Recensione su Pixels

/ 20155.7198 voti

Adam Sandler non è male. È solo cattivo. / 27 luglio 2015 in Pixels

Una videocassetta contenente i migliori videogiochi degli anni 80 e spedita nello spazio viene intercettata da una razza aliena che la scambia per un messaggio ostile. Assumendo le fattezze dei personaggi di quei giochi, gli alieni sfidano i terrestri a una partita dove in ballo c’è la loro sopravvivenza. Per affrontarli troveranno un’occasione di riscatto sociale quattro nerd disadattati, gli unici in grado di giocare contro i mostri di pixel.

La vera sfida è quella alla sospensione dell’incredulità degli spettatori, quando il personaggio di Adam Sandler (lo stesso di tutti i suoi film) trova un riscatto sociale. Non è credibile. Adam Sandler è un comico che rinuncia all’autoironia, un clown che non vuole cadere o farsi schiaffeggiare: formula efficace per il pubblico meno esigente in fatto di umorismo e più esigente nel romanticismo, molto meno efficace per il plauso della critica.

La storia, al netto dell’impronta sandleriana, si iscrive agilmente nella filmografia di Chris Columbus: senso di meraviglia e buoni sentimenti, azione comica caricaturale, con l’aggiunta dell’inevitabile citazionismo e del nostalgico flashback iniziale. Mescola male altri ingredienti, come il superfluo e marginale ruolo del bambino.

Un film per l’estate molto divertente, ma di più corto respiro rispetto al simile omaggio di Ralph Spaccatutto (2012) al mondo dei videogiochi.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext