Ritratto della giovane in fiamme

/ 20197.771 voti
Ritratto della giovane in fiamme

1770. Su un'isola sperduta della Bretagna, Marianne, pittrice, viene incaricata di dipingere il ritratto di matrimonio di Héloise, una giovane donna che, da poco, ha lasciato il convento per maritarsi. Marianne deve ritrarre Héloise di nascosto, fingendosi la sua dama di compagnia. Inaspettatamente, fra le due giovani nasce un sentimento tumultuoso.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: Portrait de la jeune fille en feu
Attori principali: Noémie MerlantNoémie MerlantAdèle HaenelAdèle HaenelLuàna BajramiLuàna BajramiValeria GolinoValeria GolinoChristel BarasChristel BarasArmande Boulanger, Guy Delamarche, Clément Bouyssou, Michèle Clément, Cécile Morel

Regia: Céline SciammaCéline Sciamma
Sceneggiatura/Autore: Céline Sciamma
Colonna sonora: Jean-Baptiste de Laubier, Arthur Simonini
Fotografia: Claire Mathon
Costumi: Dorothée Guiraud
Produttore: Bénédicte Couvreur
Produzione: Francia
Genere: Drammatico, Romantico
Durata: 120 minuti

Dove vedere in streaming Ritratto della giovane in fiamme

Film femminile / 9 Luglio 2020 in Ritratto della giovane in fiamme

Bel dramma romantico.
Una donna, dopo un viaggio in barca, arriva in una casa dove viene accolta da una domestica; si scoprirà che è una pittrice, Marianne (Noemie Merlant), ed è lì per fare il ritratto di una giovane, Heloise (Adele Haenel) data in sposa a un uomo di Milano (il quadro è per il futuro sposo).
Però la giovane rifiuta il matrimonio e quindi di farsi ritrarre; la pittrice dovrà accompagnare la giovane in camminate giornaliere per cercare di dipingerla a memoria.
Film interessante con un cast tutto femminile (a parte qualche personaggio secondario); con una donna costretta a un matrimonio
combinato come era d’uso un tempo. Inoltre c’è anche una tragedia familiare che però è quasi in secondo piano; infatti la pellicola
si concentra sul rapporto tra le due donne che cresce fino a diventare un’intensa storia d’amore.
Nel cast da citare Valeria Golino nei panni della madre della giovane.

Leggi tutto

Un dramma in costume fortemente simbolico nella sua allegoria, legato visceralmente alla poetica del ricordo, dell’attimo ripetuto nel tempo / 28 Dicembre 2019 in Ritratto della giovane in fiamme

Era dai tempi di ”Lezioni di piano” che non ammiravo una pellicola così mirabilmente intessuta di silenzi. Silenzi, mai avari di parole.
Come la Campion nel 1993, Céline Sciamma con il suo ”Ritratto della giovane in fiamme” sceglie di dosare bene le parole, per vestirle di un’eleganza discreta, misurata, tratteggiata da slanci e dolori che si compenetrano tra di loro.
Il riguardo nei dettagli, nelle inquadrature che catturano l’immagine levigando l’irta prospettiva del tatto, assumono nella pellicola contorni delicati, raffinati, che risaltano nel minimalismo degli ambienti.
‘’Ritratto della giovane in fiamme’’ cerca di rendere meno marcato nel contesto storico di fine settecento, il concetto di uniformità sessuale, andando a scandagliare le selvagge coscienze e le acerbe passioni di un amore connaturato e intenso.
La sceneggiatura riempie quei pochi spazi vuoti lasciati dagli sguardi, attenti nel cogliere le più piccole espressioni. Sguardi limpidi e seducenti, sudari di battiti e respiri, che ne ricoprono le nude austerità.
Un dramma in costume fortemente simbolico nella sua allegoria, legato visceralmente alla poetica del ricordo, dell’attimo ripetuto nel tempo.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.