?>Recensione | Resident Evil: Extinction | Senza titolo

Recensione su Resident Evil: Extinction

/ 20075.7172 voti

21 gennaio 2013

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Ma, Milla Jovovich, le tette?
Mi dicono sia il seguito di qualcosa d’altro, ma tanto è comprensibilmente comprensibile lo stesso. Mah, che dire, ci sono gli zombie nascosti nell’ombra, c’è la supereroina con dei superpoteri dellaPORCAPUTTANA ma che non usa mai, o le vien mal di testa (momeeent) e un convoglio di sopravvissuti che attraversa il deserto. Le donne, non si sa perché, sono tutte fighe da paura.
Poi si procede a livello, si individua l’obbiettivo e lo si raggiunge e via col prossimo, raccogli gli oggetti, trova la pila per vedere al buio e così via, a schema narrativo fisso.
Però a me la recinzione nel deserto con le migliaia di zombie fuori piaceva.
Fino ad arrivare al supermostro finale:
“Io sono il futuro!”
“No, tu sei solo un altro stronzo!”
Eh beh, dialogo degno di un’epica di altri tempi. Ettore e Achille ci fanno una pippa.
E comunque, di nuovo ci sono cascato, mi ero ripromesso di smetterla con in film di morti viventi. Mi infastidiscono.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext