1953

Vacanze romane

/ 19537.5235 voti
Vacanze romane
Vacanze romane

La principessa Anna, in visita diplomatica a Roma, fatica a reggere gli obblighi che la sua posizione le impone. Aprofittando del riposo impostole dal dottore a seguito di una crisi nervosa, fugge per vagabondare tra le vie romane. Qui si imbatte in Joe Bradley, reporter americano che lavora per un'agenzia di stampa e che non tarderà a scoprire la vera identità della ragazza.
Anonimo ha scritto questa trama

Titolo Originale: Roman Holiday
Attori principali: Gregory Peck, Audrey Hepburn, Eddie Albert, Hartley Power, Harcourt Williams, Margaret Rawlings, Tullio Carminati, Paolo Carlini, Claudio Ermelli, Paola Borboni, Alfredo Rizzo, Laura Solari, Gorella Gori, Armando Annuale, Maurizio Arena, Gildo Bocci, Andrea Esterhazy, George Higgins, Richard McNamara, Luigi Moneta, Piero Pastore, Mimmo Poli, Giuliano Raffaelli, Carlo Rizzo, Gianna Segale, Dianora Veiga, Marco Tulli, Tania Weber, Catherine Wyler
Regia: William Wyler
Sceneggiatura/Autore: Ian McLellan Hunter, John Dighton, Dalton Trumbo
Colonna sonora: Georges Auric
Fotografia: Henri Alekan, Franz Planer
Produttore: William Wyler
Produzione: Usa
Genere: Drammatico, Commedia, Romantico
Durata: 119 minuti

Amara Roma / 6 febbraio 2014 in Vacanze romane

Di questo celeberrimo Cenerentola al contrario dico solo due cose. La prima: per quanto bravo fosse Emilio Cigoli - voce storica di tanti divi hollywoodiani - il timbro baritonale di Gregory Peck è uno spettacolo che non si dovrebbe perdere, così come è un peccato perdersi l'originale babele della Roma di Wyler, in un intreccio di romanaccio, italiano,... continua a leggere »

“Anna: e a mezzanotte, me ne tornerò, simile a Cenerentola, là da dove sono evasa. Joe: E sarà la fine di una bella favola!” / 8 gennaio 2014 in Vacanze romane

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

“La principessa Anna, erede al trono di un regno immaginario, giunge a Roma dopo aver visitato altre capitali europee. La rigida etichetta che è obbligata ad osservare la esaspera ed una sera, eludendo la sorveglianza del suo seguito, esce sola per le strade. Poiché il medico, per mitigare il suo nervosismo, le ha praticato un'iniezione calmante, le... continua a leggere »