Recensione su Passione sinistra

/ 20134.860 voti

Commedia imbarazzante / 1 Ottobre 2015 in Passione sinistra

Quanta pochezza, accidenti.
Da un certo punto di vista, ci vuole impegno, per sfornare un film così imbarazzante e pressapochista: nel tentativo di ribaltare stereotipi e cliché, Passione sinistra si affossa in nonsense affatto divertenti, nella sagra dei luoghi comuni. Anche il disegno dei vari topoi antropologici da criticare, volutamente macchiettistico, sfiora l’improponibilità: dal gay cultore dell’arte al politico senza cervello, passando per l’oca giuliva fino allo scrittore tronfio, tutti i personaggi sono bozzetti elementari e mal gestiti.
Ne viene fuori una commedia che non stuzzica, non intriga e non fa nemmeno sorridere: cosa dovrebbe suggerire? La possibilità che, in nome dell’amore, si può scendere a compromessi? Mi faccia il piacere, mi faccia… Non che la cosa non sia plausibile: di certo, per quel che mi riguarda, non lo è in questi termini.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext