Recensione su Rapunzel - L'Intreccio della Torre

/ 20107.6669 voti

La Disney non si smentisce mai! / 13 Marzo 2012 in Rapunzel - L'Intreccio della Torre

Rapunzel: il 50° classico d’animazione firmato Disney, classificato secondo per record d’incassi, ha superato Aladin ed è preceduto solamente da Il Re Leone.
La Disney non si smentisce mai, e nuovamente sforna un film d’animazione per adulti e bambini. Certo non è poetico come il precedente Wall-e, ma innanzitutto c’è bisogno d’ronia per colpire i bambini, e di certo a questo film non ne manca nemmeno un po’.
C’è poi bisogno di una buona trama per intrattenere il pubblico più adulto (e adolescente, come me e le mie amiche Disney-dipendenti) e il film la regala tutta. Poco importa che la protagonista sia poco più di una ragazzina un po’ immatura, l’effetto finale è quello di dare emozione al pubblico e l’emozione arriva forte e chiara. Ridere di gusto ed incupirsi sulle parti della storia più tristi per poi commuoversi su quelle più belle come il lancio delle lanterne: questo è quello che il pubblico riceve e questo è quello che un buon film deve regalare. Notevole inoltre il disegno, davvero ben fatto e molto ben definiti anche i caratteri dei personaggi, che sono assolutamente meravigliosi in ogni loro caratteristica.
AH…dimenticavo! La voce italiana è di Laura Chiatti, mentre quella originale è di Mandy Moore (I passi dell’amore). Lei (la Chiatti) come persona mi è sempre stata leggermente antipatica, ma quando l’ho sentita cantare ho dovuto cambiare completamente idea: è meravigliosa.
La doppiatrice (italiana) che presta la voce a Madre Gothel è stupenda, fa venire i brividi.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext