Recensione su Rush

/ 20137.4443 voti

Nemici su quattro ruote / 23 marzo 2014 in Rush

Non sono un fan sfegatato di Formula 1 e affini, ma Ron Howard e la sua accoppiata Hermswort-Bruhl sono riusciti comunque a coinvolgermi appieno in questo loro lavoro. Ciò si può attribuire probabilmente alla capacità del regista statunitense nel riuscire a non relegare il film ad un prodotto esclusivo per gli appassionati, ma anzi a trattarlo apertamente per un pubblico più vasto. Rush è la storia di due uomini coinvolti in una lotta (agonistica) tra di loro, è il racconto di due personalità praticamente opposte. Da un lato Hunt, che ricalca l’immagine del campione prodigio, di aspetto bello quanto dannato, che può permettersi tutti i lussi ed i piaceri che desidera e che sembra poter ottenere eccellenti risultati a prescindere da quanto impegno egli ci metta. Lauda invece è il modello del talento più “razionale”, forgiato dalla disciplina, dalla costanza e dalla fatica. E’ bello vedere come i due piloti instaurino un rapporto quasi paradossale tra di loro. Essi si odiano, ma allo stesso tempo riescono a provare una sorta di rispetto reciproco. Ognuno critica gli atteggiamenti ed i modi di fare dell’altro, ma allo stesso tempo si sente in grado di trasformare i difetti del proprio nemico in stimoli perfetti per migliorarsi, sia in pista che fuori.
Se i due personaggi appaiono interessanti allo spettatore è merito sicuramente di Howard, che dona alla pellicola un ritmo veloce e coinvolgente, ma è altrettanto sicuro che il merito va attribuito ai due interpreti scelti. Hemsworth e Bruhl regalano senz’altro due interpretazioni molto convincenti.
Così com’è convincente, sotto l’aspetto tecnico, la colonna sonora del solito Zimmer, che impreziosisce ulteriormente le quasi due ore di pellicola.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext