Recensione su Angeli con la pistola

/ 19617.451 voti

25 Febbraio 2012

Vidi questa pellicola più di vent’anni fa e, alla luce di una recente seconda visione, mi rendo conto che la mia sensibilità cinematografica nei confronti di questo tipo di prodotto è cambiata moltissimo.
All’epoca, infatti, questo film mi divertì decisamente e non avvertii alcuno degli “intoppi” che, oggi, oltre all’eccessiva lunghezza, mi hanno reso pesante la visione del film.

In primis, la sovrabbondanza di buoni sentimenti, profusi per ogni dove a piene mani: ok, è un film di Capra e si tratta di una commedia sentimentale, ma -personalmente- non sono più avvezza a tanto zucchero gratuito. E’ un mio limite, me ne rendo conto.
L’eccessiva teatralità delle azioni e la caratterizzazione stereotipata dei personaggi, poi, è davvero troppo datata per i miei gusti.
Infine, il doppiaggio siculo di Peter Falk (ad opera del comunque bravissimo Oreste Lionello) è abbastanza discutibile.

Detto questo, la bravura degli interpreti è innegabile (anche se la grande Bette è, qui, un po’ troppo stucchevole), Falk e Ford in particolare sono davvero in parte, e alcuni siparietti tra Piccolo, Dave e Carmelo sono proprio gustosi.

Insomma, una commedia sufficientemente godibile, ma che -a mio parere- ha risentito troppo del trascorrere del tempo.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext