la crisi esistenziale e la tardiva (ma meglio tardi che mai…) maturazione di un anonimo ex professore sfiduciato dalla vita e dal suo lavoro , che vive ormai sciattamente un’esistenza senza più aspettative , e quella di un ragazzo di oggi , pessimo studente , indisciplinato e ribelle , che scoprono improvvisamente e fortuitamente d’essere padre e figlio .
Sostanzialmente buona la prima come regista di Francesco Bruni e sicuramente più che valida la prova offerta da tutto il cast in cui Fabrizio Bentivoglio , abbandonata quella certa ripetitività espressiva delle sue ultime prove , appare in buona forma .
Ed il che basta ed avanza per un lavoro in fondo senza troppe pretese.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.

Non ci sono voti.