Paura e desiderio

/ 19536.264 voti
Paura e desiderio

Durante una guerra imprecisata, il tenente Corby e i soldati Fletcher, Mac e Sydney, dopo l'abbattimento dell'aereo militare su cui stavano viaggiando, si ritrovano in una foresta situata in un luogo sconosciuto. Per non finire nelle mani del nemico, Corby decide di provare a costruire una zattera con la quale lui e i suoi commilitoni potranno risalire il fiume per raggiungere la loro base.
schizoidman ha scritto questa trama

Titolo Originale: Fear and Desire
Attori principali: Frank SilveraFrank SilveramaschioKenneth HarpPaul MazurskyPaul MazurskymaschioStephen CoitVirginia LeithVirginia LeithDavid Allen

Regia: Stanley KubrickStanley Kubrick
Sceneggiatura/Autore: Howard Sackler
Colonna sonora: Gerald Fried
Fotografia: Stanley Kubrick
Produttore: Stanley Kubrick
Produzione: Usa
Genere: Drammatico, Guerra
Durata: 62 minuti

Dove vedere in streaming Paura e desiderio

In principio fu così / 6 Settembre 2017 in Paura e desiderio

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

L’ineluttabile volontà dell’uomo di appartenere, di identificarsi in un gruppo identitario. Kubrick dipinge, nella sua opera prima, la guerra come ossimoro “fra paura e desiderio”.
Il desiderio di combattere, di compiere un gesto memore nei secoli futuri e osannato dal proprio popolo spinge Mack “all’attentato-suicida” al generale nemico.
La paura di avvicinarsi sempre di più alla morte porta il giovane compagno d’armi alla pazzia.
Kubrick vede sempre così gli uomini: soli, indifesi e deboli. Umani nel peccato, nella loro individualità (“semplice isole della terra”), nonostante l’essere parte di un gruppo li renda ai loro occhi più forti.

ps: notare come K. veda sempre le gerarchie militari dal basso!

Leggi tutto

2 Agosto 2013 in Paura e desiderio

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Il primo film di K., quello che tutti vanno a vedere più per coscienza di quello che ha fatto dopo che non per i suoi effettivi meriti. Me compreso eh, sia chiaro, hai visto tutto, ti dicono che ce n’è uno che manca ed è di quando era giovane, e che fai, non vai?
WRONG!
K. a 25 anni, o giù per di là, gira questo film a basso costo e superautoprodotto, con un pugno d’attori e un pugno di foglie secche (‘na foresta, intendo).
In una realtà ipotetica presentata da una iniziale voce fuori campo, ci sono quattro soldati dispersi dietro le linee nemiche. La storia sono loro che devono tornare al fronte, dal lato loro. Uno è il capo, uno è inutile, uno è grosso e burbero e uno è sensibile. Dissidi, scontri e confronti. Prendono prigioniera una ragazza (per inciso, bella topa), la lasciano col sensibile che fa l’upgrade, e da sensibile diventa matto, e l’ammazza. Il matto racchiude bene in se stesso la paura e desiderio del titolo. Gli altri, già che ci sono, prima di andarsene tendono un agguato a un generale, a caso.
Il gioco, la presentazione del film, sta nel fatto che si possono rintracciare blu le mille tematiche blu kubrickkiane che si potranno rinvenire poi nei suoi film successivi. Ed è vero, ci sono, e il mondo è pieno di elenchi. Per il resto, il giovane K. È sgangherato nel giostrare i suoi personaggi di questa trama debole, per cui pretenziose parole e riflessioni che sboccano nowhere, un paio di scene quasi pulp, di morte e minestra, montaggio altalenante con insistiti primi piani angosciosi, abilità registiche in fieri che si vedono agli inizi (ma di nuovo, sempre col senno di poi), personaggi non del tutto riusciti – anche se il matto che mima il generale pancione fa ridere. L’ambizione si vede, la capacità di arrivarci ancora no.
Si salvano quasi tutti. Tranne la topa.
Sporca guerra infame.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.