Recensione su Pauvre Pierrot

/ 18926.67 voti

Pauvre Pierrot e le altre “pantomime luminose” di Reynaud / 30 Settembre 2015 in Pauvre Pierrot

Nel 1892, ben tre anni prima della data di nascita convenzionale del cinema (il 28.12.1895, giorno della prima proiezione pubblica a pagamento dei Lumière), il francese Émile Reynaud proiettò, in uno spettacolo pubblico al Museo Grévin di Parigi, per mezzo del suo “teatro ottico”, tre “pantomime luminose” che costituiscono a tutti gli effetti i primi esempi di cinema d’animazione della storia.
Il teatro ottico era un dispositivo, inventato dallo stesso Reynaud sulla base di sue precedenti creazioni (il prassinoscopio e il prassinoscopio-teatro), che permetteva di proiettare pubblicamente disegni animati (preparati sempre da Reynaud).
Tra di essi vi erano quelli che costituiscono Pauvre Pierrot, una delle cinque pantomime create dall’artista e inventore francese in circa un decennio di attività. Le pantomime richiedevano infatti un lunghissimo lavoro, essendo costituite da centinaia di singoli disegni, che andavano a formare un filmato di quasi cinque minuti di durata.
Reynaud è considerato uno dei padri del cinema d’animazione, ma non uno dei fondatori del cinema tout court, dato che la sua invenzione non prevedeva, almeno inizialmente, la proiezione di pellicole fotografiche.
Nonostante la scarsa varietà dei soggetti rappresentati (che furono appunto soltanto cinque in tutto), il teatro ottico ebbe un buon successo di pubblico e fu accantonato da Reynaud soltanto nel 1900, quando, sconfortato dall’inevitabile prevalenza del cinema, l’inventore gettò nella Senna tre delle cinque sue creazioni.
Pauvre Pierrot è una delle due che si sono salvate.
Racconta la storia di Pierrot che tenta di corteggiare Colombina, venendo però beffato (e sbeffeggiato) da Arlecchino, in un soggetto classico della Commedia dell’Arte.
Non fu la prima pantomima ad essere disegnata da Reynaud, bensì la prima ad essere rappresentata durante la première del teatro ottico nell’ottobre 1892, il che la rende il primo corto animato della storia del cinema d’animazione.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext