Recensione su Piovono Polpette

/ 20096.7348 voti

14 Aprile 2013

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Flint è un supernerd alienato e solo che inventa robe in uno strampalato laboratorio, accompagnato da una scimmietta. Le sue invenzioni passate, tutte più o meno fallite, vagolano per l’isola di non mi ricordo, un’isoletta che viveva tutta sull’industria delle sardine, e adesso che quella è fallita è allo sfascio. Ma lui se ne frega, e continua a inventare. Fin quando, un po’ per caso un po’ apposta, si inventa uno strumento in grado di mutare l’acqua in cibo. Che gli parte a razzo e finisce in cielo. E da lì in poi è in gradi di programmare il menù da far piovere con le precipitazioni atmosferiche. Diventa famoso, l’attrazione dell’isola, e conosce una giornalista timida e gnocca. Tutto gli va poi puntualmente fuori mano, perché il troppo stroppia, e dovrà combattere contro la vera e propria nemesi del cibo, tipo i polli mutanti, ecc.
Che è un po’ il tema dell’intero ambaradan, ossia la… grassità! Siamo americani e mangiamo troppo! Il sindaco senza scrupoli si gonfia sempre di più e non smetterà/ebbe mai, le persone vogliono sempre di più, e in c**o alle conseguenze, anche alle più ovvie. Quindi da un lato c’è una tematica seria che ciao, prova tu a renderla così ben digeribile a un pubblico di americani medi, e dall’altro una storia che sta in piedi ed è farcita di gag, in particolar modo gastronomiche ma non solo, ben riuscite e maionese, bisogna sempre aggiungere un po’ di maionese; il ritmo cala solo un po’ nello scontro finale, too long, ma nel frattempo si è anche parlato di rivincita dei losers, di essere se stessi, di portare gli occhiali anche se ci si vergogna, insomma, di un sacco di cose che sono piccole e buone e giuste. E, come se tutto ciò non bastasse, c’è pure Mister T che doppia il black poliziotto acrobatletico e vitaminico che difende la città, fa mangiare troppo gelato al figlioletto e poi capisce che no no, troppo gelato fa male, e così non va. Mister T!!!

Lascia un commento

jfb_p_buttontext