?>Recensione | Rambo | Senza titolo

Recensione su Rambo

/ 19827.1257 voti

30 luglio 2014

Un classicone che ebbe un grande successo di pubblico, soprattutto nell’America di Reagan per la sensibilità al tema del Vietnam, delle armi e del trattamento dei reduci, ma anche nel resto del mondo, sebbene per altri motivi (l’azione, il tema dell’uomo contro tutto e tutti).
Un film che si presta a questa duplice lettura, da un lato di riuscitissimo monito sociologico (gli americani avevano, per la prima volta, perso una guerra e tendevano a rifiutare la cosa emarginandone i protagonisti, nel clima, peraltro, di una coda pacifista residuata dagli anni ’60 e ’70); dall’altro del classico film d’azione-misto-guerra (il Colonnello Trautman di Richard Crenna è una figura molto tradizionalista, anche nell’interpretazione).
90 minuti che scorrono velocissimi in un ritmo pressoché perfetto.
La fotografia cupa, insatura, di Andrew Laszlo (lo stesso de I guerrieri della notte) si adatta perfettamente all’ambientazione dell’inverno del nord-ovest americano, tra le foreste e i monti dello stato di Washington.
Stallone, che non è sicuramente uno dei migliori attori che il cinema ricordi, ha la fortuna di indossare una pellicola che sembra fatta per lui e a cui regala qualche momento discreto, da un lato grazie al suo fisico da culturista, dall’altro per un’espressività tanto strampalata quanto calzante in momenti come quelli del monologo finale.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext