Recensione su Piccoli crimini coniugali

/ 20175.710 voti

Il voto sarebbe un 5.5 / 23 Gennaio 2018 in Piccoli crimini coniugali

Film un po’ deludente, ambientato in una casa; più teatrale che cinematografico.
Elia (Sergio Castellitto), dopo un incidente, ha subito un colpo alla testa che gli ha fatto perdere la memoria;
torna a casa insieme alla moglie (Margherita Buy) che cercherà di fargli ricordare la loro vita insieme.
Sarà vero oppure sta cercando di ricostruire il matrimonio plasmando il marito sul modello del suo uomo ideale?
Il punto di partenza poteva essere interessante, il film è tratto da una piece teatrale e la location in un unico ambiente lo dimostra (anche se altri casi come Carnage e anche Perfetti Sconosciuti era molto più efficace). Il film procede tra alti, giusto qualche inquadratura interessante e i dialoghi non urlati tra i due coniugi, e bassi, le continua urla tra i due, si passa dal tono soft all’urlarsi contro in pochi istanti. Inoltre anche il ritmo è un po’ lento, cercando di capire come era realmente il rapporto tra i due.
Cast minimale, il film (per me) non raggiunge la sufficienza con anche il finale che risulta non troppo convincente.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext