Recensione su Roundhay Garden Scene

/ 18887.98 voti

3 Giugno 2015

Tutto è cominciato da qui…
Questi due secondi di vita familiare, ritratti nel giardino di casa Whitley a Roundhay, sobborgo di Leeds, rappresentano la prima testimonianza cinematografica giunta sino ai giorni nostri.
Si tratta del primo “corto” girato con una macchina da riprese a lente singola (sfruttando il brevetto, di qualche anno precedente, della pellicola di Eastman), dopo alcuni esperimenti che Le Prince aveva svolto con una macchina a 16 lenti.
Tutto ciò avveniva ben sette anni prima della rivoluzione dei Lumière, che completarono i connotati dello spettacolo cinematografico – facendolo diventare un fenomeno collettivo – con la prima proiezione di gruppo, davanti ad un pubblico pagante.
Le Prince è da molti considerato il vero padre del cinema, anche se non riuscì a brevettare la sua invenzione (mentre vi riuscì, in seguito, Thomas Edison con il suo kinetografo e il suo kinetoscopio), né a effettuare una proiezione davanti ad un pubblico pagante, cosa che, per l’appunto, fecero per primi i Lumière.
Nel 1890 Le Prince scomparve misteriosamente dopo aver preso il treno Digione-Parigi, proprio alcuni giorni prima che si sarebbe dovuta tenere a New York una pubblica esibizione delle sue invenzioni e delle sue opere. Una brutta fine fecero anche tutti i protagonisti di questo breve filmato, contribuendo ad alimentare leggende su una presunta maledizione che avrebbe colpito questi pionieri del cinema.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext