Recensione su Rain man - L'uomo della pioggia

/ 19887.5614 voti

Toccante / 7 Ottobre 2016 in Rain man - L'uomo della pioggia

Charlie (Tom Cruise) è il tipico uomo d’affari a cui sembra importare soltanto dei soldi e del guadagno, ha una fidanzata (Valeria Golino) con la quale non ha un particolare rapporto. Nemmeno la morte del padre, con il quale aveva chiuso ogni contatto da giovane, sembra scuoterlo più di tanto. Ma quando si arriva alla lettura del testamento, lui si ritrova soltanto con una vecchia Buick e poco altro. Il resto è affidato al fratello Raymond (Dustin Hoffman) del quale nemmeno era a conoscenza, attualmente ricoverato presso un istituto perché affetto da autismo. Incavolato con tutto e tutti, Charlie preleva (leggi=rapisce) Raymond ed inizia un lungo viaggio da Cincinnati a Los Angeles, che Charlie vuole sfruttare per avere almeno la metà del patrimonio (3 milioni) dall’istituto che cura il fratello. Questo stesso viaggio però sarà l’occasione per recuperare un rapporto mai avuto e difficile, ma il bene che si possono volere due fratelli non va sottovalutato. Come neanche le incredibili capacità di Raymond, affetto sì da autismo ma dotato di una memoria e di una capacità di calcolo (che si rivelerà molto utile quando faranno tappa a Las Vegas) pazzesca. Un road movie drammatico, con qualche leggero momento di commedia ma sempre amara, molto emozionante e toccante, grazie soprattutto ad una prestazione maiuscola di Dustin Hoffman, e anche Cruise se la cava piuttosto bene. Lo stesso film è diretto in modo semplice ma efficace, ed è davvero piacevole da vedere, nonostante il difficile argomento trattato. Consigliatissimo.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext